1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti, vorrei proporre un quesito di natura civilistica. :???:
    Risiedo in un'abitazione (territorio siciliano) che sino a qualche anno addietro era confinante con un terreno nel quale insisteva un vecchio rudere che, seppur vicino al mio fabbricato, non lo superava, comunque, in altezza. :-o
    Per dovere di informazione preciso che tra il mio fabbricato ed il muro di cinta del vecchio rudere è presente una piccola strada comunale che, comunque, non supera la larghezza di circa 2 metri.
    A seguito di autorizzazione del comune una ditta ha proceduto ad effettuare lavori di ripristino/ristrutturazione del rudere. :shock::shock: (in merito ho in corso un'accesa controversia con l'ente autorizzatorio).
    Ebbene, l'esito di tali lavori è stato quello di realizzare un immobile alto circa 9 metri. Ubicato a meno di due metri dalla mia abitazione. L'unica separazione tra la mia abitazione e il mio fabbricato è data soltanto dalla predetta stradina pubblica (2 metri). :shock:
    Tra l'altro, nel muro confinante con la mia abitazione sono state realizzate anche due finestre.
    A questo punto mi chiedo che fine hanno fatto del disposizioni del D.M. 1444/68, art. 9, che impone una distanza tra i fabbricati di almeno 10 metri? :domanda:
    Per le finestre si può considerare l'enunciato dell'art. 905 del codice civile, ultimo comma, il quale deroga al divieto delle distanze minime, per l'apertura delle finiestre sul fondo del vicino, allorquando tra i due fondi vi è una strada pubblica? :domanda::domanda:
    La mia domanda è la seguente: è mai possibile che tra due edifici ci sia una distanza di circa due metri, anche se separati da una strada pubblica? :domanda::domanda:
    Aspetto un vostro autorevole parere.
    saluti :fiore:
     
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ma casa tua quanto dista dal confine costituito da questa strada? comunque credo che la cosa sia legittima. e non capisco perchè secondo te tu hai potuto costruire casa tua superando in altezza il rudere ed il proprietario di questo non possa fare, lo stesso. comunque le distanze, che io sappia vengono stabilite da chi costruisce per primo, se io mi tengo a tre metri dal confine il mio confinante deve fare altrettanto. mai sentito parlare di 10 m.
     
    A salvo cervino piace questo elemento.
  3. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    la mia abitazione dista a circa due metri dal vecchio muro di cinta dell'altra proprietà. riguardo alle distanze non ho idea se siano computate in relazione a chi primo arriva.Credo che comunque ci si attenga alle leggi e regolamenti.
     
  4. salvo cervino

    salvo cervino Nuovo Iscritto

    arianna26 mi associo al tuo pensiero
    un saluto
    Salvo
     
  5. luket

    luket Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Quando tra i fabbricati sono interposte strade d'uso pubblico vi è l'esonero dell'obbligo delle distanze legali tra le costruzioni.
    Le distanze minime tra i confini e gli edifici sono stabiliti, generalmente, nei regolamenti locali a cui si deve far riferimento per l'edificazione. Qualora i fabbricati circostanti preesisitenti distano dal confine meno della distanze minime previste, le nuove fabbriche dovranno arretrarsi ulteriormente fino a raggiungere la distanza minima stabilita tra gli stessi. Per esempio, se un fabbricato è a quattro metri dal limite del vicino lotto, e le distanze minime stabilite da rispettare sono di ml 5 dai confini e 10 metri dai fabbricati (salvo la possibilità di costruire a confine, quindi a distanza nulla) la nuova fabbrica dovra' essere realizzata ad una distanza minima di ml 6 dal confine, in modo che la distanza tra i due fabbricati sia almeno di ml 10, come prescritto dal regolamento.
     
    A Much More e ismet piace questo messaggio.
  6. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Dieci metri di distanza tra pareti finestrate,escluse le zone del centro storico, è inderogabile perchè legge nazionale di rango superiore alle leggi regionale e locali. Non importa quanto prevede il PRG.Inoltre se la strada è pubblica le distanze vanno maggiorate....sempre per il decreto 1444/68. Se tu sei in regola con la tua costruzione,ma anche se non sei in regola puoi rivolgerti al Giudice per ottenre la demolizione di quanto costruito non a distanza inferiore a 10 metri...sempre che non sei in centro storico,in tal caso valgono le norme del PRG.
     
    A ismet e salvo cervino piace questo messaggio.
  7. ismet

    ismet Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    grazie per le cortesi risposte. :daccordo::daccordo:
    devo ancora ricercare qualche altro chiarimento in merito. :spunta:
    saluti:)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina