• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

virgilio

Membro Attivo
Professionista
Una testatrice redige un testamento olografo nel quale assegna a titolo di disponibile, per aver ricevuto la servitùi in vita, un bene al solo erede che si è occupato di lei, e nel testamento olografo tralascia di assegnare gli altri beni a tutti gli eredi che sono in tutto tre. Premetto che il bene assegnato come disponibile, come valore vi rientra pienamente.
La domanda è: e valido il testamento cosi redatto? se si; gli altri beni non assegnati, come vanno suddivisi, alla morte della testatrice?
 
L

Loretta Grazia

Ospite
Premesso che sarebbe stato più chiaro un testamento olografo che contenesse la descrizione di tutti i beni, quello da te descritto è comunque un testamento valido. I beni non citati verranno ripartiti tra gli eredi in base alle quote di legittima,che dipendono dal grado di parentela. Un'unica osservazione: tu dici che il bene assegnato alla persona che si è presa cura della testatrice rientra pienamente nella quota disponibile. E' essenziale che questa condizione permanga alla data del decesso, altrimenti il testamento è impugnabile dagli eredi legittimi. In altre parole, occorre aver la sicurezza che la testatrice non ceda la proprietà di alcun bene finchè è in vita. ciao
 

virgilio

Membro Attivo
Professionista
Egr. Dott. Loretta, la Ringarzio per la chiarezza nella risposta.Distinti Saluti, Virgilio
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
semplice, sig virgilio-
il testamento assegna il cespite al chiamato, senza problemi, in quanto come lei dice il valore del cespite non supera la disponibile con una successione testamentaria. gli altri beni e gli altri eredi ( legittimi) mancanti nel testamento, risolveranno il tutto con una successione legittima. con assegnazione per quote nominali spettanti per legge, indivise.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
gli altri beni e gli altri eredi ( legittimi) mancanti nel testamento, risolveranno il tutto con una successione legittima. con assegnazione per quote nominali spettanti per legge, indivise.
Nella ripartizione rientra anche l'erede indicato nel testamento essendo un legittimario.
 

domenico10

Membro Ordinario
Professionista
è sottinteso naturalmente. e cosi se la somma tra cespiti testamentari e legittima superera la disponibile all'unico chiamato nel testamento, scoppiera il putiferio.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buonasera, sono nuova di qui, e devo capire come entrare nel Forum
Buongiorno. Dopo aver messo in vendita la casa scopro che esiste una scrittura privata fatta tra mio padre e mio zio (quest'ultimo defunto) per la vendita di due spazi divenuti poi terrazzi i quali sono stati accatastati ma il documento in questione non è stato autenticato quindi c'è il catasto c'è la provenienza ma non la SCIA. Come risolvo?
Alto