• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

arcobaleno

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ho sostituito la vecchia caldaia all’ inquilino con una di nuova generazione kw 30.
Per ottenere il recupero fiscale all’ Enea cosa devo dichiarare? Posso ottenere il 50% oppure il 65% di recupero? Da ciò che ho capito non serve l’asseverazione del tecnico perché inferiore a 35kw, sbaglio?
Grazie a chi vorrà rispondere. Buon proseguimento a tutti.
 

Fift@

Membro Ordinario
Professionista
Devi innanzitutto pagare con bonifico parlante, tutte le indicazioni le trovi sul sito dell'agenzia delle entrate.
 

Fift@

Membro Ordinario
Professionista
Devi pagare come da indicazioni scritte sul sito dell'agenzia, lo stesso installatore saprà spiegarti tutto
 

Biz Consulting

Membro Ordinario
Professionista
La sostituzione degli impianti termici permette l'accesso sia all'Ecobonus che al Bonus Ristrutturazioni, ma ci sono requisiti tecnici distinti da rispettare e procedure burocratiche diverse da seguire.
Prima di tutto, se non si ha un riscaldamento a pavimento e non vengono installate termovalvole a bassa inerzia su tutti i termosifoni (o, in alternativa, altri dispositivi modulanti a monte degli stessi), non si può accedere all'Ecobonus.
Cambia anche la percentuale di detrazione a seconda delle termovalvole montate: con quelle meccaniche tradizionali è pari al 50%, con quelle "intelligenti" di nuova generazione sale al 65%.
Se, invece, si cambia la vecchia caldaia con una a condensazione in classe A senza montare termovalvole, si può accedere solo al Bonus Ristrutturazioni (detrazione 50%).
Veniamo alla burocrazia.
Nel caso di Ecobonus l'intervento va pagato con bonifico parlante per interventi di efficientamento energetico (legge 296/06), mentre in caso di Bonus Ristrutturazioni va fatto quello per recupero edilizio (legge 449/97).
In entrambi i casi va inviata comunicazione all'Enea. Questo è il portale che permette di accedere ad entrambe le procedure.
Per quanto riguarda la necessità dell'intervento di un tecnico, nel caso di Ecobonus per impianti con potenza nominale al focolare inferiore a 100 kW, non serve. Infatti, da un paio di anni, non viene più richiesto il calcolo asseverato esatto del risparmio ottenuto, che viene effettuato in automatico dalla piattaforma Enea (basta conservare le certificazioni di generatore e termovalvole rilasciate dai posatori/produttori).
Nel caso del Recupero edilizio, invece, l'asseverazione resta necessaria, in quanto va certificato il risparmio ottenuto a fronte dell'intervento sulla base delle normative tecniche vigenti in materia, così come disposto dall'articolo 16-bis, comma 1, lettera h) del TUIR.
Spero ora la situazione sia più chiara.
Buone detrazioni!
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se non hanno nuovamente cambiato il bonus per il risparmio energetico implica il ricorso ad un "tecnico".
Non mi pare: per questi beni finiti sembra sufficiente riportare i dati di targa del prodotto sull’allegato richiesto.
Poi non sono stati entrambi i bonus portati al 50%? o anche qui ricordo male?
Per certo invece, sia per bonus ristrutturazioni che per risparmio energetico, occorre comunque compilare nei casi in cui si ipotizza un risparmio energetico, un questionario statistico sul sito Enea (da non confondere con la asseverazione del termotecnico)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto