1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Buongiorno,

    ho appena fatto montare in casa 2 pompe di calore nel mio appartamento dove non esisteva alcun impianto di climatizzazione.

    Dovrei avere diritto alla detrazione del 50%.

    Siccome il lavoro è fatto ma devo ancora pagare , vorrei essere sicuro di avere tutto quanto necessario alla detrazione.

    Per il momento ho solo una fattura con :

    imponibile = "consulenza e vendita impianto di condizionamento in pompa di calore"
    IVA 10% (ai sensi l.488/99)
    poi c'è una nota in cui si dice "imp.individuale non tenuta a indicare il costo della manodopera......"
    Chi ha montato le pompe dice che è sufficiente poi effettuare il
    bonifico bancario da cui risultino:
    la ragione sociale e la partita IVA dell'azienda beneficiaria del bonifico;
    il proprio nome e cognome e codice fiscale;
    la causale del versamento: "BONIFICO AI SENSI DELLA LEGGE N°449/97 - ACQUISTO CLIMATIZZATORE CON POMPA DI CALORE";

    E' sufficiente oppure, come ho letto altrove:

    1) bisogna accertarsi che il climatizzatore sia in classe A/A ed in pompa di calore

    2) L'installatore deve essere un'azienda abilitata (pena la decadenza dell'agevolazione). Come dovrei accertarlo?

    grazie e cordiali saluti
     
  2. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Il punto 1 è obbligatorio, se non c'è pompa di calore dov'è il risparmio energetico??
    Il punto 2 non è obbligatorio: se chi vende è in grado di fare anche l'installazione perchè cercare un'altra ditta???
    La causale del bonifico è questa:
    codice fiscale del fornitore, codice fiscale del pagante, saldo fattura n. .... del ...... , rif. dpr 917/86 nuovo articolo 16bis (questo riferimento di legge ha sostituito la superata legge 449/97).
    Serve, da conservare insieme a fattura e bonifico, un'autocertificazione in cui si dichiara che il suddetto impianto consente un risparmio energetico. Saluti.
     
  3. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Grazie per la cortese risposta.
    Ne approfitto per altri 2 (piccoli?) dubbi sull'argomento.

    Come dovrei fare l'autocertificazione? Perchè citare il risparmio energetico se sono nell'ambito del 50% cioè la ristrutturazione?

    Siccome la stessa azienda che mi monta e mi fattura le pompe di calore, nell'ambito di un contratto di appalto, mi ha montato e fatturato ora un impianto fotovoltaico, come potrei evitare rischi futuri (se ve ne sono) di contestazione per la congruità del prezzo fatturatomi per il fotovoltaico e per l'impianto di condizionamento?
    grazie ancora
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Basta art. 16-bis. Si presume che ci si riferisca al testo vigente alla data del bonifico. Quel "nuovo" è inutile e non specificherebbe tutto quello che ci sarebbe da specificare. Quell'articolo infatti non è stato modificato solo una volta. E' stato "nuovo" (rispetto alla precedente versione) parecchie altre volte. Se non valesse il principio di cui sopra (testo vigente alla data del bonifico), occorrerebbe indicare anche quale sia la norma che l'ha modificato per ultimo.
     
  5. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Le agevolazioni per ristrutturazione riguardano sia interventi edili di vera e propria ristrutturazione (anche manutenzione straordinaria e restauro) con abilitazioni comunali, sia interventi volti alla eliminazione di barriere architettoniche, alla sicurezza, al risparmio energetico ecc.
    Presumo che tu non abbia in mano una dia o scia per ristrutturazione ma piuttosto un'abilitazione per i pannelli solari che rientrano, insieme alla pompa di calore nel risparmio energetico.
    Non vedo problemi per la fatturazione sia dell'impianto fotovoltaico che sia per la pompa di calore.
    Per l'autocertificazione sembra abbastanza palese che con i due interventi ci sia risparmio energetico. Saluti.
     
  6. franco causio

    franco causio Membro Junior

    No, non ho alcuna dia o scia.
    Però, la situazione è, su una casa già esistente da 30 anni:

    - contratto di appalto con azienda xy abilitata
    - prestazioni previste:
    1)montaggio impianto fotovoltaico -agevolazione nell'ambito del 5° conto energia e non nel 55% di risparmio energetico (tariffa omnicomprensiva ecc...)
    2) montaggio e acquisto impianto di condizionamento con pompe di calore - detrazione del 50% in 10 anni
    Il lavoro non si limita al puro impianto ma anche al posizionamento di tubi e condutture..

    Non vorrei avere contestazioni future dall'agenzia sulla congruità della fattura 1 e della fattura 2, quindi mi chiedo se sia opportuno conservare qualche documentazione in più o comunque richiedere alla azienda che fattura di specificare qualcosa in più sulle fatture stesse.
    ciao e grazie
     
  7. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Allora, cerco di spiegarmi con i numeri così è più chiaro.

    Io ho un contratto di appalto con l'azienda xy che prevede un corrispettivo totale di 20 mila euro.

    Le prestazioni del contratto sono:

    1) montaggio e installazione impianto fotovoltaico (contributo nell'ambito del 5° conto energia e non 55% risp.energetico)

    2) montaggio impianto di condizionamento con pompe di calore (detrazione del 50% in 10 anni , ristrutturazione)

    Quindi verranno fatte dall'azienda 2 fatture distinte, una per la prestaz.1 e una per la 2.
    prestaz. 1 = 13.000 euro
    prestaz. 2= 7.000 euro

    La fattura di 7 mila euro dovrebbe rientrare nella detrazione del 50% come ristrutturazione, quindi detraibile in 10 anni all'interno del mio 730.

    Per congruità intendo il rapporto tra i 13 mila della prestaz. 1 e i 7 mila della prestaz.2.
    Cioè cosa dovrei fare o conservare per evitare/limitare eventuali future contestazioni di sovrafatturazione da parte dell'Agenzia sull'importo fatturato sub 2 (= descrizione analitica in fattura dell'intervento, autocertificazione ......).
    L'impianto di condizionamento con pompe di calore infatti prevede costi che non si limitano al semplice acquisto/montaggio di split ma anche a posa di tubazioni e lavori aggiuntivi.

    grazie e cordiali saluti
     
  8. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Avevo capito pannelli solari per la produzione di acqua calda o integrazione del riscaldamento.....i fotovoltaici non rientrano in effetti nell'agevolazione del 50%.

    Per le pompe di calore devi comunque farti fare la fattura con specificato il valore degli apparecchi e il valore della manodopera impiegata per l'installazione (o almeno una notula allegata) in quanto essendo beni significativi, l'IVA su questi apparecchi è del 10% per la realizzazione dell'impianto e del 21% per il valore degli apparecchi stessi in quanto su tali beni l'aliquota IVA agevolata 10% si applica solo fino alla concorrenza della differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni significativi:
    esempio costo totale dell'intervento € 7000 di cui € 5000 costo dei condizionatori e € 2000 costo della prestazione lavorativa.
    Su questi 5000 euro di beni l'IVA al 10% si applica solo su 2000 euro ,
    cioè sulla differenza tra l'importo complessivo dell'intervento e quello dei beni significativi (7000-5000). Sul valore residuo (3000) si paga l'IVA al 21%. In conclusione IVA al 21% su 3000 e IVA 10% su 4000.
    Da questo conteggio (divisione tra importo dei beni e importo del lavoro di installazione), che ti conviene tenere allegato alla fattura, viene evidenziato tutto il lavoro che è stato necessario per l'installazione delle pompe di calore, per cui in caso di contestazioni puoi esibirlo. Saluti.
     
  9. franco causio

    franco causio Membro Junior

    Vediamo se ho capito.

    Ho fatto 2 conti con un foglio di excel per simulare il conteggio.

    Ho un imponibile di 4400 per le pompe e 1300 euro per montaggio e consulenza.

    Sui 4400 delle pompe avrei 1300 euro con IVA 10% e il resto di 3100 euro con IVA 21%.
    Il montaggio di 1300 euro è con IVA al 10%.

    Ecco la tabella, sperando sia leggibile:


    imponibile IVA % totale con IVA
    costo pompe b.signif. 1300 10 1430
    costo pompe residuo 3100 21 3751
    tot. Costo pompe 4400 5181

    costo montaggio 1300 10 1430
    TOTALE 5700 6611

    Quindi pagherei in totale 6611 euro.

    Se il conteggio è corretto, la fattura dovrebbe riportare quindi il costo delle pompe suddiviso su 2 righe (uno per aliquota) come ho supposto io?
     
  10. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Praticamente sì!!
     
  11. franco causio

    franco causio Membro Junior

    veramente però mi hanno già detto che l’obbligo di indicare in fattura il costo della manodopera è stato soppresso dal decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011.
    Quindi non vedono perchè dovrebbero indicare in fattura la mano d'opera distinta e tantomeno il costo "del bene significativo"...
    cosa potrei rispondere?
     
  12. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Lo so che l'obbligo di indicazione della manodopera è stato soppresso.
    Vuoi forse tutta la fattura al 21%?
    Per questo tipo di bene (l'elenco dei beni significativi si limita a 6-7 tipi di beni) o scorpori la manodopera dal valore dei beni per poter usufruire almeno parzialmente dell'aliquota IVA agevolata, altrimenti si va col 21% su tutta la fattura. Vedi tu. Comunque l'elenco dei beni e la spiegazione su come calcolare l'IVA agevolata la trovi a pagina 17 della guida alle ristrutturazioni dell'agenzia delle entrate aggiornata ad agosto 2012. Leggi e vedrai che è come dico io. Saluti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina