• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cpiero

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti, non so se è il posto giusto, questo è il problema:
Nel 2010 io e altri proprietari di un fondo agricolo con servitù di passaggio attraverso il fondo di una terza persona, sostenendo che nel tempo tale passaggio era stato ristretto, abbiamo avviato una causa civile per chiedere al giudice la verifica ed ed eventuale aggravamento di tale passaggio. Dopo alcuni anni, nel 2014 io ho venduto il mio terreno descrivendo la causa ancora pendente nell'atto di vendita, accettata in subentro dall'acquirente. Oggi l'avvocato propone alla firma di tutti i proponenti, un accordo transitivo in cui, d'accordo con la controparte, si stabilisce un allargamento della servitù previo pagamento di una somma concordata. Non essendo io più proprietario del terreno, (avendo venduto nel 2014) ma avendo sottoscritto la causa nel 2010, che obblighi ho in tale atto? Sono tenuto a firmare tale accordo? E' sufficente il subentro del nuovo proprietario trascritto nell'atto Notarile ad escludermi da responsabilità inerenti all'accordo odierno? Cosa dovrei fare per non avere più nessun legame con questa causa?
Grazie infinite a chi mi saprà chiarire, piero
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Non comprendo il fine della domanda visto che hai un legale che vi segue.

Un accordo stragiudiziale non ha nulla a che vedere con la causa.
Se il tuo acquirente aveva accettato il subentro ti sostituisce.

Se vi è una questione di compensi al legale vale quanto sopra ... ma se il compratore non adempie tu potresti essere chiamato ad saldare (per poi rivalerti).
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se la servitù di passaggio è carrabile deve essere di circa m 3,00 e la si acquisisce o se ne perde il diritto per usucapione oltre con un atto pubblico. Trovo strana una causa per detta servitù con una transazione perché se esisteva se ne dovrebbe trovare traccia nelle carte catastali e/o nelle aero-fotogrammetrie, oltre alle menzioni sugli atti pubblici. E comunque, se gli immobili dominanti ricadono nella zona agricola, devono avere l'accesso garantito per l'esecuzione delle lavorazioni.
 

Antonio Abiuso

Membro Attivo
Proprietario Casa
In base al contratto di vendita, l'acquirente dovrebbe essere già intervenuto nel giudizio con la conseguente tua formale estromissione. In tal caso un'eventuale transazione della lite riguarda solo lui e non più te. Diversamente se tu vi risultassi ancora una parte in causa (per non essere stata la tua estromissione consentita dalla controparte) alla transazione dovresti comunque, per esser valida, partecipare. Ma queste cose il tuo avvocato le conosce a mena dito; perché dunque cerchi il...conforto del forum?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Come faccio a leggere una risposta al quesito sottoposto
Alto