• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
ciao a tutti.nostri conoscenti alcuni anni fa hanno acquistato una casa nuova dal costruttore,tutto regolare il notaio a suo tempo ha stipulato senza problemi.Ora,volendo acquistare un mobile nuovo,hanno misurato l'altezza della camera che è risultata 2,68,a quel punto hanno misurato le altezze di tutti gli ambienti e nessuno arriva,tranne la cucina,ai 2,70 metri che risulta essere il minimo previsto dal regolamento edilizio.La domanda che ci si è posta:l'appartamento è regolare,è commerciabile?ci si può rivalere sulla impresa di costruzione? tra l'altro l'immobile ha il certificato di agibilità.grazie
 

roberto.spalti

Nuovo Iscritto
Secondo me non è né regolare né commerciabile a meno di non fare lavori che portino l'altezza ai a 2.7 mt e dato che sulle altezze non ci sono tolleranze perché si parla di altezza minima l'unica cosa da fare è demolire i pavimenti e tirare via (se non passano impianti troppo vicini) 2 cm di massetto.
Secondo me ci sono gli estremi per una azione sia contro l'impresa di costruzione che contro il tecnico (il direttore lavori) che ha attestato la conformità della realizzazione a quanto progettato e l'agibilità.
L'agibilità in questo caso non ha valore poiché dichiara il falso.
Il resto delle abitazioni come è messo? se sono nelle vostre condizioni varrebbe la pena di fare una azione unitaria
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
stai tranquillo, 2.68 m. è si sotto il requisito per l'abitabilità, ma puoi stare tranquillo è praticamente la stessa cosa.
poi l'immobile è stato ottoposto a sanatoria edilizia?

saluti
 

Alessandro Cagnoni

Nuovo Iscritto
bisogna vedere in che comune è l'edificio e se l'Usl preposta al controllo di queste situazioni ammette deroghe alle altezze dei vani dei fabbricati di civile abitazione ( DM del 1975 ) ;
per esempio in toscana , se le altezze attuali sono 2.68 , c'è tolleranza dei 2 cm quindi va bene ;
bisogna anche vedere la licenza/e di costruzione di questo edificio e meglio se nei passagi edilizi c'è stato un condono ai sensi della Legge 47/85 ,(ora non ricordo l'art. ) , se così fosse , questa legge , prevede deroga alle altezze e quindi un tecnico abilitato incaricato od il progettista e direttore dei lavori può rilasciare l'Abitabilità ,
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto