1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    A E’ stata introdotta a partire dal 2011 la "cedolare secca sugli affitti". Si tratta di un’imposta che sostituisce quelle attualmente dovute sulle locazioni (articolo 3 del dlgs 23/2011). E’ un regime facoltativo e si applica in alternativa a quello ordinario.
    La cedolare secca, in pratica, sostituisce:
    · l’IRPEF e le relative addizionali
    · l’imposta di registro
    · l’imposta di bollo.
    E ancora:
    · l’imposta di registro sulle risoluzioni e proroghe del contratto di locazione
    · l’imposta di bollo, se dovuta, sulle risoluzioni e proroghe del contratto
    Attenzione: resta comunque l’obbligo di versare l’imposta di registro per la cessione del contratto di locazione
    B Contribuenti interessati
    Possono optare per il regime della cedolare secca le persone fisiche titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento (per esempio, usufrutto) su unità immobiliari abitative locate.
    L’opzione non può essere effettuata nell’esercizio di attività di impresa o di arti e professioni.
    Non possono aderire al nuovo regime le società e gli enti non commerciali.
    Contitolarità
    In caso di contitolarità dell’immobile l’opzione deve essere esercitata distintamente da ciascun locatore.
    I locatori contitolari che non esercitano l’opzione sono tenuti al versamento dell’imposta di registro calcolata sulla parte del canone di locazione loro imputabile in base alle quote di possesso. Deve essere comunque versata l’imposta di bollo sul contratto di locazione.
    C Requisiti degli immobili per esercitare l'opzione
    L’opzione può essere esercitata in relazione alle unità immobiliare a uso abitativo e alle relative pertinenze locate insieme all’abitazione.
    Sono interessate, quindi, soltanto:
    · le unità abitative accatastate nelle categorie da A1 a A11 esclusa l’A10 (uffici o studi privati)
    · le relative pertinenze (solo se locate insieme all’abitazione).
    La nuova tassazione sostitutiva non si applica per gli immobili strumentali o relativi all’attività di impresa o di arti e professioni.
    D Contratti misti
    In presenza di contratti misti, cioè che si riferiscono sia a unità immobiliari a uso abitativo per le quali si è optato per la cedolare secca sia ad altri immobili per i quali non è stata esercitata l’opzione, l’imposta di registro è calcolata:
    · sui soli canoni riferiti agli immobili per i quali non è stata esercitata l’opzione
    · sulla parte di canone imputabile a ciascun immobile in proporzione alla rendita, se il canone è stato pattuito unitariamente.
    E Comunicazione al conduttore (affittuario)
    Il locatore (proprietario) che decide di avvalersi del nuovo regime deve darne comunicazione al conduttore (affittuario).
    La comunicazione va effettuata con raccomandata e deve contenere la rinuncia alla facoltà di chiedere, per tutta la durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione, anche se è previsto nel contratto, inclusa la variazione accertata dall’Istat dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati dell’anno precedente.
    F Come si calcola l'imposta sostitutiva
    L’ importo della nuova imposta (“cedolare secca”) si calcola applicando un’aliquota del 21% sul canone di locazione annuo stabilito dalle parti.
    E’ stata introdotta, inoltre, un’aliquota ridotta del 19% per i contratti di locazione a canone concordato relativi ad abitazioni ubicate:
    · nei comuni con carenze di disponibilità abitative (articolo 1, lettera a) e b) del dl 551/1988). Si tratta, in pratica, dei comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia e dei comuni confinanti con gli stessi nonché degli altri comuni capoluogo di provincia
    · nei comuni ad alta tensione abitativa (individuati dal Cipe)
    Come si versa
    G La cedolare deve essere versata entro il termine stabilito per il versamento IRPEF (acconto e saldo).
    Per il 2011, l’acconto deve essere versato nella misura dell’85% e, a partire dal 2012, nella misura del 95%.
    Il versamento dell’acconto deve essere effettuato con gli stessi criteri di versamento dell’acconto IRPEF, e quindi in un’unica soluzione, entro il 30 novembre 2011, se l’importo è inferiore a euro 257,52. Se l’imposta dovuta è superiore a euro 257,52, si versa in due rate, di cui:
    · la prima, del 40%, entro il 16 giugno 2011 oppure entro il 18 luglio 2011 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse
    · la seconda, del restante 60%, entro il 30 novembre 2011.
    L’acconto non è dovuto se il contratto è stipulato nel mese in cui cade il termine del versamento. In particolare:
    · l’acconto da versare entro il 16 giugno è dovuto per i contratti stipulati entro il 31 maggio e non è dovuto per i contratti stipulati a partire dal 1° giugno
    · l’acconto da versare entro il 30 novembre è dovuto se il contratto è stipulato entro il 31 ottobre.
    L’acconto non deve essere versato per i contratti stipulati a partire dal 1° novembre.
    A partire dal 2012 l’acconto (pari al 95%) potrà essere calcolato anche con il metodo storico, sulla cedolare pagata nell’anno precedente.
    H Come si esercita l'opzione
    Chi intende avvalersi del regime della cedolare secca può esercitare l’opzione in sede di registrazione del contratto compilando il modello semplificato Siria - pdf (approvato con provvedimento del 7/04/2011) oppure il modello 69 - pdf.
    Modello semplificato Siria
    Il modello semplificato Siria può essere utilizzato solo se:
    · il numero dei locatori (proprietari) e dei conduttori (affittuari) non è superiore a tre
    · tutti i locatori esercitano l’opzione per la cedolare secca
    · si è in presenza di una sola unità abitativa e un numero di pertinenze non superiore a tre
    · tutti gli immobili sono censiti con attribuzione di rendita
    · il contratto contiene esclusivamente il rapporto di locazione.
    Il modello semplificato Siria deve essere presentato dal locatore se abilitato ai servizi telematici o tramite un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) esclusivamente in via telematica utilizzando il software di compilazione messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.
    Il modello deve essere presentato entro i termini previsti per la registrazione del contratto di locazione, cioè entro 30 giorni dalla data della stipula del contratto. Se la data di decorrenza è anteriore alla data della stipula, la denuncia (il modello Siria) deve essere trasmessa entro 30 giorni dalla data di decorrenza.
    Per la registrazione tardiva del contratto di locazione è necessario recarsi presso un ufficio dell’Agenzia.
    I Modello 69
    Il modello 69 deve essere utilizzato, invece, quando non ricorrono i requisiti per utilizzare quello semplificato. Il modello 69 va compilato per le proroghe, risoluzioni anticipate, ecc.
    Per i contratti per i quali non c’è l’obbligo di registrazione in termine fisso (locazioni “brevi”), il locatore può applicare la cedolare secca direttamente nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel quale è prodotto il reddito oppure esercitare l’opzione in sede di registrazione in caso d’uso o di registrazione volontaria del contratto.
    Se, in sede di registrazione, il locatore non effettua l’opzione nella prima annualità del contratto può comunque esercitarla per le annualità successive utilizzando il modello 69 entro il termine per il versamento dell’imposta di registro. L’opzione va esercitata nello stesso modo in caso di proroga, anche tacita, del contratto di locazione.
    L Durata dell'opzione
