• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Musicnick

Nuovo Iscritto
Conduttore
Ma ha ragione Vittorievic quando dice che sei un personaggio singolare:
io rubo perchè sono in ristrettezze economiche quindi per te giustificato.
la legge punisce (dovrebbe...) i ladri.

E tu concludi che le le leggi sono in contrasto tra loro?.
Ciao! Quello che intendevo io era un'altra cosa. Per lavoro ho spesso a che fare con le normative, e in campo elettrico non troverai mai una normativa che va contro un'altra. Mi spiego meglio, per fare la cucina serve una finestra, presentano il progetto e l'unico posto per la finestra é sul terreno di un altro appartamento, c'è sia la regola della distanza minima sia la tanto citata privacy. Nel mio campo, non avrebbero dato il permesso a fare la cucina, invece nella nostra fantastica legge si sono inventati "la destinazione per padre di famiglia", e quindi a mare la privacy e a mare il distanziamento. Mi sembra ridicola come cosa, ma paese che vai... La cosa ancora più assurda, é che questa servitù può non essere citata. Io mi sto facendo 2000 remore, e non so se comprerò, ma se fosse capitato un altro o una coppia di anziani probabilmente non se ne sarebbero mai accorti. Poi ci domandiamo il perché ci siano così tante cause civili, nell'edilizia
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Purtroppo non ti sei spiegato meglio, anzi. Non offenderti ma hai dimostrato Proprio di ragionare in modo distorto e non capire.

Prima di trarre tue conclusioni, devi chiederti di chi era la proprietà della casa con sta finestra ed il giardino che ti interessa. Se fossero stati della stessa persona?

Per strampalate possano sembrare le leggi, parti sempre dal principio che seguono una logica, come nella elettrotecnica. Se qualcosa non ti torna, è più probabile sia tu che sbagli a mettere assieme gli elementi.

Unico “neo” (si fa per dire) della prassi edilizia, se vogliamo, è quella per cui per principio l’ente pubblico Nel processo autorizzativo non risponde mai di evenTuali diritti di terzi; se ci pensi bene se così non fosse non ne verrebbe mai a capo.
 

vittorievic

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Mi spiego meglio, per fare la cucina serve una finestra, presentano il progetto e l'unico posto per la finestra é sul terreno di un altro appartamento, c'è sia la regola della distanza minima sia la tanto citata privacy.
secondo me la tua è una interpretazione personalissima della normativa. Chi fa i progetti sa quale è la normativa da rispettare; chi analizza ed approva i progetti idem. Non puoi confondere il progetto di una unica costruzione, di un unico proprietario, così grande da poter essere suddivisa in due o più unità immobiliari dal proprietario medesimo dopo la costruzione. Le deroghe alle norme valgono solo dopo che l'immobile è stato costruito ed accatastato, non è che uno presenta il progetto di una unica costruzione, poi in corso d'opera la frazione in più abitazione: perché in questo caso la destinazione del padre di famiglia non funziona. Quando si presenterà in comune la richiesta di variazione, l'ufficio tecnico, se se ne intende, vedrà la mancata corrispondenza del rispetto delle distanze delle vedute e boccerà la richiesta del progettista, che ha provato a fare queste forzature.
Per quanto riguarda la "privacy", tu, come moltissime altre persone, danna a questa parola un significato personalissimo che non è quello del legislatore che ha introdotto questo termine: la legge sulla "privacy" in sostanza dice che non si possono divulgare dati sensibili di una persona senza il suo consenso. Tu e tutti gli altri, invece, intendete il proteggersi dagli sguardi dei vicini: hai pensato alla stragrande maggioranza degli edifici con il giardino ad uso esclusivo del piano terra? In questo caso non dovrebbero progettare balconi sulla facciata che si affaccia sul giardino.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
la legge sulla "privacy" in sostanza dice che non si possono divulgare dati sensibili di una persona senza il suo consenso
L'illecito utilizzo e la divulgazione senza il consenso dell'interessato di dati personali altrui non riguarda solamente i dati (che una volta erano definiti) "sensibili".
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Mi spiego meglio, per fare la cucina serve una finestra, presentano il progetto e l'unico posto per la finestra é sul terreno di un altro appartamento
Non sul terreno di altro appartamento; al massimo con veduta su giardino di altri.

