1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Posso concedere in comodato gratuito un app. di proprietà a conoscenti in cambio di manutenzione anche straordinaria? A chi devono essere intestate le utenze? Il comodato verrebbe registrato, o posso farne a meno? Al comune devo comunicare la cessione di fabbricato, da come ho capito. E con l'ICI? Mi potete dire tutti i passaggi? Grazie a tutti per le risposte.
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    No, potrebbe essere inteso dall' AdE come un corrispettivo occulto
    Se le intesterà il comodatario
    Sempre consigliabile, € 168 + 2 marche da bollo di € 14,62 (1 per ogni copia di contratto)
    Entro 48 ore, alla Questura o al Comune.
    La paga il comodante.
    :daccordo:
     
    A arcobaleno piace questo elemento.
  3. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie, ma se io lo volessi fare lo stesso, se ci sarà un controllo potrò dimostrare che in effetti non si tratta di una manovra per percepire soldi in nero. Ma è proprio tassativo il no??? Cioè che non posso farlo? Vale solo per i parenti stretti? Grazie ancora.

    Aggiunto dopo 1 :

    Che altro potrei fare altrimenti? Grazie per la risposta.:fiore:
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il no non è tassativo, dovrai poter motivare eventualmente la concessione gratuita dell' appartamento.
    Sconsiglio di disporre contrattualmente una contropartita alla tua liberalità. :stretta_di_mano:
     
    Ultima modifica: 24 Ottobre 2013
  5. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Scusa per la mia l'ignoranza, ma cosa vuoi dire disporre contrattualmente una contropartita x la mia liberalità?
    Poi mi chiedo xchè forse dovrei fare un contratto di locazione, quando non percependo nessun denaro ci dovrei pagare anche l'IRPEF? sono confusa. Marco ti prego aiutami.:amore:
     
  6. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ottenere qualcosa oltre un semplice grazie. (ad esempio
    )
    Confermo la possibilità del comodato con le precauzioni sopra citate. :daccordo:
     
    A arcobaleno piace questo elemento.
  7. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Le cose stanno esattamente così:questa persona sapeva che avevo un app. vuoto con stanze di grandi dimensioni 5x5mt
    h2,90case del 1960 e ovviamente misure introvabili. Siccome che questo signore lavora nell'edilizia, ha proposto di sistemarlo tutto a nuovo (lo stato era penoso) in cambio del pagamento dell'affitto. Io ci ho pensato un po' e poi ho pensato perchè no, ma come posso fare col fisco? In fin dei conti io non percepirò un euro per almeno 5 o 6 anni. E tutto potrà essere dimostrabile. E' chiaro che sul contratto di comodato tutto questo non verrà citato in accordo con il comodatario.
    E' lui che vuole questo appartamento a tutti i costi gli piace troppo.Io l'avrei lasciato vuoto visto i precedenti.
    Grazie sei grande!!!!:fiore::fiore::fiore:
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    OK, tieni presente che il comodatario, dopo la firma del contratto, non avrà alcun obbligo. :daccordo:
     
  9. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie per aver rispost:shock:ltre al contratto faremo due righe tra noi. Comunque quella casa senza interventi non sarebbe vivibile. Ma tu al mio posto cosa faresti?? Che non obblighi intendi del comodatario?
     
  10. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Note
    Con il contratto di comodato è possibile dare ad esempio ad un proprio familiare un appartamento.
    Il comodato è essenzialmente gratuito, quando si stabilisce una controprestazione (anche in "nero") si realizza un contratto di locazione (Cass.276/75).
    Per il contratto di comodato di un immobile non è necessaria la forma scritta (Cass. 1083/81).
    Il contratto di comodato, in forma scritta, è soggetto a registrazione, pari a 168 Euro (DPR 26.04.86, n°131, tariffa art. 5).
    Il contratto di comodato può essere senza determinazione di data, in questo caso si parla di comodato precario.
    http://www.uil.it/uniat/Contr comodato Cod civ.pdf
    :stretta_di_mano:
     
    Ultima modifica: 24 Ottobre 2013
    A arcobaleno piace questo elemento.
  11. arcobaleno

    arcobaleno Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie ti confermo la buona fede di entrambi.
    Comunque per te un mazzo di fiori per avermi aiutato, grazie ancora a presto.:fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore::fiore:
     
  12. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Mi inserisco in questa discussione perchè ho saputo di un contratto in comodato (a titolo "oneroso"?) dove un parente offriva gratuitamente l'alloggio in cambio di ore di assistenza mensili come baby sitter per la figlia piccola. Mi ha detto che ha usato un contratto di comodato d'uso gratuito inserendo questa clausola ed altre riguardo piccole spese ordinarie. Il contratto è stato registrato. Ma è possibile inserire queste clausole in un contratto in comodato d'uso gratuito? non è un pò un papocchio? se vale , vale solo per i parenti?
    Comunque ho verificato ed in effetti la prestazione di baby sitter viene regolarmente prestata. Grazie.
     
