1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. mattescu

    mattescu Membro Attivo

    Buonasera,
    vorrei richiedere un vostro consiglio in merito a questa situazione in cui mi ritrovo
    Premesso che l' appartamento in questione si trova in una palazzina degli anni '70 composta da 6 appartamenti e 5 proprietari senza amministratore..Il mio appartamento viene utilizzato durante le vacanze estive e 15 giorni durante l'inverno..
    Sulla facciata del condominio in corrispondenza della canna fumaria che serve la mia caldaia e quella della vicina X . sono comparse delle tracce di condensa La mia vicina X . ha chiamato il suo idraulico e la causa sembrerebbe che la sua caldaia non scarichi bene i fumi sul tetto
    Da una verifica sembrerebbe pure che la canna fumaria a cui siamo collegati non sia a norma in quanto passando attrraverso l'appartamento di un'altra vicina Y possa rilasciare fumi nelle stanze di questa terza vicina
    La terza vicina Y ha pure intimato la sistemazione di detta situazione altrimenti prenderà provvedimenti
    Premesso che la mia caldaia ha circa 10 anni e funzionante mentre quella della mia vicina X è stata sostuita da un anno e sembrerebbe che l'idraulico che un anno fa ha sostituito la caldaia non abbia verificato la regolarità della canna.. Il problema della condensa si è presentato dopo il cambio della caldaia
    Ora la terza vicina Y chiede che venga realizzata una canna fumaria esterna alla palazzina per servire la caldaia della seconda vicina X e la mia
    Volevo chiedere a chi spetta la realizzazione della nuova canna fumaria e se la vicina Y puo' richiedere eventuali danni (per la salute) passando l'attuale canna fumaria nella sua stanza da letto
    A quanto sembra nella canna fumaria in muratura è presente solo un tubo in acciaio che serve una delle due caldaie mentre l'altra sembrerebbe scaricare direttamente, quando è accesa per i mesi estivi e 15 giorni invernali, senza essere presente il tubo in acciaio
    Come mi devo comportare?
    Grazie
     
  2. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Se non ho capito male, tu ed X scaricate in una canna fumaria e solo una delle due caldaie è collegata ad un tubo in acciaio che porta sul tetto che però non sembra a norma. Fai verificare ad un idraulico la condotta e se non è a norma, se tua, la sostituisci. X farà altrettanto, se la nuova canna a norma di X non passa vedete con l'idraulico come procedere
     
  3. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    dovete mettervi in regola secondo quanto è prescritto dalla legge Dlgs 128 del 28-06-2010 e dalle norme UNI EN 1443-2005 “Camini - Requisiti generali”; UNI EN 1856:2009 parte 1 “Camini - Requisiti per camini metallici - Parte 1: Prodotti per sistemi camino” e parte 2 “Camini - Requisiti per camini metallici - Parte 2: Condotti interni e canali da fumo metallici”; UNI EN 14471:2005Camini - Sistemi di camini con condotti interni di plastica - Requisiti e metodi di prova”.
     
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma di che caldaia stiamo parlando?
     
  5. mattescu

    mattescu Membro Attivo

    Si tratta di due caldaie tradizionali non a condensazione..La mia da esterno rimane all'esterno mentre quella della vicina X è da interno ed è montata all'interno del suo appartamento
     
  6. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    se è da esterno dovrebbe essere a camera stagna che in genere si monta senza avere una canna che arrivi al tetto se è cosi la signora può staccarsi e vedere se ci sono perdite se le perdite sono tue forse ti conviene cambiare la caldaia e metti quelle attuali a camera stagna senza canna fumaria
     
  7. mattescu

    mattescu Membro Attivo

    La mia caldaia è una caldaia vecchia di circa 10 anni che sinceramente visto l'utilizzo limitato che faccio (circa 2 mesi nel periodo estivo ) vorrei evitare di cambiare Preferirei che la spesa la sostenesse chi la utilizza 365 giorni all'anno
    Buona idea per la caldaia a camera stagna
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    caso mai è da interno
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Si luigi hai ragione una volta si diceva cosi ma stavo pensando a un'altra cosa mentre scrivevo, in effetti adesso sono tutte a camera stagna ma in alcuni ambienti comunque non è consentito istallarla.
    Si Mattescu ma se devi intubare la canna fumaria esistente, farla secondo le norme, sempre che la signora non si lamenti e lo faccia fare, penso che il costo sia li se non di più.
     
  10. proid

    proid Membro Attivo

    Secondo me la signora Y non può chiedere la rimozione della canna fumaria perchè è una servitù originaria.
    Voi due però essendo comproprietari della canna fumaria in comune dovreste adeguarla alle normative vigenti prevedendo anche i lavori per risolvere eventuali problemi che lamenta la Y... spesa da dividere in due a prescindere dal fatto che uno dei due rinuncia alla canna fumaria per farsene un altra... perchè anche staccandosi rimane sempre comproprietario della vecchia canna fumaria.
    Alternativamente rinunciate entrambi alla canna fumaria e la disattivate sigillandola... m ala sig.ra Y non può pretenderne la rimozione sempre per i motivi di cui sopra.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Esiste una servitù per destinazione del padre di famiglia e tale resta, salvo adeguarla alle norme vigenti se ci fosse dispersione di fumi. In tal caso l'onere sarà a carico di chi non rispetta le prescrizioni.
     
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La destinazione del padre di famiglia ha luogo quando consta, mediante qualunque genere di prova, che due fondi, attualmente divisi, sono stati posseduti dallo stesso proprietario, e che questi ha posto o lasciato le cose nello stato dal quale risulta la servitù.
    Quindi occorre la preesistenza, intesa come sussistenza delle opere nel tempo che precede la separazione del fondo.
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Appunto, come risulterebbe dalle affermazioni del postante.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina