• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Questa andrebbe incorniciata.
E messa accanto a questa:

Visto che siamo prossimi alla fine dell'anno, fare due rogiti, oppure un solo rogito per due passaggi di proprietà in tempi diversi: uno a fine 2020 per una quota del 50%, e uno a inizio 2021 per l'altro 50%. In questo modo suddivideresti la plusvalenza su due anni fiscali, col vantaggio di avere un'aliquota media più bassa.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
E daje...

Quando avrai smesso di ridere, dimmi quale legge, norma o cavillo impedisce di comprare prima una quota di un immobile, e poi il resto.
Niente lo impedisce, ma sicuro che il risparmio fiscale sia superiore al costo di due rogiti? Non conosco le percentuali in gioco, ma andrei cauto
 

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
sicuro che il risparmio fiscale sia superiore al costo di due rogiti?
Non necessariamente due rogiti, ma un solo atto che prevede due trasferimenti di proprietà in tempi diversi. In fondo per il notaio si tratta di registrare due trasferimenti di proprietà invece di uno, si farà pagare quindi meglio per lui. Le imposte sono le stesse o cambiano di poco, perché in massima parte sono in % al valore.

Poi sicuro non posso certo essere, dipende dagli importi.

Se ad esempio parliamo di 130.000 euro, la metà dell'importo finirebbe nello scaglione IRPEF del 43% se pagato in un solo anno, se invece pagato in due anni lo scaglione del 43% non si raggiungerebbe, e solo 50.000 euro finirebbero nello scaglione del 41%.

Se invece parliamo di 30.000 euro, dividendo in due non si pagherebbe nulla, se fatto in una volta sola si pagherebbe più del 25%. ossia 7.500 euro. Con quelli ne paghi, di rogiti.

Insomma io indicavo una strada, i pro e i contro vanno considerati nel caso particolare.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
E daje...

Quando avrai smesso di ridere, dimmi quale legge, norma o cavillo impedisce di comprare prima una quota di un immobile, e poi il resto.
Puoi comprare/vendere in tutte le "rate" che vuoi...ma non risparmi nulla dal lato pratico...anzi.


Non necessariamente due rogiti, ma un solo atto che prevede due trasferimenti di proprietà in tempi diversi...
Suvvia... cosa ti inventi.
 

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
non risparmi nulla
Numeri alla mano

Se ad esempio parliamo di 130.000 euro, la metà dell'importo finirebbe nello scaglione IRPEF del 43% se pagato in un solo anno, se invece pagato in due anni lo scaglione del 43% non si raggiungerebbe, e solo 50.000 euro finirebbero nello scaglione del 41%.

Se invece parliamo di 30.000 euro, dividendo in due non si pagherebbe nulla, se fatto in una volta sola si pagherebbe più del 25%. ossia 7.500 euro. Con quelli ne paghi, di rogiti.
 

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
Cioè nell'atto scrivo, ad esempio, che la proprietà verrà registrata per una quota del 50% entro il 31 dicembre, e per il rimanente 50% dopo il 1° gennaio e non oltre il 15 gennaio.

Si può sicuramente fare un atto di compravendita per due o più immobili diversi, con un prezzo separato per ogni immobile, che il notaio registrerà all'Ufficio preposto presumibilmente nello stesso giorno, con istanze diverse, menzionando lo stesso atto.

Quindi suppongo che si possa anche fare un atto di compravendita per due quote diverse dello stesso immobile, in cui si specifica che il notaio registrerà le due quote in due momenti diversi.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Quindi suppongo che si possa anche fare un atto di compravendita per due quote diverse dello stesso immobile, in cui si specifica che il notaio registrerà le due quote in due momenti diversi.
Mi pare un'idea campata per aria.
Il notaio deve trascrivere velocemente; anzi, ha l'obbligo di assicurarsi che la trascrizione venga eseguita nel più breve tempo possibile, essendo tenuto al risarcimento del danno in caso di ritardo.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
[
QUOTE="Zenzera, post: 398367, member: 43840"]
Esiste un modo per evitarlo? Non mi sembra giusto.
[/QUOTE]

Non necessariamente due rogiti, ma un solo atto che prevede due trasferimenti di proprietà in tempi diversi. ...

Se ad esempio parliamo di 130.000 euro, la metà dell'importo finirebbe nello scaglione IRPEF del 43% se pagato in un solo anno, se invece pagato...
Invece di perdersi in ipotesi illusorie @zanzara deve andare a 4 occhi con un commercialista preparato...di soluzioni per "risparmiare" sulle tasse da ne sono (es. mi risultano riaperti i termini per la rivalutazione immobiliare) ...ma vanno verificati tutti i particolari omessi nel racconto.
 

davideboschi

Membro Junior
Proprietario Casa
il problema è proprio quello..."supporre" e poi risentirci se ti fanno notare l'assurdità
Caro @Dimaraz , io non ho scritto di fare in un certo modo, ho scritto di proporlo al notaio e di sentire cosa ne pensa.

E poi non mi sono risentito. Invece di sentenze sputate, mi sarebbe piaciuto sentire dei pareri argomentati, avere delle spiegazioni, sentir citata una norma, una prassi, un parere autorevole.

Suppore non è il problema. Si fanno ipotesi alternative per risolvere un problema senza mettere mano supinamente al portafogli. Si fanno per sentire altri pareri, se si ritiene possano essere un punto di partenza e non una soluzione completa, o se si hanno dei dubbi.
Il dubbio non è piacevole, ma la certezza è ridicola. Soltanto gl'imbecilli sono sicuri di ciò che dicono. Lo diceva Voltaire.
E sanno anche risolvere i problemi mettendo supinamente mano al portafogli (questo lo aggiungo io).
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Caro @davideboschi ...io difenderò sempre il diritto di espressione di chiunque voglia intervenire ...ma non posso esimermi dal correggere chi dice una stupidaggine.

Non ostento qualifiche o titoli perché (al pari di altri) chi vuole dare credito alle mie parole si prodighi di verificare con professionisti in loco che meglio potranno valutare disponendo di visione diretta e non di descrizione vaga, incompleta o di parte.
Quindi perdona ma " l'autorevole" non è soddisfano le...ma se in più d'uno ti facciamo notare una tua errata opinione dovresti essere tu a dimostrarne la correttezza e non gli altri a fornire prove.

Ps.
Abbi fede...sotto tanti "alias/avatar" ci sono persone che certe materie le masticano o per lavoro o per preparazione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Se hai una buona scusa, non usarla mai.
Alto