  13. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non fiori ma opere di bene.
     
  14. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    @ maidealista....cortesemente potrei avere un autorevole parere sul mio quesito precedente? Grazie mille....(poi proverò anche io ad inviarti dei fiori!!!)
     
    Ultima modifica di un moderatore: 24 Ottobre 2013
  15. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa

    Vero, come è vero che, probabilmente, nessuno eccepirà.
    Personalmente preferirei non mettere clausole di contropartita nel contratto, il comodante avrà sempre la possibilità di richiedere il bene dato in comodato in qualsiasi momento.
    Dal C.C.:
    Art 1809 Restituzione
    Il comodatario è obbligato a restituire (1246, 2930) la cosa alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando se ne è servito in conformità del contratto.
    Se però, durante il termine convenuto o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa, sopravviene un urgente e impreveduto bisogno al comodante, questi può esigerne la restituzione immediata.

    Art. 1810 Comodato senza determinazione di durata
    Se non è stato convenuto un termine né questo risulta dall'uso a cui la cosa doveva essere destinata, il comodatario è tenuto a restituirla non appena il comodante la richiede.
     
    Ultima modifica: 24 Ottobre 2013
    A loger piace questo elemento.
  16. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    :fiore:Grazie della sollecita risposta....la mia impressione è che l'inserimento della clausola, oltre ad avere una contropartita (servizio di baby sitter ), serva, nell'intenzione del propietario, a rendere più credibile la cessione in comodato d'uso gratuito..... :stretta_di_mano:
     
  17. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Spesso si assiste ad accordi tra comodante e comodatario rispetto ad opere interne come avviene anche nella locazione e negli affitti, in cui il comodatario si impegna ad effettuare lavori straordinari di ristrutturazione parziale dell’immobile a fronte dello sgravio del pagamento di un canone. In questo caso invece sarebbe meglio che si disciplinasse che tali interventi si considerano acquisiti dal comodante senza la corresponsione di alcun compenso a fronte delle opere e laddove non vi sia stato il consenso o anche senza ipotesi di preventivo consenso si disciplini che il comodante a diritto a richiedere il ripristino del precedente stato dell’immobile al momento della consegna a spese del comodatario.
    Inoltre è sempre meglio inserire la clausola di rimando al codice civile per quanto non espressamente disciplinato dal contratto ossia al gruppo di articoli dal 1803 in poi.
    http://www.tasse-fisco.com/case/con...o-esempi-redigere-quando/9661/comment-page-2/
    +
    Dal punto di vista fiscale, attraverso un contratto di comodato non si trasferisce alcun diritto sul bene (come nel caso dell'usufrutto) ma solo la disponibilità per un determinato periodo; quindi gli obblighi fiscali su tale bene rimangono a carico del proprietario per il quale l'immobile concesso in comodato è equiparato ad un immobile tenuto a disposizione e per tanto dovrà pagare l'aliquota IMU stabilita dal comune di competenza che assorbe a partire dai redditi 2013 l'IRPEF precedentemente prevista.
    http://www.blogaffitto.it/categorie/esperto/contratto-di-comodato-regolare-se-gratuito.html
    +
    Come riportato sopra, uno degli elementi essenziali del comodato ex art 1803 II comma, sembrerebbe essere lagratuità.Infatti la previsione di un corrispettivo sarebbe incompatibile con lo schema tipico del comodato, che, come ho detto, si basa sulla fiducia, sulla cortesia o su una esigenza temporanea del comodatario.
    Tuttavia, la natura e la causa del negoziode quo non vengono meno nel caso in cui i contraenti si accordino per imporre un onere a carico del comodatario stesso.
    Infatti, il carattere essenzialmente gratuito del comodato non viene meno per l'apposizione a carico del comodatario di unmodus, di un onere, purchè esso non sia di consistenza tale da snaturare il rapportode quo(Ex Multis: Cass. Civ. Sent. n. 485 del 2003).In altre parole, è necessario che talemodusnonsiponga come corrispettivo del godimento della cosa ed assuma così la natura di una controprestazione. Inoltre, l'elemento della gratuità o della onerosità del contratto in esame deve valutarsi avuto riguardo alla causa del contratto stesso, intesa come funzione economico-sociale che il contratto medesimo è destinato obbiettivamente ad adempiere. ecc......
    http://www.overlex.com/leggiarticolo.asp?id=1785
     
  18. loger

    loger Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    OK! ho capito che il mio amico in fondo è ben tutelato...avrà sicuramente anche lui chiesto pareri autorevoli come il tuo. Grazie ancora.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina