1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    sono contitolare di una s.n.c., il mio socio ha emesso degli assegni a fronte di alcuni pagamenti per forniture. premettto che lo statuto della societa' prevede che per importi superiori a 2.000,00 euro e' obbligatoria la firma congiunta .La banca nonostante fosse consapevole ed informata della clausola ha comunque pagato i titoli, ha commesso un abuso?

    voglio precisare che naturalmente gli assegni erano di importo superiore ai 2.000,00euro
     
  2. dolly

    dolly Membro Senior

    Professionista
    A angelo miele piace questo elemento.
  3. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Ciao,
    immagino che l'atto costituivo e la relativa limitazione fosse regolarmente iscritta nel registro delle imprese, giusto?
    In che modo la banca era stata informata della clausola dello statuto?
    Siete entrambi amministratori?
    Il conto corrente a chi è intestato? Quali i poteri di firma inidcati nel contratto di conto corrente?
     
    A angelo miele piace questo elemento.
  4. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    esatto sia l'atto costitutivo che che la relativa limitazione e' regolarmente iscritta alla c.c.i.a. territoriale
    La banca e' stata debitamentae informata ed all'atto del ritiro dei carnet e' stata posta la clausola il potere di firma e' al 50% essendo entrambi amministratori
    Il C/C e intestato alla societa'
     
  5. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Era prevista firma congiunta o disgiunta?
     
    A angelo miele piace questo elemento.
  6. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    in tutte le operazioni superiori ai 2.000,00 e' prevista la firma congiunta!!!
     
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma qualìè il vero motivo del tuo "disappunto" ?
    -Il tuo Socio è colluso con il fornitore ?
    -Ha pagato una fattura non scaduta ?
    -La fattura non corrisponde al reale valore della prestazione o fornitura ?
    -Pagando tale fornitore ha danneggiato altri creditori ?

    Se non ci sono questi motivi, non è possibile regolarizzare l'assegno apponendoci la seconda firma ?

    A parte tutto, e se le cose stanno come dici tu, ritengo che il Socio Amministratore non si sia comportato correttamente e che la banca sia responsabile del pagamento.
    Ma purtroppo, stante lo stato della giustizia in Italia, l'arroganza delle banche e di cer5ti funzionari da quattro soldi, penso che se anche dovessere riconoscere il loro errore, non impiegherebbero un ulteriore minuto a chiederti il rientro dell'eventuale fido con conseguente chiusura del c/c.
    E dulcis in fundo.........tale funzionario non risponderà al telefono, sara sempre in riunione o trasferito ad altra filiale.
     
  8. Boss05

    Boss05 Membro Junior

    Professionista
    Se per importi superiori a 2000 euro vi siete imposti la firma congiunta e tutto è opportunamente regolamentato e scritto nero su bianco con copia dell'atto depositata presso gli organi competenti, e se la banca ne era al corrente ma ciononostante ha pagato l'assegno....beh a me pare che la banca abbia avuto una svista, abbia fatto un errore chiamiamolo come ci pare, ma non lo chiamerei abuso.
     
  9. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    A mio parere vi sono gli estremi sia per un'azione di responsabilità nei confronti del socio, sia nei confronti della Banca.
     
    A angelo miele e alberto bianchi piace questo messaggio.
  10. arciera

    arciera Membro Senior

    Proprietario di Casa
    A parer mio Angelo Miele già sapeva tutto. La banca deve rispondere di questi pagamenti. Altrochè storie!
     
    A angelo miele piace questo elemento.
  11. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    gentile avvocato, la ringrazio della sua risposta che come si evince dalle domande che mi ha posto sicuramente ha analizzato seppur senza tutti gli elementi a disposizione la situazione che le confermo essere come descritta
    p.s. e' necessario citare anche il socio o solo la banca per un eventuale richiesta di rimborso?
     
  12. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Si figuri!
    Sarà opportuno agire nei confronti di entrambi, trattasi infatti di due azioni differenti. Quella nei confronti del socio è un'azione di responsabilità per violazione dello Statuto societario, quella nei confronti della banca è invece un'azione di inadempimento del contratto di conto corrente e della annessa convenzione di assegno.
     
  13. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    scusi, spero di non approfittare della sua dimostrata competenza, ma volevo sapere se vi sono dei limiti termporali per la rivalsa considerando che i rapporti sono ancora in essere sia con il socio che con la banca . Inoltre le dico che i titoli oggetto del contenzioso sono stati emessi dal socio 4-5 anni fa
     
  14. Avvocato Luigi Polidoro

    Avvocato Luigi Polidoro Membro Attivo

    Professionista
    Eccomi, perdoni il ritardo con cui le rispondo.
    L'azione di responsabilità nei confronti dell'altro socio si prescrive in 5 anni, ai sensi dell'art. 2949 cc; tenga conto però che il decorso della prescrizione è sospeso durante il periodo in cui il soggetto è amministratore della società.
    L'azione nei confronti della banca si prescrive invece nel termine di 10 anni.
     
    A angelo miele piace questo elemento.
  15. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    A parte la dabbenaggine della banca quale è il vero problema? Non c'erano fondi e siete finiti in rosso? Puoi parlare sia con il tuo socio e dirgli per questa volta passi ma la prossima volta che fai una cosa del genere rimetti con i tuoi soldi la medesima cifra sul conto.
     
  16. angelo miele

    angelo miele Nuovo Iscritto

    Impresa
    Grazie ancora avvocato, .... a presto!!!![DOUBLEPOST=1371891547,1371891372][/DOUBLEPOST]
    caro luigi, se si finisce nelle grinfie delle banche ti spellano vivo.... seguiro' il tuo consiglio!!! il socio e' gia' perdonato
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina