• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve a tutti.

Con sorpresa ho scoperto che il mio comune, non ad alta densità abitativa, con una delibera comunale volta a favorire i contratti 3+2, ha aderito all'accordo territoriale del comune X a cui far riferimento per il calcolo del canone.

Ho in scadenza un contratto transitorio, probabilmente da rinnovare (avrei fatto un 4+4) ma la cosa a questo punto è interessante: il comune prevede un risparmio dell'aliquota IMU dello 0,25% rispetto ai contratti 4+4, agevolazioni cedolare secca al 10%, non male! Considerato lo stato dell'immobile ho preso il valore massimo del coefficiente (nuova costruzione, riscaldamento singolo, bagno completo, garage, posto auto, terrazza, giardino privato e presenza di mobilio/elettrodomestici completi) e sono arrivata ad una cifra di 680 euro senza considerare neppure gli adeguamenti ISTAT dal 2009 ad oggi . In realtà la richiesta attuale è di 550, pensavo di portarla a 600 … ma non certo 700 e passa euro. Chiedo se è corretta l'applicazione in un contratto concordato di una cifra inferiore a quella scaturita dai calcoli relativi. In caso negativo dovrò prendere un valore di riferimento medio più basso? Grazie
 
Ultima modifica:

cec

Membro Attivo
Proprietario Casa
Dubbio ulteriore, il mio comune non rientra fra quelli indicati per aliquota ridotta sui contratti di locazione a canone concordato, cioè
  • nei comuni con carenze di disponibilità abitative (articolo 1, lettera a) e b) del dl 551/1988). Si tratta, in pratica, dei comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia e dei comuni confinanti con gli stessi nonché gli altri comuni capoluogo di provincia
  • nei comuni ad alta tensione abitativa (individuati dal Cipe).
Immagino quindi niente cedolare al 10% ma al 21%?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Disapprovo ciò che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto di dirlo.
Buonasera. Avrei una domanda. Sono nuda proprietaria di una casa di cui mia madre detiene l'usufrutto ma che mia madre non utilizza in quanto é in campagna. É rimasta vuota x dieci anni ed ora che mi sono separata ho portato la residenza. É ugualmente dovuto l'IMU che in questi anni ha pagato mia madre visto che non ha ricevuto bollettino come gli altri anni?
Alto