Continui a preoccuparti per la cucina altrui, quando l'unica domanda che dovresti farti è " sarò in grado di sopportare questa situazione, o è meglio non comprare ? "

Ecco, da quello che hai fatto capire, meglio comprare altro.
 

griz

Membro Storico
Professionista
mi sono letto più o meno tutto :), secondo me è una servitù istituita alla costruzione, infatti nessuno vieta di pregettare e costruire finestre che affacciano su un giardino che poi viene venduto come proprietà pertinente ad altra unità. E' una cosa abbastanza comune e se proprio non si vuole che il vicino guardi, non si compra la casa
 

Musicnick

Nuovo Iscritto
Conduttore
Probabilmente ho sempre capito male io allora, però come mai agenzia e venditore continuano a sostenere che quella finestra é solo un punto luce senza veduta? Secondo, più che la privacy quello che mi spaventa non é il vicino che guarda ma la non possibilità di piantare quello che voglio nel mio giardino, o mettere una siepe/recinzione che voglio io. Fine
 

Musicnick

Nuovo Iscritto
Conduttore
Purtroppo non ti sei spiegato meglio, anzi. Non offenderti ma hai dimostrato Proprio di ragionare in modo distorto e non capire.

Prima di trarre tue conclusioni, devi chiederti di chi era la proprietà della casa con sta finestra ed il giardino che ti interessa. Se fossero stati della stessa persona?

Per strampalate possano sembrare le leggi, parti sempre dal principio che seguono una logica, come nella elettrotecnica. Se qualcosa non ti torna, è più probabile sia tu che sbagli a mettere assieme gli elementi.

Unico “neo” (si fa per dire) della prassi edilizia, se vogliamo, è quella per cui per principio l’ente pubblico Nel processo autorizzativo non risponde mai di evenTuali diritti di terzi; se ci pensi bene se così non fosse non ne verrebbe mai a capo.
La corte é stata presa, buttata giù completamente e presentato un progetto in comune, con le delimitazioni dei confini tra appartamenti ben delimitati
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
mi sono letto più o meno tutto :), secondo me è una servitù istituita alla costruzione, infatti nessuno vieta di pregettare e costruire finestre che affacciano su un giardino che poi viene venduto come proprietà pertinente ad altra unità. E' una cosa abbastanza comune e se proprio non si vuole che il vicino guardi, non si compra la casa
Abbiamo cercato di spiegarlo in tutti i modi,.....: resta il fatto che il costruttore non ha avuto una gran pensata ad aprire finestre su tre lati: ha di fatto penalizzato il lotto adiacente.

E che affermi essere una luce..... non depone molto a suo favore.
 

Musicnick

Nuovo Iscritto
Conduttore
mi sono letto più o meno tutto :), secondo me è una servitù istituita alla costruzione, infatti nessuno vieta di pregettare e costruire finestre che affacciano su un giardino che poi viene venduto come proprietà pertinente ad altra unità. E' una cosa abbastanza comune e se proprio non si vuole che il vicino guardi, non si compra la casa
Mi spiace, sarò io gretto, ma se la legge sull'apertura delle vedute dice che bisogna rispettare la distanza di 1,5 metri dal fondo altrui... Poi se hanno fatto un altro articolo, che dice che si istituisce la servitù alla costruzione... Mi sembra una toppa... Tutto qua. Ripeto, é come dire che in elettrotecnica, anche se il tuo quadro di distribuzione deve rispettare la protezione dai contatti indiretti, tu che sei il costruttore dell'impianto, puoi decidere che la protezione sia a carico dei quadri attaccati sotto di te...
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Il tuo paragone non sta in piedi, non si tratta di questione di sicurezza.
In ogni caso anche nei giardini non puoi piantare quello che vuoi, devi rispettare distanze legali e regolamento di condominio .
E la norma sulla servitù per destinazione del padre di famiglia non è una “toppa” inventata per le finestre, ma una norma applicabile in molti contesti, idonea a chiarire molte situazioni che altrimenti sarebbero conflittuali.
Io non cerco di capire la tua materia prendendo un aspetto a caso, cerca di non fare lo stesso errore.
Tutto l’apparato normativo va visto come un insieme, e per comprendere le singole norme bisogna padroneggiare le basi della materia ( come peraltro in tutti gli ambiti).
E spesso non basta nemmeno
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi spiace, sarò io gretto, ma se la legge sull'apertura delle vedute dice che bisogna rispettare la distanza di 1,5 metri dal fondo altrui... Poi se hanno fatto un altro articolo, che dice che si istituisce la servitù alla costruzione... Mi sembra una toppa...
Ripetiamoci.
Alla origine la distanza era ampiamente rispettata se al muro attuale aggiungi pure la profondità del giardino. A quella epoca non aveva stabilito alcuna servitù. Il problema si è creato nel momento in cui il costruttore ha deciso di frazionare il lotto col giardino e attribuirlo per intero alla costruzione che ti interessa.
Per questo dico che il costruttore non è stato lungimirante. Clienti interessati come te ad acquistare l’appartamento adiacente, saranno fortemente cauti a sorbirsi questo vincolo.
È come se uno che dopo aver acquistato un auto la abbia fatta riverniciare con colori orribili per sfilare a carnevale. Nessuno glielo impedisce, ma quando vorrà rivenderla in quelle condizioni dovrà trovare un bel fenomeno
 

vittorievic

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
comunque non sono pienamente convinto che andando in giudizio quella apertura che viene spacciata per luce rimanga al suo posto.
da:https://avvrenatodisa.files.wordpress.com/2011/03/luci-e-vedute.pdf
pag. 6 ......Inoltre è bene già anticipare che non è acquisibile per usucapione o per destinazione del padre di famiglia una servitù di luce irregolare sia perché difetta il requisito dell'apparenza, sia perché, ai sensi dell'art. 902 c.c. il vicino ha sempre il diritto di esigerne la regolarizzazione.

pag. 4

.......secondo il Tribunale di Bologna, nelle controversie in tema di rispetto di luci e distanze legali, la concessione edilizia attiene esclusivamente ai rapporti tra privato costruttore e pubblica amministrazione, ed è pertanto ininfluente con riguardo ai rapporti esclusivamente privatistici tra privati confinanti; ne discende che il confinante non può dolersi dell'inosservanza delle prescrizioni contenute nella concessione edilizia, se tale violazione non integri, al tempo stesso, un'inosservanza delle norme di cui agli artt. 901 c.c. e segg., poste a tutela di diritti soggettivi.

Nota n.8 Secondo una sentenza del Tribunale di Trani (BA) del 01/10/2004 "Non può essere considerata luce una apertura larga 30 cm, situata ad un'altezza di 117 cm dal pavimento del luogo in cui si trova e a 178 cm dal suolo del fondo vicino, ma deve la stessa essere qualificata veduta, avendo le caratteristiche per la inspectio e la prospectio, ossia i requisiti tipici richiesti - appunto - per la veduta."
 

griz

Membro Storico
Professionista
chiunque con un po' di esperienza sulle edificazioni degli ultimi anni può capire: si progetta una costruzione con varie unità adiacenti con spazi aperti che saranno destinati a giardino di pertinenza ad altre unità, può capitare che una finestra affacci su un'altra proprietà adiacente, non è la cosa migliore per la privacy ma alla fine sarà sempre solo il tuo vicino e non altri. Sicuramente il prezzo dell'unità terrà conto di queste particolarità e se si desidera acquistare uan casa con giardino sul quale non si affacci nessuno si dovrà andare altrove
 

vittorievic

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
si progetta una costruzione con varie unità adiacenti con spazi aperti che saranno destinati a giardino di pertinenza ad altre unità,
secondo te è regolare ma secondo me e secondo il c.c. no. Che poi chi autorizza la concessione edilizia, come ho riportato nel mio intervento, non entra nel merito del rispetto delle distanze previste dal c.c. è un altro discorso. Questo va affrontato in separata sede (anche con il coinvolgimento del comune qualora non abbia verificato il rispetto delle distanze previste dal c.c.) per iniziativa del danneggiato.
Ho scritto che anche secondo me non è regolare perché non ritengo corretto indicare le planimetrie dei locali appartenenti alle varie proprietà ed indicare genericamente lo spazio a verde per poi assegnarlo, dopo l'approvazione del progetto, in proprietà ai singoli proprietari dell'immobile. Se io fossi il tecnico comunale approverei il progetto con la limitazione di bcnc per l'area verde.
Comunque il mio intervento era per confutare alcune affermazioni espresse durante la discussione:
- la prima riguarda la destinazione del padre di famiglia che, come l'usucapione, non si applica per luci non in regola con il c.c.
- la seconda è che, nel caso specifico, l'apertura in questione è fatta passare come luce ma di fatto, avendo questa le caratteristiche di "inspectio e prospectio", luce non è.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto