• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Rosario17

Nuovo Iscritto
Conduttore
Buon giorno o preso casa in affitto dove o dovuto dare due mesi di cauzione il contrario e di cinque anni volevo sapere se la cauzione la custodisce il proprietario e se mi vengono restituite al termine del contratto grazie
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buon giorno o preso casa in affitto dove o dovuto dare due mesi di cauzione il contrario e di cinque anni volevo sapere se la cauzione la custodisce il proprietario e se mi vengono restituite al termine del contratto grazie
Ovviamente si. Quando consegnerai le chiavi il proprietario ti ridara la cauzione se non hai provocato danni nel frattempo
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se dici che il contratto è di 5 anni significa che hai stipulato un concordato della durata di 3 anni + 2.
Il deposito cauzionale è fruttifero e ti verrà restituito dal proprietario alla fine del periodo di locazione, dopo aver riscontrato che non vi siano danni all'immobile causati da te e dopo aver regolato eventuali conguagli a tuo debito per oneri accessori (spese condominiali).
 

Rosario17

Nuovo Iscritto
Conduttore
Scusate nel contratto c’è scritto che se lascio la casa prima dei cinque anni per cambio residenza dovrò versare tre mesi d’affitto se invece lascio per altri motivi dovrò versare sei mesi
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Scusate nel contratto c’è scritto che se lascio la casa prima dei cinque anni per cambio residenza dovrò versare tre mesi d’affitto
Sicuro? Ci sarà scritto invece che è facoltà del conduttore recedere dal contratto, previo avviso da recapitarsi tramite lettera raccomandata almeno tre mesi prima.
Quindi, se vuoi recedere dal contratto prima della scadenza, dovrai dare un preavviso di tre mesi, durante i quali potrai continuare ad abitare in quella casa e a pagare il relativo canone.
In ogni caso, la legge prevede espressamente che è facoltà del conduttore recedere dal contratto per gravi motivi, previo avviso da recapitarsi tramite lettera raccomandata almeno sei mesi prima.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
se lascio la casa prima dei cinque anni
Praticamente significa che se invii al proprietario la disdetta del contratto di locazione devi rispettare i mesi di preavviso. Mesi durante i quali devi pagare l'affitto.

Se non lo farai, ossia andrai via prima dei 3 o 6 mesi previsti per il preavviso, il proprietario può rivalersi sul deposito cauzionale. Quindi potrà trattenere dai due mesi di cauzione che gli avevi versato le mensilità di mancato preavviso.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se non lo farai, ossia andrai via prima dei 3 o 6 mesi previsti per il preavviso, il proprietario può rivalersi sul deposito cauzionale. Quindi potrà trattenere dai due mesi di cauzione che gli avevi versato le mensilità di mancato preavviso.
Non dovrebbe essere proprio così, visto che la cauzione deve garantire di ripagare eventuali danni subiti dall'immobile locato, provocati dal conduttore.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Qui c'è scritto chiaramente che: in assenza di danni, la cauzione deve essere restituita e non potrà mai essere usata per coprire i canoni d'affitto.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Qui c'è scritto chiaramente
Nell'articolo che hai postato c'è scritto chiaramente:

In caso di inadempienza contrattuale la somma del deposito cauzionale potrà divenire di proprietà del locatore.

Per cui:

1) Non rispettare il preavviso è un caso di inadempienza contrattuale.

2) Essendosi verificata l'inadempienza contrattuale (= il conduttore non ha rispettato il preavviso), il locatore trattiene il deposito cauzionale.

P.S.: se continui a fare ricerche in rete per sostenere che hai ragione (mentre è evidente che hai torto) cerca almeno di leggere e di capire gli articoli che trovi.
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
Qui c'è scritto chiaramente che: in assenza di danni, la cauzione deve essere restituita e non potrà mai essere usata per coprire i canoni d'affitto.
Volevo aggiungere altro, ma ho dovuto interrompere. Riprendo il discorso.
C'è scritto:
In assenza di danni causati dall'inquilino, la cauzione verrà restituita alla fine della locazione e non potrà mai essere usata per coprire i canoni d'affitto.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Riprendo il discorso.
(Ri)leggi i post n. #6, #8, #11, #13 di questa discussione.

Fatti spiegare da un avvocato esperto in locazioni cos'è l'inadempienza contrattuale e cosa comporta.
Chiedigli conferma che la non osservanza del preavviso (nel caso di cui stiamo parlando si riferisce al conduttore) è un'inadempienza contrattuale e che in quanto tale deve essere "risarcita" al locatore. Fatti spiegare che questo "risarcimento" consiste nel trattenere il deposito cauzionale.

Se poi non capisci / non vuoi capire / pretendi di avere ragione, forse è meglio che tu ti astenga dal ripetere risposte sbagliate agli utenti del Forum.

Fine del discorso.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se poi non capisci / non vuoi capire / pretendi di avere ragione, forse è meglio che tu ti astenga dal ripetere risposte sbagliate agli utenti del Forum.
Grazie della lezione! Evito di abbassarmi al tuo livello, mio padre era torinese.
Evidentemente, la decisione di trattenere la cauzione per recuperare i canoni arretrati, se il conduttore non accetterà di sua sponte, dovrà essere decisa in sede giudiziaria.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto