• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

manfrenucci

Nuovo Iscritto
Ho da dodici anni c.a. una personale assicurazione per la casa .Tale assicurazione copre moltissimi rischi e per questo non intenderei sostituirla.Ciò premesso,l'Amministratore mi impone il pagamento della quota Assicurativa della poliza Condominale recentemente approvata dall'Assemblea nella quale ho evidenziato di non aderirvi per le ragione sopra riportate.Come già detto però mi si vorrebbe imporre la quota a me spettante.Come devo comportarmi? Ho questo obbligo? quali sono e cosa prevedono le Norme?Ringraziandovi anticipatamente porgo i più cordilai saluti.
Andrenucci Manfredo
 

GianfrancoElly

Membro Attivo
Proprietario Casa
In genere l'assicurazione condominiale copre i danni provocati dalle parti comuni (per es. quelli dovuti a rotture di tubazioni comuni o a cadute di cornicioni o parti di facciata). Inoltre prevede la ricostruzione paziale o totale dello stabile nel caso di crollo. Pertanto è obbligatorio pagarla se la maggioranza dei condomini ha deciso di farla (personalmente ritengo che sia molto opportuno farla: anch'io ho una assicurazione personale che mi tutela per tante cose ma non per i danni causati dalle parti comuni)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto