1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. gi55

    gi55 Ospite

    Salve a tutti
    recentemente è venuto a mancare mio fratello non sposato e non sappiamo,noi quattro fratelli eredi diretti, se ha fatto testamento oppure no e se l'ha fatto dove. Come funziona? Se c'e un testamento da un notaio o qualcun'altro ci devono avvertire o dobbiamo informarci noi? Se il testamento esiste e ha lasciato tutto a uno solo gli altri fratelli anno diritto a una parte?
    molte grazie
    giuliano
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao gi55
    Se vi è un testamento la quota di leggittima è pari ad 1/3 del patrimonio da suddividere in parti uguali tra voi art 538 Cod.Civ.,se invece non c'è testamento il patrimonio è in comunione a tutti voi in quote uguali avendo cura di redigere entro un anno dal decesso la dichiarazione di successione.
    Auguri e buone feste.
    salves
     
  3. gi55

    gi55 Ospite

    Grazie salves
    volevo un altra informazione se possibile: oltre alla casa che é intestata al defunto, assieme abbiamo intestato anche del terreno in parte agricolo in parte fabbricabile con 5 lotti nei quali paghiamo l'ICI.
    come verrà diviso il terreno? Possiamo rimanere cointestati o è meglio dividere per non incasinare i figli?
    Grazie a tutti
     
  4. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    se un testamento esiste, ed è depositato da un notaio, sarà lui stesso a cercarvi

    quando muore una persona, il medico curante o l'ospedale ne danno notizia al comune di residenza..il comune avvisa la finanza che a sua a volta avvisa anche le banche, per bloccare i conti del defunto...anche i notai vengono avvisati(oppure sono loro che controllano periodicamente, questo non lo sò per certo)

    per quanto riguarda le quote di eredità salves si sbaglia di molto

    i fratelli non sono eredi legittimari, ossia quelli cui per legge spetta una quota minima dell'eredità

    in mancanza di coniuge e di figli(questo non lo hai specificato), gli unici eredi legittimari sono i genitori del defunto, se esistono, e a loro spetta 1/3 della massa ereditaria lasciata

    se esiste un testamento, ogni fratello può anche non ricevere nulla, vista la figura di erede non legittimario, e và rispettato cosa vi è scritto(salvo la eventuale quota legittima per gli ascendenti del defunto)

    se non esiste, e se il defunto non aveva i genitori in vita, l'eredità si divide in parti uguali tra i fratelli

    per la quota del terreno, farete la successione e aggiornerete la proprietà
     
    A possessore piace questo elemento.
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Il comune non avvisa la "finanza". E le banche non le avvisa nessuno, se non l'INPS o altri enti di previdenza che interrompono il pagamento di eventuali pensioni.
    Ah, quindi i fratelli sarebbero "ascendenti"? :)
     
  6. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    grande Nemesis...ora di abitudine aspetto tue puntualizzazioni, anche quotidiane

    se io ho scritto che il comune avvisa la finanza, non è perchè sono un dipendente comunale o un finanziere..mi sono basato su una risposta in un altro forum che ritengo attendibile...eccone il testo=



    ''''''''''''Premesso che si è "morti" solo se ESISTE UN CORPO, va da se che la morte del "de cuius", è constatata da un medico ( ospedale o di famiglia ) . Questo medico, ha l' obbligo di comunicarlo al Comune entro 24 ore annotando data ed ora del decesso, controfirmata da testimoni..
    Il Comune aggiorna l' ufficio anagrafico e trasmette ( tramite il C.F. ) a tutti gli enti pubblici,
    tra i quali la G.di F.
    La G.di F ( o i carabinieri ) trasmettono a Banche e NOTARIATO
    Conti correnti, immobili, cassette di sicurezza, tutto insomma, vengno "bloccati" e segue un inventario.... ENTRO 6 MESI DAL DECESSO SI APRE LA SUCCESSIONE.
    Il tempo è necessario alla ricerca di tutti gli eredi.''''''''''''



    poi, per quanto riguarda la risposta di Salves, già io avevo scritto che i fratelli non sono eredi legittimari, e che quindi nessun 1/3 gli spetta di diritto

    ma se tu scrivi '' Ah, quindi i fratelli sarebbero "ascendenti"? '', Salves non ha dichiarato questo...allora ci sarebbe da supporre che nell'art. 538 c'è scritto qualcosa al riguardo delle quote legittime degli ascendenti, e infatti andando a guardare è proprio così

    ma allora non facevi prima a scrivere che l'art. 538 riguarda gli ascendenti e non i fratelli?così almeno tutti capiscono subito le tue preziosissime puntualizzazioni, senza dover andare a cercare quell' articolo
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    in mancanza di eredi diretti subentrano i f.lli, per il resto dato che dovete prendere un notaio per la successione sarà lui a vedere se verrà pubblicato il testamento del de cuius
     
  8. Giovanni de Matteis

    Giovanni de Matteis Nuovo Iscritto

    I fratelli del dante causa non sono eredi legittimari, quindi -se esiste testamento- i beni costituenti l'asse ereditario vanno a colui o a coloro che sono stati indicati dal defunto. Tanto -naturalmente- se non ci sono moglie e figli.
     
  9. gi55

    gi55 Ospite

    Grazie a tutti per le risposte.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina