• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mirko giorgialo

Nuovo Iscritto
Impresa
Buongiorno,ho da poco terminato i lavori nell’abitazione di mia proprietà facendo tutte le pratiche relative al 110%, sono incappato in un problema quando, arrivato al punto di cedere il credito sul sito dell’agenzia delle entrate essendo titolare della ditta individuale e proprietario di casa e dunque avendo stesso codice fiscale, beneficiario e cessionario vanno in conflitto e non ho modo di scaricare il modello. Ho optato quindi per la cessione del credito in prima persona con la banca, anticipando tutti costi, la domanda adesso è puó la mia ditta fatturare i lavori fatti a casa mia nello specifico tutta la parte edile,infissi,elettricista ed idraulico? Come funzione per la fatturazione?? Grazie
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Premesso che non sono pratico, a logica non dovresti avere problemi normativi, salvo essere passibile di maggiori controlli di congruità
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Lo penso anche io, sarebbe improponibile che io titolare di impresa edile facessi fare i lavoro a casa mia ad una ditta esterna
Improponibile no: anzi, spesso proprio per evitare contestazioni ho visto proprio praticare favori reciproci tra ditte “amiche”, dove almeno formalmente la fatturazione la emette la ditta amica. Ovviamente se poi c’è occasione di reciprocità.
Piuttosto non vedo perché una impresa regolarmente registrata in possa fatturare al titolare Persona Fisica
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
la domanda adesso è puó la mia ditta fatturare i lavori fatti a casa mia nello specifico tutta la parte edile,infissi,elettricista ed idraulico?
Non avevo colto il senso di questo passaggio: intendi dire che ti sei fatto fatturare tutte le prestazioni/forniture di altri alla tua ditta e dopo hai fatturato il tutto a te stesso?

Questo potrebbe essere un problema.
 

Mirko giorgialo

Nuovo Iscritto
Impresa
Non avevo colto il senso di questo passaggio: intendi dire che ti sei fatto fatturare tutte le prestazioni/forniture di altri alla tua ditta e dopo hai fatturato il tutto a te stesso?

Questo potrebbe essere un problema.
Perche sarebbe un problema? È stato fatto un progetto, un computo metrico, asseverato da un tecnico e messo un visto di conformità da un commercialista, l’impresa fa capo a tutti, idraulico, elettricista etc perche dice che potrebbe essere un problema?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
puó la mia ditta fatturare i lavori fatti a casa mia
Può interessarti la risposta della Presidenza Consiglio dei Ministri:

A07.8 - È possibile ai fini del Superbonus affidare i lavori ad una ditta in cui è azionista di riferimento e amministratore il medesimo proprietario degli immobili oggetto degli interventi?
  1. Le norme agevolative non prevedono limitazioni al riguardo. Si ritiene, pertanto, che ai fini del Superbonus non rilevi la circostanza che l'esecuzione dei lavori venga affidata ad una impresa in cui l'azionista di riferimento o l'amministratore sia anche il proprietario degli immobili sui quali si effettuano i lavori. Resta fermo l'eventuale accertamento in concreto di un utilizzo non corretto della agevolazione in esame.
FAQ sul Superbonus 110%: Esempi concreti | www.governo.it

Per analogia, dovrebbe essere possibile anche per un ditta individuale, con l'imprenditore unico proprietario e amministratore dell'impresa che effettua i lavori.
 

Mirko giorgialo

Nuovo Iscritto
Impresa
Può interessarti la risposta della Presidenza Consiglio dei Ministri:

A07.8 - È possibile ai fini del Superbonus affidare i lavori ad una ditta in cui è azionista di riferimento e amministratore il medesimo proprietario degli immobili oggetto degli interventi?
  1. Le norme agevolative non prevedono limitazioni al riguardo. Si ritiene, pertanto, che ai fini del Superbonus non rilevi la circostanza che l'esecuzione dei lavori venga affidata ad una impresa in cui l'azionista di riferimento o l'amministratore sia anche il proprietario degli immobili sui quali si effettuano i lavori. Resta fermo l'eventuale accertamento in concreto di un utilizzo non corretto della agevolazione in esame.
FAQ sul Superbonus 110%: Esempi concreti | www.governo.it

Per analogia, dovrebbe essere possibile anche per un ditta individuale, con l'imprenditore unico proprietario e amministratore dell'impresa che effettua i lavori.
Si lo avevo letto anche io ma volevo la certezza, non vorrei avere brutte sorprese
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Si lo avevo letto anche io ma volevo la certezza, non vorrei avere brutte sorprese
La certezza te la da solo una risposta ad un tuo interpello (per quel che vale) dove spieghi tutta la situazione e suggerisci la risposta.

Perche sarebbe un problema?
E' un problema nel momento in cui tu paghi un servizio un prezzo (ad una ditta esterna) e te lo rifatturi maggiorato.
Si chiama "cresta" e l' Agenzia delle Entrate ha già stroncato tutti quelli "affaristi" che pensavano di arricchirsi ...società di General Contractor nate come funghi.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Si chiama "cresta" e l' Agenzia delle Entrate ha già stroncato tutti quelli "affaristi" che pensavano di arricchirsi ...società di General Contractor nate come funghi.
Mi piacerebbe saper come ha stroncato questi General Contractors: sono per l'appunto alle prese con due proposte di rifacimento facciate, in cui l'appalto sarà gestito da società di servizi, che si appoggiano a imprese edili esterne: il meccanismo dello sconto in fattura o cessione del credito alle banche pare fatto apposta per ... la formazione delle creste.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Grazie: leggerò l'articolo ed i relativi interpelli. Non mi pare rientrino nel mio caso, ma non importa.
Io mi riferivo a società non dotate di risorse umane proprie, che evidentemente subappaltano i lavori ad imprese edili non in grado di gestire in proprio grossi appalti.

Un caso ad es. è IREN Smart Solutions

Nel secondo caso è una srl, spin-off di una impresa che credo abbia chiuso i battenti: i soci sfruttano evidentemente le esperienze acquisite e coordinano ditte esterne subappaltatrici,

Ma hanno quotato solo i lavori di cantiere: capitlato, DL, DS, e pratiche correlate sono gestiti da professionisti incaricati dal condominio.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Il General Contractor può risultare l'unico che fattura al privato/Condominio addebitando anche quota per eventuale coordinamento in cantiere o svolgimento di pratiche "necessarie"....ma non potrà addebitare al cliente finale con importi maggiorati rispetto alle fatture dei "subappaltanti".

Resta il "cavillo" delle eventuali responsabilità che emergono a posteriori...quando finita la "cuccagna" tutta quella pletora di imprese nate per cavalcare il momento (quasi tutte Srl a capitale ridotto) spariranno.

Il "cerino" resta in mano al committente...solo che piuttosto di "cerino" lo chiamerei "miccia da cava".
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il General Contractor ....
Gia: per questo ho reagito alla tua segnalazione.
Però vediamo se ho inteso questo ultimo tuo post. MI interessa capire cosa e come contesta Agenzia delle Entrate : mi dici che il GC non può applicare maggiorazioni alle fatture dei subappaltanti. Ora queste SRL che si propongono come prime-contractor immagino siano catalogabili e rientrino nella casistica da te segnalata.

Ma la SRL che non ha dipendenti propri e farà eseguire tutti i lavori edili in subappalto, in genere presenta preventivi e stipula il contratto sulla base del preventivo, riferito ad un capitolato lavori che non include voci di costi amministrativi, di struttura, di consulenza della ditta appaltatrice. Ed appare come unica "responsabile":
- come può Agenzia delle Entrate fare accertamenti a tappeto nella contabilità incrociata di tutte le aziende operanti in Italia? (appaltanti ed appaltate?)

E senza margini chi è disposto a ... muovere la coda?

In presenza di capitale sociale comunque non confrontabile con l'entità dei lavori, può essere sufficiente la polizza assicurativa di importi es. 10 volte superiori alla dimensione dell'appalto?

Io vedo un difetto di origine: occorrerebbe limitare l'entità del subappalto ed esternalizzazione dei lavori al di sotto di una percentuale (almeno del 30% ad esempio).
Altrimenti non se ne esce: il committente non ha scampo.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
I "peccati originali" dei vari Superbonus sono molteplici e dimostrano l'incapacità funzionale di chi ci governa.

Agenzia delle Entrate ha tempo 8 anni per verificare quanto viene fatto.
Fossi un "ispettore" ci metto niente a scremare un database di Richieste Superbonus dove risulta esserci la gestione di un GC...e poi incrociare le fatture dei subfornitori con gli importi addebitati al Cliente finale.
Agenzia delle Entrate ha pieno ed immediato accesso a tutte le fatture (elettroniche).

Le Srl oggi ci sono fra 1 anno probabilmente no...e anche ci fossero risponderebbero con un Capitale zero.
Le "fantomatiche" polizze si riveleranno una coperta troppo corta senza contare la contestazione del "dolo".
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
I peccati dei vari bonus sono molteplici, ma questo non mi pare “originale”: il meccanismo dei subappalti, per le grandi come per le piccole opere, è in atto da tempo; i bonus hanno aggiunto una ulteriore occasione di speculazione, aggiungendo anche rischi fiscali per il contribuente.
Mi chiedo come se ne esca: non pratico il settore, ma stando ai casi In cui sono incappato, mi sembra che le imprese edili con dipendenti sono spessoalla canna del gas, mentre trovi solo più questi enti di service, quali questa Iren Services : e forse è già meno peggio avendo alle spalle un gruppo sicuramente solido
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Però rileggendo i due interpelli e l'articolo, mi sembra che il problema sia circoscritto ai servizi professionali accessori all'appalto principale, che devono essere fatturati al committente in modo trasparente e dettagliato, senza ricarico rispetto alla fattura del professionista.

Rimane escluso, se inteso bene, il lavori diretto di esecuzione del lavoro edile o impiantistico.: quindi non c'è alcun limite all'appalto salvo rientrare se ci sono, nei limiti del preziario di riferimento
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho due entrate nella mia proprietà. Il numero civico va messo solo all'entrata pedonale o anche al carrabile? Sono separati da molto muro di recinzione e spesso postini e corrieri citofono al carrabile quando la cassetta della posta è al pedonale. Cosa posso fare? Grazie
Alto