• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

tommi

Nuovo Iscritto
roberto vannini ha scritto:
Da quando è stato introdotto l'obbligo di stipulare IL CONTYRATTO DI LOCAZIONE COMMERCIALE per iscritto A PENA DI NULLITA'? grazie.
Codice Civile: Art. 1, comma 4 della legge 9 dicembre 1998, n. 431. A decorrere dalla data di entrata in vigore della suddetta Legge, per la stipula di validi contratti di locazione è richiesta la forma scritta. :ok:
 

Mariangela Morelli

Membro dello Staff
I contratti commerciali (ad uso diverso da abitazione) erano già stati regolati dalla legge 392/78.

La Legge finanziaria 2005 (L. 30/12/2004 N. 311) prevede:

Art. 346 NULLITA' DEI CONTRATTI NON REGISTRATI. Icontratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono NULLI se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati.

Quindi non solo è obbligatoria la forma scritta ma è obbligatoria la loro registrazione.

Ormai i contratti cosiddetti VERBALI non ci sono più.
 

tommi

Nuovo Iscritto
:daccordo: Hai ragione Mariangela, avevo omesso di scrivere che bisogna obbligatoriamente registrare.
Lo ritenevo scontato per il fatto che io registro sempre tutto. :applauso: :applauso: :ok: :fiore: :fiore: :fiore:
A presto.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto