• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve a tutti sono nuovo e mi chiamo Alessandro.
Dovrei ristrutturare casa e mio padre ed io abbiamo deciso(d'accordo con mio fratello e mia madre) di intestarmi una casa in sua proprietà.

Entro giusto 2 secondi nella faccenda familiare.
Mia madre ha un immobile di sua proprietà avendola ereditata dai suoi genitori. Mio padre incece ha una proprietà donata dai suoi genitori ad ogni singolo figlio..mi spiego ogni figlio all'epoca ha avuto un appartamento.
Mio fratello in questo momento ha iniziato il suo percorso lavorativo in Germania.

Siamo andati da alcuni notai..niente non siamo riusciti a capire bene come agire.
Attualmente la casa che prenderei ha bisogno di lavori importanti di ristrutturazione.

Ci hanno proposto
1. Donazione diretta (in cui mio fratellopotrebbe rompermi le scatole..ma a questo punto anche mia madre,cosa non dettami ma letta sui forum)
2. Donazione con divisione(entrambi ereditiamo gli immobili e poi ce li dividiamo)

A parte i cavilli legali..io non vorrei vivere in eterno in quell'appartamento..
La differenza tra le due a livello economico è abbastanza importante (4.400 euro di differenza)..posso tentare qualche altra strada?
La casa potrebbe essere valutata intorno ai 150mila euro secondo me
Scusate se mi sono dilungato
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Dovrei ristrutturare casa e mio padre ed io abbiamo deciso(d'accordo con mio fratello e mia madre) di intestarmi una casa in sua proprietà.
Ciascun genitore della sua proprietà può disporre per 1/4 a suo piacimento, ma deve riservare 1/4 al coniuge ed altrettanto a ciascuno dei due figli.
Capisci bene che, essendo entrambi i genitori proprietari rispettivamente di un'abitazione ed avendo due figli, venga difficile risolvere il problema che poni.
Tuo padre potrebbe cederti la sua casa, esentandoti dalla collazione. Evidentemente, per la quota eccedente la quota disponibile, dovrai rendere conto agli altri coeredi.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
mio padre ed io abbiamo deciso (d'accordo con mio fratello e mia madre) di intestarmi una casa in sua proprietà.
Se volete che una casa di tuo padre diventi tua adesso, non ci sono molte alternative; o te la vende o te la dona.
Oppure aspetti, e erediterai una quota alla sua morte.
2. Donazione con divisione(entrambi ereditiamo gli immobili e poi ce li dividiamo)
Qui devi aver capito male; se ereditate, la donazione non c'entra.

Comunque, la donazione è sconsigliata, la vendita impone di pagare il prezzo.
Stando così le cose, forse la decisione di "intestarti" una casa di tuo padre non è così facile da realizzare, e forse non è una grande idea.

Puoi sempre andare a vivere in quella casa, ristrutturandola, in comodato gratuito.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Puoi sempre andare a vivere in quella casa, ristrutturandola, in comodato gratuito.
... con qualche aggiunta.

Se l'immobile richiede significativi interventi di manutenzione/ristrutturazione, è bene conservi le fatture e soprattutto valuti la spesa. Il fatto che venga considerata significativa una differenza di 4,4 k€ su un valore teorico di 150 k€, la dice lunga sui rapporti familiari.

Personalmente sconsiglierei di anticipare interventi di ristrutturazione su un immobile non di proprietà: meglio patti chiari; forse sarebbe bene imparare dal comportamento di certi nostri vecchi.
Ad esempio prestito al padre, con scrittura o atto, con interesse corrente e piano di restituzione a 5-10 anni, finalizzato alla ristrutturazione; poi pagherei un regolare canone di locazione per il tempo che ne usufruirei.

Quando i genitori verranno a mancare, decideranno la divisione dei beni.
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Domani ho un appuntamento con il notaio per chiarire perche la cosa è bella ingarbugliata per me.

I rapporti familiari sono ottimi..io vivo ancora con i miei..e mio fratello ed io siamo in buoni rapporti..

4.4k sono tanti..stiamo investendo qualcosa come 100mila euro ed io sono un 32enne con u contratto part time..quindi gia così è un bel rischio

In pratica forse nn sono stato chiaro..con la donazione diretta il notaio ci ha chiesto per i 2 atti 3600 euro, mentre con l'altra che ci consigliava ce ne ha chiesti 8000.

@francy63: forse ho scritto male..intendevo dire che i nostri genitori darebbero ad ognuno di noi il 50% delle due abitazioni e poi nello stesso atto ognuno di noi avrebbe scelto quale delle due abitazioni scegliere
Almeno cosi ci è stato spiegato..
Tra l'altro il valore dell'immobile di mia madre attualmente vale molto di piu di quell'appartamento...ci è stato detto che non era importante..
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
.intendevo dire che i nostri genitori darebbero ad ognuno di noi il 50% delle due abitazioni e poi nello stesso atto ognuno di noi avrebbe scelto quale delle due abitazioni scegliere
Almeno cosi ci è stato spiegato..
Così è gia più chiaro; donazione da tuo padre a voi figli di un immobile, donazione da vostra madre a voi figli dell'altro immobile, e poi una permuta tra di voi, in modo che ognuno diventi proprietario esclusivo di un immobile.
Se casa di tua madre vale di più, ci rimetti ( non capisco perché non sarebbe importante).
Secondo me sbagli a considerare la cosa dal punto di vista dei costi e basta, perché vanno considerate le conseguenze future , e le altre implicazioni.
Se non intendi vivere in quella casa lungo, e magari venderla , la donazione la eviterei.
Spero che il notaio ti chiarisca bene le cose.
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
È quello che ci ha detto il notaio..quello che ha descritto franci63..tuttavia ci sono 4500 euro di differenza

Sto pensando al comodato d'uso gratuito..ci sono troppi cavilli in questo momento a mio avviso..
Inoltre mio padre dovrebbe regalarmi una somma di circa 40mila euro(per infissi e alcuni lavori) ma non ho capito se cmq va fatto l'atto anche per questa somma...ma suppongo di si.

Ps: mio fratello non è interessato all'abilitazione neanche di mia madre che ne deterebbe l'usufrutto
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
E cosa potrei fare @Franci63
Parliamo della cosa quasi piu economica.
Così è gia più chiaro; donazione da tuo padre a voi figli di un immobile, donazione da vostra madre a voi figli dell'altro immobile, e poi una permuta tra di voi, in modo che ognuno diventi proprietario esclusivo di un immobile.
Se casa di tua madre vale di più, ci rimetti ( non capisco perché non sarebbe importante).
Secondo me sbagli a considerare la cosa dal punto di vista dei costi e basta, perché vanno considerate le conseguenze future , e le altre implicazioni.
Se non intendi vivere in quella casa lungo, e magari venderla , la donazione la eviterei.
Spero che il notaio ti chiarisca bene le cose.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
- Legalmente 40mila euro non sono una modica cifra: quindi "sarebbe" obbligatorio un atto di donazione.
- Una donazione in denaro, per acquistare un immobile , viene considerata donazione indiretta, che presenta minori problemi nel caso successsivamente si metta in vendita l'immobile.
mio fratello non è interessato all'abilitazione neanche di mia madre che ne deterebbe l'usufrutto
Oggi non è interessato all'immobile, ma domani vedrai che sarà interessato al valore monetario degli immobili in gioco. Ne ho visti pochi che rinunciano ad ereditare dei beni in attivo.
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
- Legalmente 40mila euro non sono una modica cifra: quindi "sarebbe" obbligatorio un atto di donazione.
- Una donazione in denaro, per acquistare un immobile , viene considerata donazione indiretta, che presenta minori problemi nel caso successsivamente si metta in vendita l'immobile.

Oggi non è interessato all'immobile, ma domani vedrai che sarà interessato al valore monetario degli immobili in gioco. Ne ho visti pochi che rinunciano ad ereditare dei beni in attivo.
- immaginavo..come potrei aggirare la cosa..potrebbe fare il bonifico lui per gli infissi e mettere il mio cf in detrazione?
- mettiamo che io prenda l'appartamento in comodato e mi fa una donazione per acquisizione immobile..ma non lo acquisto e faccio lavori di ristrutturazione solamente?(infissi ed altro) L'Agenzia delle Entrate potrebbe rompermi ugualmente le scatole??

Hai perfettamente ragione su questo..è la mia compagna che dice che sicuramente lui non è interessato...in questo momento si..domani chissà però
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
mettiamo che io prenda l'appartamento in comodato [...]L'Agenzia delle Entrate potrebbe rompermi ugualmente le scatole?
No. Se:
- il comodato è regolarmente registrato (costo 200 euro di imposta di registro più 32 euro di imposta di bollo) al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese ammesse alla detrazione se antecedente il predetto avvio.
- hai il consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
No. Se:
- il comodato è regolarmente registrato (costo 200 euro di imposta di registro più 32 euro di imposta di bollo) al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese ammesse alla detrazione se antecedente il predetto avvio.
- hai il consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.
Ciao grazie di essere intervenuto..mi sono spiegato male

- registro contratto di comodato
- genitore può donarmi denaro..in questo caso 40mila per lavori di ristrutturazione? Senza che l'Agenzia delle Entrate mi venga a chiedere le tasse
- genitore può eventualmente bonificare lui i lavori e farmeli scaricare a me?

Il proprietario è mio padre😅e sta uscendo pazzo dietro tutte queste cose burocratiche..lui sa bene che bisogna rifare parte dell'abitazione visto che i precedenti inquilini gliel'hanno...come per dire...DISTRUTTA
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
La donazione di non modico valore deve essere fatta per atto pubblico, sotto pena di nullità.
Avevo letto anche questo..volevo capire come potermi muovere..perche ci stiamo incastrando in una cosa in questo momento più grande di noi..il problema è che quanto è conasiderato il modico valore?
Se i miei hanno immobile x di valore 300.000 immobile y 180.000...denaro disponibile 200.000

40 si potrebbe anche configurare in modico valore? O dipende sempre dal reddito annuale di mio padre?
 

Snowflake

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Dipende da due parametri:
- uno (oggettivo): il valore economico del bene donato;
- un altro (soggettivo): la consistenza del patrimonio del donante.
Ci sono troppe clausole come dicevo..ultima cosa
Potrebbe eventualmente fare bonifici lui e farmeli detrarre a me(parlo eventuali bonus infissi ecc)? Mi è stato detto di si..a me la cosa non convince
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
40 si potrebbe anche configurare in modico valore?
No.
lui sa bene che bisogna rifare parte dell'abitazione visto che i precedenti inquilini gliel'hanno...come per dire...DISTRUTTA
La cosa più semplice è che tuo padre faccia i lavori di ristrutturazione sue spese, e poi ti permetta di andarci a vivere in comodato.
Alla sua morte, potrebbe lasciare a te quell'immobile, e a tuo fratello altro.
Quando morirà tua madre "pareggerete" i conti.
è la mia compagna che dice che sicuramente lui non è interessato..
Penso sia meglio non si "impicci" delle questioni economiche che non la riguardano.
E cosa potrei fare @Franci63
Parliamo della cosa quasi piu economica.
Non ci sono soluzioni "magiche"; il passaggio di proprietà d un immobile è sempre costoso, e le scelte si fanno non solo in base ai costi necessari, ma agli obiettivi presenti e futuri.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, ho una questione da porvi per chi mi può aiutare : nel condominio, l'impianto citofonico è stato sostituito da un cellulare. Tutte le comunicazioni dei portieri arrivano o tramite WhatsApp o per chiamata vocale. A questo punto, bisogna comunque versare indennità per conduzione di citofono o no? Grazie anticipatamente
perchè non ricevo più propit.it la mattina da almeno 10 giorni? , cosa è successo al mio collegamento? non so a chi rivolgermi , ho provato a reiscrivermi ma , poichè già lo sono , mi hanno risposto che non è possibile, chiedo al gestore del gruppo di ripristinarmi nei collegamenti che avevo prima con propit.it.
Alto