• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

casa61

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sono proprietario di un piccolo attico di circa 50 m² con annessa terrazza di circa 75 m². Vorrei sapere come determinare la superficie commerciale della terrazza. Grazie
 

casa.aurea

Nuovo Iscritto
Non è facile trovare uniformità di calcolo per terrazzi di grossa metratura.

Il D.P.R. del 23 MARZO 1998 n° 138 allegato "C" considera,
per balconi, terrazze e simili, di pertinenza esclusiva dell'unità immobiliare e comunicanti con la stessa:
il 30% fino a metri quadrati 25, e il 10% per la quota eccedente.

La NORMA UNI 10750 elaborata dall'UNITER ed approvata dalla Commissione Centrale Tecnica il 26 MARZO 1998 considera:
il 25% delle superfici per balconi e terrazzi sino ad un massimo del 30% della superficie coperta dell'unità principale con la possibilità di applicare coefficienti ulteriori a discrezione.

Il valore commerciale di 75 m2 è pari a 12,50 m2 (nel primo caso) 16,25 m2 (nel secondo caso).
 

Jrogin

Fondatore
Membro dello Staff
Professionista
Nella zona dove vivo, Viareggio,le compravendite vengono sempre fatte a corpo e non a misura, per cui viene ritenuto poco importante un calcolo preciso, anche se devo dire che personalmente, qualora dovessi utilizzare un coefficiente calcolerei il 25% per i primi 25 mq ed il 10% per la rianenza.
Jrogn
 

casa61

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie per le risposte.
Come temevo, non c'è una regola generale che si possa applicare a tali fattispecie...
Avevo pensato di applicare il 25% della superficie complessiva (ovviamente a mio vantaggio!!!): pensate che possa comunque essere proponibile per la vendita?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto