• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

blallo49

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Buongiorno, circa 30 anni fa' acquistai un bilocale in calabria, stipulai una scrittura privata versando al venditore quasi tutta la somma pattuita e la residua parte con riserva alla stipula dell'atto. Risulto' in seguito che l'atto non era stipulabile fino a quando non si sarebbero regolarizzate delle difformita'. Nell'attesa purtroppo il venditore e' deceduto. Non avendo quest'ultimo eredi diretti (figli) ne tantomeno indiretti perche' questi ultimi rinunciarono all'eredita per motivi economicamente svantaggiosi. La domanda e' questa: considerato il possesso ultraventennale posso procedere tramite usucapione per l'acquisizione del titolo di proprieta'. Grazie blallo49
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
mi sembra che tu sia un poco superficiale: hai pagato quasi tutto un appartamento lasciando il saldo alla stipula dell'atto; l'atto non si è potuto fare per difformità che il venditore non ha sanato e tu non ti fai restituire i soldi pagati?
Poi se l'appartamento è ancora intestato al proprietario che nel frattempo è morto e non ci son eredi, subentra lo stato nella proprietà. Quanto tempo è passato dalla morte del proprietario?
Per quanto riguarda l'usucapione occorre che l'appartamento sia stato posseduto da te per almeno 20 anni consecutivamente in modo pubblico e sopratutto con l'animo di essere il proprietario (tipo cambiare la serratura di casa, fare lavori manutentivi ecc... ecc. )
poi cosa vai ad usucapire un immobile che urbanisticamente non può essere sanato?
 

blallo49

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
La casa e' stata posseduta dal momento della stipula dell'impegnativa, 30 anni, ( motivo per cui versai quasi tutta la somma) e il venditore e' morto circa un anno dopo quindi 29 anni fa'. Quindi il possesso e' stato pubblico e indisturbato.Urbanisticamente, da quanto riferito dal comune e sanabile. Sarebbe solo da acquisire una porzione di terreno di natura comunale. Penso ci siano i presupposti per usucapire l'immobile.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
il venditore e' morto circa un anno dopo quindi 29 anni fa'.
I chiamati all'eredità, se non hanno presentato la successione ed hanno accettato l'eredità, essendo trascorsi più di 10 anni dalla morte del loro parente, hanno perso il diritto di accettare l'eredità.
L'appartamento dovrebbe essere diventato di proprietà dello Stato.
il possesso e' stato pubblico e indisturbato.Urbanisticamente, da quanto riferito dal comune e sanabile. Sarebbe solo da acquisire una porzione di terreno di natura comunale.
puoi chiedere l'usucapione tramite domanda che presenterà un avvocato presso il Tribunale di competenza territoriale, dove verranno esaminati i documenti e sentiti i testimoni che porterai. Una volta ottenuta la proprietà, che dovrà essere registrata presso la ex Conservatoria dei Registri Immobiliari, dovrai incominciare le trattative con il Comune per acquistare il pezzo di terreno che ti manca per regolarizzare l'appartamento. E quindi fare la regolarizzazione. Ti serve un buon Geom. ed un buon Avv.
 

plutarco

Membro Attivo
Proprietario Casa
I chiamati all'eredità, se non hanno presentato la successione ed hanno accettato l'eredità, essendo trascorsi più di 10 anni dalla morte del loro parente, hanno perso il diritto di accettare l'eredità.
L'appartamento dovrebbe essere diventato di proprietà dello Stato.

puoi chiedere l'usucapione tramite domanda che presenterà un avvocato presso il Tribunale di competenza territoriale, dove verranno esaminati i documenti e sentiti i testimoni che porterai. Una volta ottenuta la proprietà, che dovrà essere registrata presso la ex Conservatoria dei Registri Immobiliari, dovrai incominciare le trattative con il Comune per acquistare il pezzo di terreno che ti manca per regolarizzare l'appartamento. E quindi fare la regolarizzazione. Ti serve un buon Geom. ed un buon Avv.
Non è possibile usucapire allo stato... Sei proprio certo del fatto che nessun chiamato abbia accettato?
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Penso ci siano i presupposti per usucapire l'immobile.
Da quanto affermi, il tuo possesso ultraventennale senza interruzione, pubblico ed incontestato non ti da i presupposti per usucapire: l'hai usucapito di diritto. Poi se vuoi regolarizzare l'intestazione catastale devi chiedere che l'usucapione venga certificata da una sentenza. Se tu volessi potresti vendere, lo potresti fare dichiarando al notaio il possesso ultraventennale e se quando verrai a mancare i tuoi eredi lo potranno inserire nella dichiarazione di successione e ti subentreranno regolarmente.
 

blallo49

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Da quanto affermi, il tuo possesso ultraventennale senza interruzione, pubblico ed incontestato non ti da i presupposti per usucapire: l'hai usucapito di diritto. Poi se vuoi regolarizzare l'intestazione catastale devi chiedere che l'usucapione venga certificata da una sentenza. Se tu volessi potresti vendere, lo potresti fare dichiarando al notaio il possesso ultraventennale e se quando verrai a mancare i tuoi eredi lo potranno inserire nella dichiarazione di successione e ti subentreranno regolarmente.
Grazie gianco, avevo un dubbio ma adesso mi e' molto più chiaro e logico
 

blallo49

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Non è possibile usucapire allo stato... Sei proprio certo del fatto che nessun chiamato abbia accettato?
Certo, son passati 29 anni dal decesso. E ne sono in possesso da 30, senza interruzione ( premettendo di averlo anche pagato ad eccezione di un piccolo residuo 10-15%
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Ha usucapito e la scrittura privata nel testimonia il tempo decorso. L'usucapione deve essere formalizzato con sentenza del giudice che sarà poi trascritta nei registri immobiliari.
Serve consultare un avvocato per la questione usucapione.....poi successivamente alla trascrizione occorre un tecnico per le incombenze di natura edilizia e urbanistica nonché catastale
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Pertanto, possono benissimo essere oggetto di usucapione da parte dei privati.
Scusate se vado fuori tema: è vero che invece lo Stato (la PA) non può usucapire beni privati? E può solo procedere con eventuale esproprio? In sostanza che differenza fa?
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Ma anche no. Tale sentenza avrebbe mero valore dichiarativo, e non costitutivo del diritto.
per questo avevo scritto
"L'usucapione deve essere formalizzato con sentenza del giudice che sarà poi trascritta nei registri immobiliari. "
altrimenti come lo costituisci il diritto ?
in assenza di una sentenza oppure di una pronuncia di un giudice come si addiviene al diritto di proprietari ?
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Scusate se vado fuori tema: è vero che invece lo Stato (la PA) non può usucapire beni privati? E può solo procedere con eventuale esproprio? In sostanza che differenza fa?
non saprei se lo stato possa usucapire o meno.
In merito all'esproprio, esso è il procedimento posto in essere (per azione coatta) secondo il quale avviene il trasferimento della proprietà di un bene dal privato alla PA.
Posto che lo stato possa usucapire, la differenza con l'esproprio sarebbe che nel secondo caso è una azione coatta!
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Con il possesso continuato ex art. 1158 c.c.
Sancisce un diritto di proprietà in virtù di possesso continuato per un 20ennale.
Ma come lo dimostri il possesso 20ennale ? chi o cosa lo acclara ?
Cosa trascrivi nei registri immobiliari, o meglio la trascrizione a favore (usucapente) in che modo sarebbe acclarata con il solo 1158 ?

il 1158 CC sancisce la sussistenza di un diritto......ma tale diritto dovrà essere formalizzato attraverso la pronuncia del giudice che ne conferma e legittima la costituzione dello stesso diritto. La pronuncia del giudice assume valenza di titolo che potrà essere trascritto.
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Nulla. Ma il diritto è acquisito. E puoi alienare il bene dichiarandoti proprietario.
non metti a fuoco il contesto
-A- è proprietario di un bene -b-
il bene -b- è detenuto in modo continuativo da un soggetto -C- ........quindi -C- in forza del 1158 CC nè acquisisce la "proprietà" per usucapione in virtù del possesso continuativo.

In questo contesto anche se -C- ne E' usucapente, IN ASSENZA DI TRASCRIZIONE il primo proprietario -A- ne resta tale nei registri immobiliari.
QUINDI deve intervenire un passaggio successivo che pone in essere una trascrizione a favore di -C- che ha usucapito, facendolo risultare a pieno titolo come proprietario
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho due entrate nella mia proprietà. Il numero civico va messo solo all'entrata pedonale o anche al carrabile? Sono separati da molto muro di recinzione e spesso postini e corrieri citofono al carrabile quando la cassetta della posta è al pedonale. Cosa posso fare? Grazie
Alto