    L’opzione vincola il locatore all’applicazione del regime della cedolare secca per l’intero periodo di durata del contratto o della proroga o per il residuo periodo nei casi in cui l’opzione viene esercitata per le annualità successive.
    Il locatore ha la facoltà di revocare l’opzione durante ciascuna annualità contrattuale successiva a quella in cui è stata esercitata l’opzione.
    La revoca deve essere effettuata entro il termine previsto per il pagamento dell’imposta di registro relativa all’annualità di riferimento e obbliga al versamento della stessa imposta.
    Resta salva la facoltà di esercitare l’opzione nelle annualità successive.
    M Effetti della cedolare sul reddito
    Il reddito assoggettato a cedolare:
    · è escluso dal reddito complessivo
    · sul reddito assoggettato a cedolare e sulla cedolare stessa non possono essere fatti valere rispettivamente oneri deducibili e detrazioni
    · il reddito assoggettato a cedolare deve essere compreso nel reddito ai fini del riconoscimento della spettanza o della determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo collegati al possesso di requisiti reddituali (determinazione dell’Isee, determinazione del reddito per essere considerato a carico).
    N Disciplina transitoria per l'anno 2011
    La cedolare secca si applica, per il periodo di imposta 2011, ai contratti in corso nell’anno 2011, anche se scaduti ovvero oggetto di risoluzione volontaria prima del 7 aprile 2011.
    Per i contratti scaduti, anche a seguito di risoluzione volontaria, prima del 7 aprile 2011, nonché per i contratti ancora in corso al 7 aprile 2011, per i quali è già stata eseguita la registrazione, e per i contratti prorogati per i quali è già stata effettuato il pagamento dell’imposta di registro, il locatore può applicare la cedolare secca in sede di dichiarazione relativa ai redditi 2011 da presentare nell’anno 2012.
    Non si rimborsano le imposte di registro e di bollo versate e il locatore è tenuto per il periodo d’imposta 2011 al versamento dell’acconto della cedolare secca, ove dovuto.
    L’applicazione della cedolare secca in sede di dichiarazione dei redditi da presentare nell’anno 2012 ha effetto anche per l’annualità contrattuale decorrente dall’anno 2011.
    Per i contratti registrati a partire dalla data del 7 aprile 2011, l’opzione si esercita in sede di registrazione con gli appositi modelli.
    Per i contrati prorogati per i quali il termine per il pagamento dell’imposta di registro non è ancora scaduto alla data del 7 aprile 2011, l’opzione si esercita con il modello 69 - pdf .
    In considerazione dell’entrata in vigore il 7 aprile della nuova disciplina normativa, tenuto conto dell’art. 3 della l. 212/2000, al fine di consentire ai contribuenti di avere adeguata conoscenza del funzionamento della cedolare, sono previsti specifici termini per la registrazione e l’esercizio dell’opzione. In particolare per i contratti per i quali il termine di registrazione scade tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011 la registrazione, anche ai fini dell’opzione, può essere effettuata entro il 6 giugno 2011.
    In caso di risoluzione del contratto di locazione in corso alla data del 7 aprile 2011 o di risoluzione per la quale, alla stessa data, non è scaduto il termine per il pagamento dell’imposta di registro, l’opzione per la cedolare secca si può esprimere entro il termine di versamento dell’imposta di registro per la risoluzione, mediante il modello 69, e ha effetto per l’applicazione della cedolare secca relativa all’anno 2011.
    L’opzione espressa in sede di risoluzione del contratto consente di non versare l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ove dovuta, sulla risoluzione stessa e il locatore è tenuto al versamento dell’acconto, se dovuto, della cedolare secca relativa al periodo d’imposta 2011.
    O Modello e istruzioni Cedolare secca contratto di locazione

    Modello Siria - pdf(Denuncia per la registrazione telematica dei contratti di locazione di beni immobili a uso abitativo e relative pertinenze ed esercizio dell’opzione per la cedolare secca)

    Istruzioni per la compilazione del modello Siria - pdf

    Modello 69 - Richiesta di registrazione e adempimenti successivi - pdf

    Istruzioni per la compilazione del modello 69 - pdf
    Compilazione e invio
    P Per compilare e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle Entrate dichiarazioni, modelli, richieste, comunicazioni o anche effettuare versamenti, è possibile utilizzare i software di compilazione e i software di controllo messi a disposizione dall'Agenzia o reperibili sul mercato (solo per i software di compilazione), e procedere alla predisposizione, verifica ed invio del "file" creato.
    Nel menù di sinistra sono presenti le informazioni relative:
    1. alla modalità di presentazione telematica
    2. al software di compilazione e/o controllo messo a disposizione dall’Agenzia
    3. all'invio del file tramite i servizi Fisconline/Entratel (è necessario registrarsi ai servizi telematici).
    Q Informazioni sulla presentazione telematica
    Per accedere ai servizi web è necessario registrarsi ai servizi telematici.
    E’ possibile presentare online varie tipologie di documenti attraverso i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate.
    Per la trasmissione occorre effettuare alcune operazioni preliminari, comuni a tutte le tipologie di documenti.
    Passo n. 1: Compilare i documenti
    Per presentare un documento in via telematica è necessario utilizzare un prodotto che consenta di compilarlo in formato elettronico. E’ comunque possibile utilizzare qualsiasi prodotto disponibile sul mercato. In questo caso è necessario verificare la coerenza dei dati con le istruzioni dell’Agenzia per i vari modelli telematici, utilizzando la procedura di controllo che segnala immediatamente eventuali difformità.
    Passo n. 2: Preparare il file da inviare
    Completata la compilazione del documento, prima di procedere all'invio, è necessario aggiungere alcune informazioni che consentono di verificare la provenienza dei dati e di trasformare la rappresentazione dei dati stessi in modo che possano essere letti soltanto dall'Agenzia delle Entrate (autenticazione). A tal fine è necessario utilizzare un'apposita applicazione (“File internet” per gli utenti abilitati a Fisconline ed “Entratel” per gli abilitati al servizio).
    Passo n. 3: Inviare il documento
    Per inviare il file così preparato (autenticato) occorre accedere alla sezione Servizi per – Invio, allegare il file e premere il bottone OK. L'invio può ritenersi effettuato solo quando il sistema fornisce in risposta la pagina di conferma della trasmissione, che riporta anche il protocollo attribuito all'invio.
    Attenzione
    L'attribuzione del protocollo al file inviato non assicura che la presentazione sia effettivamente avvenuta. E’ comunque necessario verificare l'esito della trasmissione visualizzando la ricevuta.
    Passo n. 4: Visualizzare e stampare le ricevute
    Per verificare l'esito della trasmissione, occorre accedere alla sezione Ricevute, dove per ogni invio effettuato è disponibile la relativa ricevuta. In particolare, per ogni documento trasmesso telematicamente e regolarmente acquisito dal sistema, viene predisposta una comunicazione di avvenuta presentazione. Se, invece, i dati trasmessi non sono corretti, il sistema produce una comunicazione di scarto. Gli utenti Fisconline possono visualizzare e stampare la comunicazione direttamente dal sito web. Gli utenti Entratel devono, invece, scaricare il file contenente le ricevute sulla loro postazione di lavoro ed elaborare il file con l'applicazione Entratel.
    Attenzione
    Le comunicazioni di avvenuta presentazione e le ricevute di scarto possono essere visualizzate soltanto da chi ha "autenticato" il file.
    R Ricevute: istruzioni (specifiche tecniche) per i produttori di software
    Tracciato - zip relativo ai documenti diversi dalle dichiarazioni e dai contratti di locazione (aggiornato al 21 settembre 2007).
    S Software di compilazione
    Il software di compilazione sarà disponibile a partire dall'8 aprile 2011
    Invio del file
    Per accedere al servizio è necessario registrarsi ai servizi telematici.
    Il servizio consente la presentazione telematica di qualsiasi documento già precedentemente compilato in formato elettronico. L'Agenzia delle Entrate fornisce i software di compilazione ma è comunque possibile utilizzare qualsiasi prodotto disponibile sul mercato; in questo caso è necessario verificare la coerenza dei dati con le istruzioni fornite dall’Agenzia, utilizzando la procedura di controllo che segnala immediatamente eventuali difformità.
    Accedi al servizio
    T Ricevute
    Per accedere al servizio è necessario registrarsi ai servizi telematici.
    Le ricevute dei documenti trasmessi sono disponibili nella sezione “Ricevute”. Per ogni documento inviato telematicamente e regolarmente acquisito dal sistema, viene predisposta una comunicazione di avvenuta presentazione. Se, invece, i dati trasmessi non sono corretti, il sistema produce una comunicazione di scarto. Gli utenti Fisconline possono visualizzare e stampare la comunicazione direttamente dal sito web. Gli utenti Entratel devono scaricare il file con le ricevute sul loro computer ed elaborarlo con l'applicazione Entratel.
    Accedi al servizio
    U Normativa e prassi

    Articolo 3 del decreto legislativo 23/2011 - pdf - Cedolare secca sugli affitti

    Provvedimento del 7/04/2011 - pdf - Modalità di esercizio dell'opzione per l'applicazione del regime della cedolare secca, modalità di versamento dell'imposta e altre disposizioni di attuazione della disposizione di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23. Approvazione dei modelli per l' esercizio dell' opzione (Pubblicato il 7/04/2011 ai sensi dell'articolo 1, comma 361, della legge 24 dicembre 2007, n° 244)
    Agenzia delle Entrate - Cedolare secca contratto di locazione - Scheda informativa
     
    A alder, Tapinaz, Fausto1940 e ad altre 7 persone piace questo elemento.
  2. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie per la disponibilità. Però questo file lo avevo già letto. Solo al punto B) ho trovato che "la cedolare secca è applicabile ad unità abitative locate". Devo intendere locate con qualsiasi tipologia di contratto? Se è così mi va bene ma non mi sembra molto chiaro. Scusmi ma non ho trovato altri riferimenti. Comunque ringrazio.
     
  3. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Sì, anche per le locazioni turistiche :daccordo:
     
  4. Pippo Latorre

    Pippo Latorre Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie infinite. Adesso è tutto chiaro.
     
  5. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    ottimo lavoro Marco:applauso:
     
  6. michele69

    michele69 Nuovo Iscritto

    Potete fare qualche esempio numerico.
    Grazie
     
  7. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
  8. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Oggi. 20 aprile 2011, ho registrato il primo contratto con opzione cedolare. Tutto ok, qualche modifica manuale al 69.
    L'ho fatto per una cliente, sul modello 69 ho indicato anche i miei dati come delegato.
    Anche se si tratta di un solo contratto accettano la presentazione del modello 69, poiché il Siria telematico non è obbligatorio. Quindi, il 69 e il Siria si possono alternare a seconda di come ciascuno preferisce.

    Avevo pagato preventivamente il tributo 964T di €.3,72 per diritti fissi, me lo hanno accettato ma anche su questo non sanno se sarà poi dovuto o meno. Ad altre domande specifiche non mi hanno risposto, attendono ulteriori delucidazioni dal Ministero.
     
  9. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perfetto, e c'è da dire che il 69 sostituisce anche il CDC. Hai per caso esercitato anche un'opzione su contratti già in corso con il mod. 69 ? Per quella non credo vada bene il SIRIA ma solo il 69 vero ? Basterà consegnarlo in duplice copia al protocollo oppure allo sportello di registrazione contratti? Mah... vi saprò a dire perché domani lo farò io. :shock:
     
  10. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    No.
    Comunque l'ho chiesto.
    Mi hanno risposto che al 99% per i contratti in corso (tutti quelli registrati prima del 7 aprile, quindi 2010-2009 etc) a meno che tu non debba presentare per gli stessi una proroga di 4 anni o risoluzione o altro, non si deve presentare nessun modello 69.
    Quando compilerai l'Unico 2012 o il 730 2012 ci sarà uno spazio nella denuncia in cui esprimerai questa scelta.
    Naturalmente devi calcolarti e pagarti i due acconti della cedolare 2011.

    Per il CDC non è stato espressamente eliminato da una norma, ma non c'è più motivo di utilizzarlo.

    Ho notato parecchi dubbi. Loro, in sostanza dipendono da circolari del Ministero.
     
  11. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
  12. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche qui mi hanno detto le stesse cose. Se non si rientra in uno dei casi previsti (cessione, risoluzione, proroga o registrazione) non bisogna assolutamente far nulla. Si omette di pagare l'imposta annuale di registro e si opta per la scelta nella dichiarazione dei redditi del 2012 relativa al 2011.
    La cosa mi lascia comunque dei dubbi.... :???:
    Se viene omesso il versamento adesso il loro software di controllo aspetterà veramente il 30 settembre del 2012 (scadenza della presentazione del Unico telematico) per emettere l'avviso ?
    Se i soggetti (ad es. i locatori) sono più di uno e uno decide di applicare la cedolare secca e uno no sullo stesso contratto, che accade?

    Aggiunto dopo 2 minuti :

    Ah dimenticavo. Se decidi di applicare la cedolare secca la raccomandata al conduttore la devi comunque mandare prima dei termini per il pagamento dell'imposta annuale, altrimenti non puoi farlo. :-o
     
  13. massimoca

    massimoca Nuovo Iscritto

    pare che anche la Comunicazione di cessione del fabbricato venga eliminata con l' adozione della cedolare secca.
    Ti risulta?
     
  14. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    La comunicazione al Commissariato dovrebbe essere assorbita dalla comunicazione all'atto del registro con il modello 69, così come prevede il D.Lgs 23-2011(il comma 3 dell'articolo 3) ma all'Ufficio dove mi sono recato non me lo potevano confermare con precisione.
    La legge è chiara ma al momento, onde evitare possibili fastidi, io procedo ancora come in precedenza.
     
    A Pitiuso piace questo elemento.
  15. massimoca

    massimoca Nuovo Iscritto

    farò anch'io così
    grazie
     
  16. Clematide

    Clematide Membro Attivo

    In Questura non hanno ancora recepito la cedolare. L'informazione gliel'ho fornita io stamattina...:sorrisone:
     
    A Tapinaz piace questo elemento.
  17. Ralemani

    Ralemani Nuovo Iscritto

    Grazie a Maidealista per tutti i suoi interessanti contributi.:applauso:
     
    A maidealista piace questo elemento.
  18. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Lì.... ci vorrà più tempo:^^::sorrisone:
     
    A michele69 piace questo elemento.
  19. michele69

    michele69 Nuovo Iscritto

    Ciao a tutti. Avrei alcuni dubbi sulla cds
    1) La scelta per la cds in caso di risoluzione di contratto va fatta con il mod. 69? Nel mio caso l'inquilino se ne va al 31/5/2011. In questo caso Come mi devo comportare per gli acconti da pagare?
    2) Mi sembra di aver capito che nel caso riaffittassi dopo il termine ultimo per il versamento cds non sono tenuto a versare alcun acconto a giugno. Quanto dovrò versare a novembre per questo nuovo contratto?
    3) per un contratto con decorrenza da febbraio 2011 l'acconto di giugno e novembre riguarderà le mensilità da febbraio a dicembre 2011.
    Grazie per le vs. risposte.
     
  20. bertoldo

    bertoldo Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io aspettavo ancora qualche settimana per inviare la racc.ta all'inquilino per l'adesione alla C.S. il 4/5 mi è pervenuta invece una sua racc.ta datata 29/4 con la quale mi comunica la decisione di lasciare l'appartamento entro 6 mesi, come da contratto.
    Ritengo quindi di dovergli inviare ora, comunque, la racc.ta di adesione alla CS, versare entro il 16/6 il primo acconto, a ottobre presentare il mod. 69 per la risoluzione anticipata del contratto e a novembre il saldo dell'imposta rapportato ovviamente ai 10 mesi del 2011.
    E' corretto quanto sopra? Ringrazio per la Vs. risposta.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina