rommel1970

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,
da circa due anni sono diventato amministratore di un mini condominio di famiglia costituito da due unità immobiliari date in locazione con destinazione d'uso residenziale, un locale commerciale locato ad una società e un magazzino seminterrato, anch'esso locato ma ad una impresa edile.

Ebbene, quest'ultima impresa edile, presente da più di due anni, in barba ad ogni regolamento condominiale e norme ambientali, solleciti e lamentele degli altri condomini, utilizza la rampa di accesso al magazzino come deposito permanente (quindi tutt'altro che temporaneo) dei rifiuti provenienti dalle proprie lavorazioni, quindi il risultato di demolizioni, sfridi di lavorazione, con la buona probabilità che si trattino di rifiuti, sicuramente speciali, ma anche pericolosi.

Anche se il T.U. Ambientale parla chiaro, la 152/06, questa impresa ignora completamente il concetto di "produttore di rifiuto", quello di deposito temporaneo, l'attribuzione dei vari CER (Catalogo Europeo dei Rifiuti) e soprattutto, lo smaltimento attraverso le ditte autorizzate.

Come detto in premessa, trattandosi di condominio a conduzione familiare, sebbene io sia formalmente nominato amministratore attraverso l'assemblea , mi ritrovo nell'imbarazzo di sorbirmi le frequenti lamentele degli altri condomini, per via del degrado e della decadenza del decoro condominiale alla vista del suddetto materiale accatastato, che ha sicuramente impatti anche dal punto di vista igienico sanitario.

Posto alcune foto.

Quali responsabilità dal punto di vista legale ho come amministratore se non intervengo?
Devo rivolgermi formalmente al proprietario dell'immobile (parente poco collaborativo e menefreghista) o direttamente al conduttore?
Devo inviare una prima raccomandata e/o rivolgermi alle autorità competenti?

Ovviamente vorrei evitare conseguenze legali per cercare di garantire l'equilibrio nei rapporti ma al momento niente si è mosso.

Grazie a chiunque sappia fornirmi indicazioni precise e circostanziate.

G.
 

Allegati

  • IMG_6500.JPG
    IMG_6500.JPG
    141,3 KB · Visite: 18
  • IMG_6501.JPG
    IMG_6501.JPG
    242,4 KB · Visite: 17
  • IMG_6502.JPG
    IMG_6502.JPG
    285,1 KB · Visite: 16
  • IMG_6503.JPG
    IMG_6503.JPG
    244,5 KB · Visite: 16
  • IMG_6504.JPG
    IMG_6504.JPG
    120,8 KB · Visite: 19

vittorievic

Membro Senior
Proprietario Casa
In qualità di amministratore di unità immobiliari, non so se di condominio minimo, devi mandare una segnalazione alla Polizia Municipale ed eventualmente ai Vigili del Fuoco.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Quali responsabilità dal punto di vista legale ho come amministratore se non intervengo?
Devo rivolgermi formalmente al proprietario dell'immobile (parente poco collaborativo e menefreghista) o direttamente al conduttore?
Devo inviare una prima raccomandata e/o rivolgermi alle autorità competenti?
1) Civili e Penali per "culpa in vigilando" e mancato svolgimento dei tuoi incarichi... specie se ricevi compensi.
2)in primis al proprietario ma, visto il potenziale rischio Penale manda in copia anche all'impresa locataria.
3) Prima Raccomandata RR alla francese con termine perentorio a sgombrare/ripulire entro 15gg dal ricevimento...pena la Denuncia alle autorità preposte.
 

Gregorio Albisani

Membro Attivo
Professionista
buongiorno, concordo con il suggerimento di @Dimaraz e @vittorievic .

La dimensione del Condominio / numero di unità, non modifica le responsabilità dell'amministratore ove sia stato deciso di nominarlo (e costui abbia accettato l'incarico).

Se la rampa è parte comune, incombe su di lei l'onere di far rispettare la legge e, in mancanza di collaborazione dei condòmini, è tenuto ad allertare le Autorità.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto