• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ralf

Nuovo Iscritto
Ciao,vorrei sapere cosa significa quando versando nella propria banca degli assegni, questa li rimette alla banca che li aveva emessi. Sono scoperti? E cosa si può fare per le verifiche?
 
A

AlbertoF

Ospite
Ciao,
in sintesi,senza scendere nei particolari delle lavorazioni,tutti gli assegni sia circolari che bancari (di c/c) tornano alla Direzione Generale della Banca di emissione (Archivio Generale tenuto presso le Direzioni Centrali)
In particolare per gli assegni bancari viene tenuto questo comportamento :
- gli assegni di importo piccolo e senza correzioni restano,dopo il ricevimento dalla banca negoziatrice,direttamente in archivio
- gli assegni di importo grosso arrivano ,dopo la negoziazione , alla Filiale della banca su cui devono essere addebitati ,che deve controllarli nella regolarità. In filiale vengono conservati per una decina di giorni e poi anche questi vengono spediti all'archivio Generale
Quindi per una eventuale ricerca si deve sempre andare alla filile dove si intrattiene il c/c la quale provvederà a richiedere o l'originale o eventuali fotocopie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto