1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Cari amici,

    Il pensiero di Beppe Grillo mi piace!

    Lo spirito politico che ispira Beppe Grillo io sto cercando di farlo nascere nelle Comunità residenziali che abitano in condominio.

    Un movimento contro la dittatura degli amministratori!

    Credo che abbiamo tutti bisogno di imparare di nuovo a sognare.

    ....proviamoci!

     
    A marlon piace questo elemento.
  2. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Abbiamo bisogno anche di conoscere i nostri doveri ed i nostri diritti.
     
    A piace questo elemento.
  3. alvaro1948

    alvaro1948 Nuovo Iscritto

    nel lontano 1992 il governo inizio' la privatizzazione,molti gioielli pubblici furono svenduti a societa' private,io credo che a rimetterci sono stati tutti i cittadini italiani,addirittura siamo arrivati al punto di svendere l' acqua pubblica che secondo me e divina perche' scende dal cielo,quindi senza alcun costo aggiuntivo ed esente di IVA..il sole per esempio potrebbe risolvere il problema energetico nel ns paese mandando a casa tutti coloro che vogliono attuare la politica del nucleare pericoloso ed inutile.mi chiedo che se oggi il nostro governo fosse stato piu' attento a non privatizzare,saremmo sicuramente una potenza mondiale economica.eravamo i primi della classe il ns marchio made in italy era famoso su tuttto il mondo,in specie sullla moda Armani,Versace,Valentino ecc una fonte di ricchezza per il ns paese una grande forza fondata sui piccoli artigiani che portavano ricchezza e benessere alla ns italia che ogggi aime' e s******ata a tal punto da non essere considerati sul piano politico e sociale.devo dare ragione a Grillo quando manda ad af******* tutti questi speculatori inutili che vogliono cancellare le nostre radici culturali che era la vera forza del paese ITALIA..GRAZIE
     
    A piace questo elemento.
  4. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'energia solare è arriva sulla terra con una densità molto bassa, poco più di 1 kW al metro quadrato. Considerati tutti i coefficienti ed i rendimenti, il valore utile medio è circa 0,5 kW al metro quadrato. Questo implica che per ottenere 1 GW =1.000 MW di energia elettrica occorrono 2 milioni di metri quadrati, una superficie enorme. Poi ci sarà il problema di come smaltire i pannelli fotovoltaici dismessi. L'alternativa al nucleare (fissione nucleare) sarà la fusione nucleare, ma occorrono ancora molti anni (20 ?) per avere la prima centrale a fusione in funzione.
    Occorre infine dedicarsi con attenzione al risparmio energetico, eliminando tutti gli sprechi.
    Quanto a Grillo, è bravo a distruggere, un pò meno a costruire. E in politica bisogna costruire.
     
    A piace questo elemento.
  5. mevinc e

    mevinc e Nuovo Iscritto

    Contro la dittatura dei partiti

    Come al solito si arriva a recepire qualcosa sempre e solo dopo il classico mezzo secolo!
    Infatti vorrei ricordare a quanti “Grilli” vi sono in giro che la “Partitocrazia”,oggi “individuata” come male del “Sistema”, fu etichettata quale “peggior iattura” che possa capitare ad un Popolo, già nel 1960 da uno che certamente non era ben visto dal “Sistema”, tanto da venire considerato “Fuori dall’arco costituzionale”!
    Per quanto attiene la crisi parlamentare, etica, funzionale ed organica che ne deriva, anch’essa fu diagnosticata nei lontanissimi anni ’60; tutto questo fu denunciato da uomini di altissimo livello politico istituzionale! Per poter leggere quanto interessa, basterebbe ricercare i due volumi di Giorgio Almirante “Processo al Parlamento” Vol. I Terza Edizione – Finito di stampare il 5/01/1970 ed il Vol. II - Quarta ristampa della 2^ edizione - Edizione Cento Editoriale Nazionale Roma.
    Sono dello stesso avviso di Jac0! I diritti devono sempre seguire i doveri, visto che le sole chiacchiere non hanno mai prodotto ricchezza!
    Alla precisazione di Alvaro48 circa il 1992, anno in cui s’iniziò si la privatizzazione o regalia dei beni dello Stato, vorrei aggiungere qual cosina, tanto per non creare confusione e distrazione, visto il colore politico di chi oggi sbraita! Ebbene, la svendita dei tanti gioielli statali ad iniziare dalle Ferrovie per terminare con le Poste, fu stabilita con il Decreto-legge 11 luglio 1992 n.333, (GU n. 162 del 11/07/1992), convertito in Legge 8 agosto 1992, n.359 (GU n. 190 del 13/08/1992) – I firmatari sono tra quelli che oggi si tirano i capelli e qualcuno ne ha combinate di ben altre essendo tra i firmatari anche del Decreto Legislativo 18-02-2000, n.56 (G.U. 15-3-2000, n. 62) che, con l’ambigua esplicitazione ha dato vita alla doppia aliquota dell’addizionale regionale; vorrei aggiungere, se non erro, anche il tentativo della patrimoniale sulla prima casa!
    Per le tasse, sono dello stesso parere; ma occorre chiedere anche il ritorno alla “No tax area” introdotta con l’art.1, comma 349, della finanziaria 2005 (Legge 30/12/2004 n.311), per una tassazione corretta del reale reddito individuale! Non vorrei dire altro sul bene della famiglia, cui è stato tolto anche l’assegno dell’aggiunta per il figliolo studente e/o apprendista non appena raggiunto il 18^ anno d’età (Esperienza vissuta in prima linea per un nipote – Anno 2008!).
    :triste:;):basito:
     
  6. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Il grillo se canta poco piace ma se insiste a strillare :daccordo:va schiacciato ciao
     
  7. gcaval

    gcaval Nuovo Iscritto

    Non è così. Non devo difendere Grillo, ma tutti quei cittadini che si sono impegnati a cambiare un sistema marcio. Esiste un programma, molto serio, e molto copiato, ovviamente solo a parole, da diversi partiti. In città come Bologna o Treviso, il contributo dei consiglieri del M5S è stato fondamentale. Senza polemica, informiamoci di più prima di dire che i "grillini", ossia normali cittadini stanchi del sistema partitocratico, sono buoni solo a distruggere. E' esattamente il contrario.

    Sfido chiunque a dimostrare che un qualsiasi partito che si presenta oggi alle amministrative abbia presentato uno straccio di programma. A destra si va contro i giudici, a sinistra contro chi va contro i giudici. E i problemi della società civile chi li considera?

    Ma queste notizie chi te le ha date?

    A quanto pare tu ne sai più di Rubbia. In ogni caso, non è disseminando il mondo di pannelli fotovoltaici che si risolve il problema dell'energia. Il concetto è proprio diverso. Innanzitutto vanno eliminati i tantissimi sprechi. Poi l'energia andrà prodotta in modi diversi: centrali idroelettriche (come già avviene), fotovoltaico, geotermico, eolico, ecc. Riguardo ai costi e ai coefficienti da te dati, ovvio che i conti non tornano. Però, sviluppare politiche nel senso delle energie rinnovabili, significa migliori economie di scala (quindi i prezzi si abbassano, si veda ad esempio ciò che è accaduto per i televisori lcd e led) e soprattutto investimento nella ricerca (da noi assente).
    Non facciamoci abbindolare da quello che dicono le multinazionali: ovvio che vogliono tenerci sotto scacco. L'energia vogliono continuare a produrla loro, di modo che la comunità dovrà sempre pagare (a caro prezzo) i consumi della stessa.
     
    A bolognaprogramme piace questo elemento.
  8. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se devi valutare la convenienza di pannelli fotovoltaici o solari queste cose devi saperle, altrimenti non fai scelte oculate nel caso tu abbia intenzione di adottarli per avere un'almeno parziale autonomia energetica. Per quanto riguarda la fusione nucleare puoi leggere questo articolo: Accelera la fusione nucleare: «Fra 15 anni energia dalle stelle» - Corriere della Sera
    Se io sapessi quello che sa Rubbia, vorrebbe dire che Rubbia è messo molto male...
     
  9. gcaval

    gcaval Nuovo Iscritto

    Perdonami, non me ne volere, ma il Corriere della Sera è già poco attendibile riguardo a politica ed economia, figuriamoci rispetto alla scienza e alla tecnologia...
    Per quanto riguarda il "a quanto pare ne sai più di Rubbia", non è riferito ai coefficienti e ai rendimenti, ma a quello che in generale si può ottenere con maggiore ricerca e maggiore diffusione di questa e più avanzate tecnologie.
    A questo punto posterei anch'io un articolo, poco scientifico, ma giusto per rispondere al tuo, ma a quanto pare il sistema qui non me lo fa inserire. E' in prima pagina su Il fatto Quotidiano (sito internet). Mi spiace non poter allegare il link...
     
  10. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Condivido il pensiero di Azzaretto.
    Chi persona di buon senso non condivederebbe le affermazioni di Grillo?
    Di quanto esso afferma tutto è condivisibile.
    Il problema è che noi siamo assuefatti dai partiti e con essi conviviamo a prescindere.
    Si fa parte di schieramenti ideologici, basi pensare che il B. in campagna elettorale tende a demonizzare ancora i "comunisti" con la K, come se questa rarità non fosse ancora estinta e seppellita da decenni.
    Fintanto B potrà permettersi simili speculazioni, fintanto l'altro B, il babbo della Trota, tanto per intenderci, funge da Ministro e il Trota da Consigliere Regionale, di banco vicino alla Minetti; fintanto ad un Emilio Fede gli viene assegnata una scorta, a carico dei contribuenti, per scorrazzarlo a manca e a destra, e così a un Belpietro; fintanto un Ferrara, dieci volte voltaggabana, viene strapagato per 5 minuti di c ..... al dì ecc................................................................................, fintanto un gran numero d'italiani accetta e plaude a comando nel denigrare i pubblici ministeri; fintanto tutta questa sopportazione regna, come potrà essere compreso e apprezzato Grillo?
    Un comico nel sociale è difficile da comprendere, da accettare, ma quanto proclama dovrebbe far riflettere e meditare.
    Meglio Grillo o Bossi?
    Si racconta che Bossi, diplomato radioelettra, avesse raccontato alla prima moglie di essersi laureato in medicina, ed così, ogni giorno usciva fuori di casa con la borsetta del medico che la mogli gli aveva regato, dicendo di andare in ospedale.
    Un giorno la moglie chiamò in ospedale, ma lì nessuno lo conosceva.
    Oggi Bossi è ministro.
    Il Trota, che non riusciva, nella scuola parificata, a prendere il diploma di maturità, oggi si trova ad appannaggio dei contribuenti a 10.000,00 € netti al mese.
    E' tanto peggio Grillo?
     
    A bolognaprogramme piace questo elemento.
  11. casa61

    casa61 Membro Attivo

    Proprietario di Casa

    Concordo ed aggiungo che nel 2000 è stata anche tolta la possibilità di portare in detrazione i contratti di assicurazione sulla vita
     
  12. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    SI.....voglio il GRILLO......meglio de sti ZOMBI....è sicuro!!!:amore::amore::amore::amore:
     
  13. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Hp avuto modo, dopo molto tempo, di rileggere quello che avevo scritto nel mio post del 09/05/2011 qui sopra riprodotto: sembra una profezia!
     
  14. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    .....è...una profezia....bravo!!!!

    P.S. : mi dai, per favore, 3 numeri buoni per il lotto di questa settimana....!!!! ( grazie ):applauso::sorrisone::amore:
     
  15. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    sono pienamente d'accordo. primo: ripartire dal basso con una politica di movimenti, associazioni culturali, aggregazioni di cittadini è o "dovrebbe essere " la politica. voglio dire che i partiti senza la base non hanno senso, sono comitati d'affari . esattamente ciò che sono "questi partiti".
    secondo: sradicarle queste macchine mangiasoldi. trasformare la politica in un'altra cosa, che sia trasparente,
    rivitalizzarla anche all'interno. sembra l'ultima cosa che "questi partiti" vogliano fare.
    ma perchè dobbiamo sentire Napolitano: estirpare il marcio, ma non demonizzare i partiti.
    e i partiti ringalluzziti: "un errore lo stop al finanziamento pubblico", metterebbe la politica nelle mani delle lobbies. ma ci rendiamo conto invece "nelle mani" di chi ciamo messi? vogliono fare ancora i magna magna senza essere disturbati, vogliono essere "immortali".

    ma come facciamo a non sentirci presi in giro?
     
  16. tyubaz

    tyubaz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa

    ....eppure....tornerai a dare il voto a sti majalazzi....tu e altri milioni di pekore....!!!!:applauso:
     
  17. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    ti chiedo scusa tyubaz...non so esprimermi bene. non riesco a farmi capire...

    ...oppure il problema è che non hai capito tu!!!! non sono una pecora....:triste::triste:
     
  18. sergio gattinara

    sergio gattinara Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    mi permetto di avere qualche obiezione su quello che hai scritto. avendeo espresso il mio pensiero in modo , credo, articolato mi piacerebbe che tu me l contestassi in amicizia . Lo trovi nella discussione " i referendumm non servono una mazza" il 7 aprile ore 2019
     
  19. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    ma perchè non parliamo del presente, di quello che sta accadendo oggi senza andare indietro troppo nel tempo.
    ma come facciamo a non sentirci presi in giro se assumiamo alla lettera queste dichiarazioni?. di quali partiti parla Napolitano?. degli stessi che hanno contribuito pesantissimamente a rendere la politica "questa ignobile cosa quì"?. e con questi pessimi esempi, contemporanei ai nobili moniti summenzionati, che la cronaca giudiziaria elargisce con dovizia, come pensa il presidente della repubblica che si possa "trasmettere ai giovani la vocazione alla politica?. al massimo si invoglieranno i giovani a far carriera politica in vista di potere e denaro. ed è buona politica questa?. piuttosto è meglio che non la facciano, non credi?. anche perchè questi sembrano immortali ma fino ad un certo punto...mentre se si garantisse il ricambio generazionale con gli stessi crismi, propositi, disvalori, saremmo definitivamente...fottu***.
    quanto al trio ABC, giacchè i partiti son questi e non altri, dovrebbero dare dei segnali di cambiamento del tipo:
    per non estinguere il finanziamento pubblico, noi, leader di "questa" politica ce ne assumiamo la "responsabilità oggettiva" e ce andiamo, almeno le persone saranno cambiate in attesa di cambiare i partiti-
    ti risulta che ci sia quacuno disposto a fare un discorso simile?. naturalmente no.
    e allora perchè ci dovremmo fidare?. rispondono che non c'è alternativa, e la menano con "lobbies" e anti-politica. è tutta una jungla tra economia, finanza, banche, imprenditoria ecc. in cui ogni ogni robusta...liana si...intreccia con i partiti. ci vorrebbe il machete, ma appunto sono tutti legati.:rabbia:

    ho voluto dire prima che i partiti senza la base non hanno senso, sono comitati d'affari. esattamente ciò che sono "questi" partiti.
     
  20. raflomb

    raflomb Membro Assiduo

    Questo è quanto ho scritto nel post del maggio 2011, ovvero in periodo ancora poco sospetto.
    I partiti, tutti, hanno fallito, in quanto la politica è stata assunta come "professione" e "status" di potere e ricchezza, e quindi snaturata dalle sue nobili funzioni.
    Oltre a rottamare occorre stabilire dei termini inderogabili affinchè avvengano i cambi generazionali.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina