1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Acquisto usufrutto di un immobile ristrutturato
    [​IMG]
    Domanda
    Ho acquistato da un'impresa di costruzione l’usufrutto su un immobile ristrutturato, mia figlia la nuda proprietà. Le fatture di vendita sono intestate a entrambi, ma il pagamento l’ho effettuato io. Come ripartire la detrazione?

    Risposta
    Nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia riguardanti interi fabbricati da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedono alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile, è prevista, a favore dell'acquirente o assegnatario delle singole unità immobiliari, la detrazione IRPEF del 36% del valore degli interventi eseguiti (del 50% per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014), che si assume pari al 25% del prezzo dell’unità immobiliare risultante nell'atto pubblico di compravendita o di assegnazione e, comunque, entro l'importo massimo di 48mila euro ovvero di 96mila euro, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014. Anche l'acquisto di un diritto reale di godimento, come l’usufrutto, rientra nell'ambito applicativo della disposizione. La detrazione d'imposta deve essere riconosciuta, qualora la relativa spesa sia stata effettivamente sostenuta entro i limiti dell'importo fatturato, in relazione al valore dei diritti acquistati dai singoli contribuenti quali risultano dall'atto di compravendita o di assegnazione del diritto immobiliare. Pertanto, il genitore acquirente del diritto di usufrutto sull'immobile che ha sostenuto interamente la spesa per l'acquisto dello stesso, ha diritto di beneficiare della detrazione IRPEF, avendo a riferimento la spesa riferibile all'acquisto del proprio diritto. Non può invece essere riconosciuta la detrazione ai familiari del contribuente che non hanno sostenuto la spesa. Infatti, secondo i principi generali che regolano i meccanismi della detrazione per oneri, il contribuente, per averne diritto, deve avere effettivamente sostenuto la spesa e questa deve essere rimasta a suo carico (risoluzione 1/E del 2007).

    risponde
    Gianfranco Mingione 30 luglio 2017 (da rivista agenzia delle entrate )

     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  2. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Il pagamento è ufficiale, ovvero risulta tracciato ed effettuato da una sola persona oppure formalmente è stato effettuato da ambedue? le cose cambierebbero, non basterebbe dire che i pagamenti sono stati effettuati da una sola persona
     
  3. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    @ennioalessandrorossi. Questo formalismo cavilloso specie nel fiscale è una delle tante storture legislative. Per aggirarlo ( questo Stato con queste MODALITA' di Leggi meriterebbe questo ed altro...) il padre avrebbe dovuto dare (prestare...regalare...donare ) i soldi alla figlia
    in tutti i modi possibili (contanti frazionati...assegni...bonifici...). Al rogito la figlia avrebbe versato il suo importo con assegno circolare, idem il padre. E' un puro formalismo dovuto ad un giro in più o in meno sulla sostanza che è: " Con determinati requisiti fino a questo totale di spesa su "quello" immobile, il contribuente può detrarre queste percentuali". La sostanza è questa e da dove arrivi il versamento allo STATO-fisco non dovrebbe proprio interessare...Ma siccome non può perdere il vizio di riprendersi in qualche modo quello che ha concesso con una mano, allora ciecamente e avidamente fa diventare sostanza la più banale delle formalità costringendo il contribuente a giri e raggiri leciti o illeciti. Come non mandarlo a fare nel c...o??? La trivialità,come sfogo, ogni tanto ci vuole perchè con i duetti e i minuetti il Principe si sollazzava nel 700...ora siamo nel 2000 avanzato e ogni uomo pubblico si sente un principe meritevole di TUTTO... mentre non è altro che un affabulatore pronto ad ingannare il popolo...e quindi meritevole di tutte le ingurie che quotidianamente gli vengono formulate dai sudditi. E QPQ non si sottrae e invita i propisti a fare (ogni tanto) altrettanto. Per chiudere sul tema mi fa impressione che un personaggio erudito e informato come il postante sia caduto nel "tranello" legislativo. Mi viene il dubbio che sia un diversivo tanto per vederne l'effetto reattivo. Mi attendo sonori fischi. Anch'essi sempre graditi specie se "infrecciati". qpq.
     
    A arciera piace questo elemento.
  4. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ricordiamoci tutti che un genitore, checche' chiunque ne dica qui nel forum, puo' regalare ai figli quel che vuole senza che lo stato possa dire e chiedere nulla. Fino alla quota di un milione di euro il genitore puo', ' tramite pagamento tracciato perché il beneficiario possa mostrarne la provenienza, donare, regalare e prestare la somma ai figli e versarla liberamente senza dover dire nulla a nessuno. Potete portare qualsiasi articolo di legge, le cose stanno così. Già fatto: ed il mio onesto notaio mi ha detto che il suo intervento non era necessario. Salvo se con questi soldi si acquisti una casa allora vi sono ulteriori duecento euro per la trascrizione della somma donata. Solo altre duecento euro.
     
  5. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il post di Rossi è la risposta che il fisco ha dato ad un contribuente che ha fatto la domanda....non capisco il lungo commento di qpq e tutti i giri e rigiri di denaro a nome della figlia...
    se la figlia non avesse reddito (per cui il padre paga tutta la quota al 100%) che se farebbe quest'ultima delle agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni????? Meglio che le abbia tutte il padre..
     

    Files Allegati:

    A arciera piace questo elemento.
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Essezeta non sappiamo se la figlia abbia un reddito oppure no.
    Il mio intervento supponeva di sì. Credo confermato dal silenzio di AlbertoRossi. E in tal caso il percorso indicato era il più conveniente. Tra l'altro attuato da me nel 1991 con la mia prima figlia. Sono poi solo opinioni. Grazie per il riscontro. QPQ.
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Che io sappia correggetemi se sbaglio, tutte le volte che c'è una detrazione fiscale (facciamo l'esempio della piccola ristrutturazione di 50.000€) al 50% significa che lo stato restituisce alle persone che ne hanno richiesto 2.500€ di tasse all'anno per i prossimi 10 anni, bisogna verificare la capienza fiscale dei singoli.
    Voglio dire se la capienza fiscale fosse di 4.000€ annui va bene ne scali 2.500 e paghi solo 1.500€ annui di imposte per i prossimi 10 anni.
    Se la capienza fosse più bassa dei 2.500€ (ad esempio 2.000€) lo Stato non va a debito con te di 500€ ma al massimo te ne versa 2.000€...infatti la detrazione data al singolo non supera mai la capienza fiscale effettiva e la parte rimanente viene persa. Ecco il perchè occorre essere un pò Commercialisti oltre che Geometri (nel mio caso) per valutare la capienza del singolo e dargli delle dritte per non perdersi neanche un centesimo di detrazione fiscale.
     
    A quiproquo e arciera piace questo messaggio.
  8. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    perfettamente così
     
  9. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se è così, è un'altra delle tante storture legislative che man mano scopriamo insieme. In questo caso produce anche una iniquità fra cittadini contribuenti. Quello con un maggior reddito riesce a recuperare il 100% della detrazione, quello con uno minore l'80%
    con una perdita del 20% pari a 5.000 euro. Quel Legislatore storpiatore avrebbe dovuto semplicemente aggiungere:
    "Il termine di anni 10, se necessario, sarà prorogato fino al raggiungimento del totale detrattivo." O altra terminologia affine.
    Per una volta: tutti d'accordo???????????? spero di sì. qpq.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  10. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Ma infatti quando ci sono questi casi cerchi di coinvolgere genitori e figli, dove i primi magari sono usufruttuari e i secondi nudi proprietari dell'immobile oppure ci sono 2 o più cointestati dello stesso immobile . A quel punto puoi proporre a loro di ripartire in parti uguali o meno (a seconda della capienza fiscale di ognuno) le fatture di ristrutturazione per le detrazioni in modo da sfruttare il totale la somma che l'Agenzia restituisce pr l'investimento realizzato. Noi ultimamente operiamo così. Voglio dire se la somma che restituisce è 2500€, il figlio fosse capiente solo per 1000€ se c'è anche il padre prendi anche lui ad esempio per 1500€ e fai delle fatture a più intestati in modo da sfruttare il limite incentiva bile a testa dei due.
     
    A arciera piace questo elemento.
  11. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    E' quello che abbiamo fatto a casa mia: nella ristrutturazione, dopo aver esaurito tutto la nostra IRPEF, abbiamo fatto intestare fatture anche a nostra figlia come familiare convivente, così recuperiamo anche la sua IRPEF, (salvo poi restituirle quanto da lei pagato).
     
  12. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Io l'ho imparato dal mio commercialista.
     
  13. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Riepilogo:
    1)Un esperto come Ennio A.Rossi propone il quesito...
    2)Un dirigente fiscale come G.Mingione dice che non si può(???)
    3) Arciera e QPQ dicono...che è così
    4) Daniele e Essezeta asseriscono che la detrazione si può frazionare fra più titolari di diritti sullo stesso immobile...parola di commercialista (dei propri)
    La somma (Totò diceva che ..ecc....), escludendo il postante è di 2+2= 4 propisti.
    A questo punto avremmo bisogno di fare la bella (3 su 5) o di qualche TIGRE in cerca di ghiotti bocconi da ingerire e digerire, salvo la coriacità del pasto con successiva fuoriuscita dalle fauci...
    Daniele caro, sto scherzando...ma resto confuso perchè nonostante la parità i conti non tornano. Ed è la amara constatazione e la conferma che la nostra povera Italia è la culla di leggi e regolamenti che invece di certezze seminano incertezze. Con grande gaudio dei professionisti che di quella incertezza si nutrono
    illogicamente...Restiamo in attesa dell'arbitro. QPQ.
     
  14. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    La risposta che potrei darti è che il dirigente fiscale sbaglia, quello che io so dell'argomento (come ho specificato prima) lo conosco perchè ho parlato con lo studio di commercialisti che ci segue chiedendo espressamente sul tema...Ennio ed Essezeta sono sulla stessa lunghezza d'onda delle mie parole, alla fine siamo noi professionisti a tirarvi fuori dai guai, perchè se aspettate i dirigenti pubblici fate prima a spararvi (in senso lato come cittadini). Noi siamo VERAMENTE dalla vostra parte.
    Aggiungo che ho applicato questo sistema già due volte e l'Ade non ha contestato nulla ai miei clienti (ovviamente m'informo SE non so prima di...) altrimenti sarebbe stata la mia consulenza ad averli gettati nel girone dantesco infernale del fisco (non scherzo sono serissimo).
    Ormai il lavoro è anche questo, non solo il lavoro in sè, ma il pararti da QUALSIASI contestazione arrivi...sia dal fisco che dal cliente.
    Ecco perchè sono diventato così pignolo...lo diventi per forza se vuoi portare a casa la pagnotta e se vuoi che nessuno te la porti via quando la stai per addentare.

    Posso dirti anche che lo studio di commercialisti a cui mi appoggio forse è anche quello più attrezzato che c'è in città (sono in più di uno all'interno dello stesso), seguono svariate aziende piccole e grandi ed ognuno ha il suo "ramo" di competenze che segue.
     
    Ultima modifica: 6 Agosto 2014
    A arciera piace questo elemento.
  15. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Avete fatto non bene ma di più che bene nel farlo.
     
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    @quiproquo ho riletto bene, ma qui il dirigente fiscale non ci da contro...semplicemente dice che, i familiari che non hanno effettivamente sostenuto la spesa (il bonifico con copia della fattura intestata al singolo) non hanno diritto alla detrazione, diverso molto diverso se fai una fattura al padre ed una al figlio (ad esempio) allora si che rientri nel mio discorso.
     
  17. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sono nuovamente contento anche per il nuovo intervento di Daniele...ma allora:
    1+2) perchè postare il quesito allegando il "parere" del dirigente Ag.???
    3) perchè lo stesso dirigente che ha scritto una ventina di righe non si è limitato alla tua sintesi che qui risentitizzo:
    "...Non hanno diritto alla detrazione , salvo la presenza di due o più fatture cointestate ciascuno per la sua parte e il suo ammontare.
    4) come l'hai corretto adesso, potevi farlo anche prima..o no???

    Daniele implicitamente mi da ragione sull'Italia culla dell'incertezza giuridica...perchè lui più di una volta ha denunciato ,a ragione, l'impreparazione formativa della burocrazia
    specie in quella catastale e quindi fiscale. Gli suggerisco, comunque
    di verificare due o tre volte i pareri che va a sottoporre agli
    "ESPERTONI" dei miei...stivali...E scusate se è poco. Cordialissimi
    saluti agli intervenuti, compresa Fru-fru...del tab... QPQ.
     
  18. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Perchè era una domanda specifica a cui il funzionario in alcuni punti (vedi il mio precedente intervento che tu hai quotato) non ha specificato che è possibile avere la detrazione anche per i familiari SE c'è il bonifico e fattura correlata intestata.

    Il funzionario si è limitato a dire che non è possibile per i familiari che NON PAGANO...io ti ho aiutato semplicemente dandoti il caso in cui i familiari PAGANO di tasca propria e nei modi previsti.
    Spero di non averti confuso, anzi credevo di averlo chiarito già prima.[DOUBLEPOST=1407323263,1407322996][/DOUBLEPOST]
    Ormai guardo avanti e vado oltre, il mio ragionamento prevede il bypass diretto e cercare con (legge scritta alla mano, un pizzico di creatività mia e l'intento finale del cliente) di ottenere il risultato. Il come ottenere il risultato è un problema mio, l'importante è che chi paga sia contento di quello che siamo riusciti a concludere.
     
    A arciera piace questo elemento.
  19. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    una ola anche a te!
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina