• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gerardo schiavone

Membro Attivo
Buonasera
Due cointestatari di due immobili nello stesso condominio possono partecipare entrambi alla stessa assemblea, ognuno in rappresentanza di un immobile?
Grazie in anticipo.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
No. I comproprietari intervengono in assemblea con un solo rappresentante, che esprime un unico voto e un'unica volontà.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Due cointestatari di due immobili nello stesso condominio possono partecipare entrambi alla stessa assemblea, ognuno in rappresentanza di un immobile?
Per partecipare possono partecipare entrambi, se non è proibito dal regolamento di condominio, ma il voto lo esprime uno solo vale 1 testa e la somma dei millesimi di proprietà. Se non sono d'accordo tra loro che facciano lo scioglimento della comunione per cui ognuno avrà il proprio appartamento da rappresentare.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se non sono d'accordo tra loro che facciano lo scioglimento della comunione per cui ognuno avrà il proprio appartamento da rappresentare.
Non sarebbe sufficiente che ciascuno deleghi l'altro a rappresentarlo per la sua quota sull'altro immobile, in modo che ciascuno possa intervenire per un singolo immobile ed esprimere la sua opinione?
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Se ciascuno interviene per il suo 50% ed è delegato per la quota restante, rappresenta l'intera proprietà di quell'immobile.
scritto così sembra che tu stia pensando che un tizio proprietario di due unità immobiliari voti due volte e conti due teste: non è così. Il personaggio conta una testa e la somma dei millesimi dei suoi appartamenti. Nel caso di due unità immobiliari appartenenti entrambi in comunione indivisa a due persone, i due comproprietari valgono ugualmente una testa e la somma dei millesimi degli immobili.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
E' quello che ho scritto io! Ma se un immobile è di proprietà di due persone uno dei due delega l'altro a rappresentarlo in assemblea di condominio, per cui l'altro interverrà con diritto al 100%.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma se un immobile è di proprietà di due persone uno dei due delega l'altro a rappresentarlo in assemblea di condominio
Se 2 (o più) sono proprietari di una o più unità immobiliari significa che sono comproprietari... può votare solo 1 di essi e non serve alcuna delega.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se ciascuno cura gli interessi relativi ad un immobile, ha titolo perché è proprietario del 50% ed è delegato dall'altro 50%. Ovviamente il tal modo, se lo ritengono necessario, possono partecipare entrambi.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se ciascuno cura gli interessi relativi ad un immobile, ha titolo perché è proprietario del 50% ed è delegato dall'altro 50%. Ovviamente il tal modo, se lo ritengono necessario, possono partecipare entrambi.
E' espressamente vietato e confermato da Giurisprudenza.

In caso di comproprietà in assemblea può decidere e votare solo 1 rappresentante dei comproprietari
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
In questi casi, esiste una legge che definisce chi ha diritto di partecipare alle assemblee?
Il nuovo art. 67 disp. att. c.c. stabilisce che "qualora un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice civile".
Si ritiene che l'avviso di convocazione vada inviato a tutti i comproprietari così da consentire di individuare chi parteciperà alla riunione in rappresentanza di tutti; secondo la lettura combinata delle disposizioni di legge la nomina del rappresentante appare obbligatoria e non facoltativa.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
"qualora un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice civile".
un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone,
E' quello che sostengo anch'io, per ogni unità immobiliare può esistere un rappresentante, ben sapendo che ogni caso può avere differenti esigenze che, a volte, solo il possessore conosce. Inoltre, i comproprietari potrebbero avere deciso una divisione di fatto con un accordo privato, prendendo possesso del proprio immobile.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
per ogni unità immobiliare può esistere un rappresentante
Ma più unità che appartengono allo stesso gruppo = 1 unica comproprietà = 1 "testa" che vale la somma dei millesimi.

Altrimenti di altera l'equilibrio ordinato dalla norma di Legge che in ambito condominiale prevede la doppia maggioranza (di teste e millesimi).per approvare una delibera.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Altrimenti di altera l'equilibrio ordinato dalla norma di Legge che in ambito condominiale prevede la doppia maggioranza (di teste e millesimi).per approvare una delibera.
i comproprietari potrebbero avere deciso una divisione di fatto con un accordo privato, prendendo possesso del proprio immobile.
In definitiva potrebbero essere due proprietari ciascuno del proprio appartamento.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, con un contratto di locazione con cedolare secca e a canone concordato è possibile inserire la possibilità di sublocazione per avere poi la possibilità di aprire un'unità ufficio amministrativo?
Ed inoltre, è possibile ridurre le motivazione e il tempo di recesso? L'articolo 8 "recesso del conduttore" parla di gravi motivi e 6 mesi di preavviso. Grazie per una Vostra gentile risposta.
Alto