• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Mia suocera è deceduta all'età di 94 anni ed era proprietaria al 1000/1000 unicamente di un bosco ceduo di 13 are ( reddito domenicale 0,68 ) ed un terreno seminativo di 7 are ( un valore domenicale di 0,56 euro ) Essendo vedova gli eredi sono i tre figli ( tutti e tre con una età intorno ai 70 anni e con figli e nipoti ) A nessuno interessano quei due pezzettini di terra situati nell'Appennino ( non sanno neppure bene dove si trovano! ) ma , dato che solitamente sono io che mi occupo degli aspetti 'burocratici' ho visto che , anche se il valore è estremamente esiguo le imposte varie da pagare per la denuncia di successione ammontano all'incirca a 500 euro ( imposta catastale e ipotecaria con un minimo di 200 euro ciascuna...tassa ipotecaria 35 euro...imposta di bollo 64 euro e tributo speciale ' variabile' ) oltre a quanto occorre per fare anche la variazione al catasto. Ma al di là di questi costi i tre eredi vorrebbero evitare di lasciare ai loro figli queste bagattelle che comportano solo costi e niente altro. Io, per quanto abbia cercato , non ho trovato nessuna soluzione praticabile...spero tanto che voi riusciate ad indicarmene una! In attesa dei vostri preziosi suggerimenti vi porgo cordiali saluti
 
O

Ollj

Ospite
Se tal bosco esaurisce tutto il patrimonio ereditario, non si accetti l'eredità.
Il problema è invece se la signora abbia lasciato anche altro... in tal caso infatti la rinunzia parziale non è ammessa e quindi se si diventa eredi lo si diviene per tutto (anche per il bosco)
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie per la sollecita risposta! Mia suocera non ha lasciato altro. Avevo pensato anche io alla rinuncia ma in caso di rinuncia dei tre figli questa eredità si trasmette ad ulteriori discendenti ...e dato che i figli di questi tre figli sono in tutto 7 ma due di questi hanno figli minori se anche tutti questi 7 nipoti di mia suocera rinunciano entrano 'in ballo' i figli minori di questi... il che , se non ho capito male, significa che entra nel mezzo anche il giudice tutelare...mi sa che diventa una questione interminabile..o sbaglio?
 
O

Ollj

Ospite
Il Giudice tutelare si attiva solo se qualcuno vi ricorre. La legge poi non obbliga nemmeno il minore ad accettare (ma di farlo, se di suo interesse, con beneficio inventario). Basterà quindi il decorso del tempo e lasciare prescrivere il diritto di accettare.
Viceversa si potrebbe (per non dover attendere il decennio) e dato che tutti abbiano in precedenza rinunziato, rivolgersi al Giudice Tutelare per richiedere l'autorizzazione a rinunciare per conto del minore (non sarà infatti difficile dimostrare che è nell'interesse del minore la rinunzia).
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Scusa se ti chiedo un ulteriore chiarimento:quindi può bastare che siano solo i tre figli a fare la rinuncia e si fanno passare i 10 anni... o contestualmente la dovrebbero fare anche i figli dei figli?
 
O

Ollj

Ospite
Se si punta al decorso del decennio sì da far prescivere il diritto di accettare, nessuno deve far nulla; basta che i tre fratelli non compiano atti da cui derivi una tacita accettazione (veda anche quanto indicato all'art.485 Cc)
 
O

Ollj

Ospite
Però per esser certi di non incorrere nel 485 Cc, i tre fratelli facciano rinuncia espressa e poi gli altri eredi rimangano inerti per la conclusione del decennio.
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
..quindi neppure nessuna denuncia di successione? Certamente nessuno degli eredi farà alcun atto dal quale possa derivare una tacita accettazione...sapevano che la madre aveva ereditato un pezzettino di terra dai suoi genitori... ma sono eredità risalenti ai primi del 900 che non sono mai interessate a nessuno!
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ho dato una occhiata all'art 485 Cc ma loro mi pare che proprio non siano in possesso dei beni..non sanno neppure dove siano ..se non vagamente!
 
O

Ollj

Ospite
Scusi se insisto: sicura che la signora non abbia lasciato altro? Pensione ed arretrati, pochi spiccioli in Posta o Cc bancario... chi opererà di fatto sarà erede a tutti gli effetti ed avrà anche accettato il boschetto (con obbligo poi della denunzia di successione)
 
O

Ollj

Ospite
La denunzia di successione non comporta accettazione. Non vedo però ragione alcuna perché la debbano fare, anzi se rinunciano non la possono presentare
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Credo che non avesse più alcun conto bancario intestato a lei perché da un pò di tempo non stava tanto bene, abitava con un figlio e la famiglia di questi ed era lui che si occupava di tutto comunque mi informerò su questo aspetto, so che aveva una pensione ma non so come veniva riscossa.
 
O

Ollj

Ospite
Scusi, mi son perso... C'è un immobile e la denunzia di successione é obbligatoria.
 
O

Ollj

Ospite
Il problema è proprio la pensione... di certo avranno regolato la posizione con Inps e se lo hanno fatto a titolo di eredi, la frittata è fatta!
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Immobili non ce ne sono..ma la pensione si e il figlio che abitava con lei ( su questo immobile la madre era solo usufruttuaria ) ha comunicato all'Ines il decesso.
 
O

Ollj

Ospite
Riepilogando:
- i chiamati all'eredità devono fare la denunzia di successione essendovi un immobile
- i chiamati poi rinunziano espressamente all'eredità
- si lascia prescrivere il diritto di accettare dei minori o li si fa rinunciare
Tutto però è vanificato se anche uno dei tre fratelli ha svolto atti tali da accettar tacitamente (discorso pensione e contanti).
 
O

Ollj

Ospite
Non è tanto la comunicazione a Inps, quanto se come erede abbia operato disposizioni... ad es. ritirato degli arretrati o versato a Inps degli indebiti
 

giovannaangela

Membro Attivo
Proprietario Casa
Scusa, mi sono confusa anche io! è vero i due pezzetti di terra sono immobili! Mi informerò relativamente agli altri aspetti economici che non conosco con esattezza ma mi sa che la cosa che evita qualsiasi possibile complicazione è fare la denuncia di successione ( con tutti i pagamenti connessi ) la voltura al catasto..e poi se la vedranno i futuri eredi ...tempo fa è morta una zia che ha lasciato una casina in montagna e tanti piccoli pezzetti di terra ( su uno era proprietaria di 1 /novantanovesimo ) fortunatamente sono riusciti a venderla con tutti gli annessi pezzetti ..ma perché c'era anche questa piccola casa ..in questo caso invece questi due pezzetti di terra non sono proprio vendibili..rimarranno a 'futura memoria' ..forse!
 
O

Ollj

Ospite
Già rimarranno a futura memoria se qualcuno avesse accettato tacitamente (ad es. causa gestione denaro della defunta); ok per la denuncia di successione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno a tutti, sono proprietaria di un locale commerciale categoria C1 - 87 mq, mi hanno proposto di venderlo con un contratto Rent to buy oppure con un contratto preliminare di compravendita con consegna anticipata. Non avendo nessuna conoscenza di tali procedure, ringrazio chiunque possa informazione sulla diversità dei due contratti e suggerimenti utili da tener presenti per non incorrere in fregature.
Buongiorno,sono unica proprietaria di un immobile,ho una mamma di ottanta anni e due figlie che vivono con me,sono divorziata. Vorrei sapere, nel caso in cui dovessi mancare prima di mia mamma,la casa a chi andrebbe?
grazie.
Alto