1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. amalia andrea

    amalia andrea Nuovo Iscritto

    per cortesia vorrei avere tutte le informazioni possibili su possesso dei beni demaniali

    SIAMO PROPRIETARI DA CIRCA 70 ANNI ( LA NONNA COLTIVAVA TERRENO
    CON VARI ATTI NOTARILI , ESATTAMENTE 3 , SIAMO ADESSO NOI PROPRIETARI )

    Abbiamo ricevuto una lettera del comune che trattasi di un bene demaniale


    Cosa dobbiamo fare ?
     
  2. kirk

    kirk Nuovo Iscritto

    caso analogo, visto a strascia la notizia.
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Poichè la legislazione in materia è complicata dovete andare alla Regione (Assessorato Usi Civici) a recepire notizie certe.
    Potrebbe essere che i terreni interessati siano stati classificati come "gravati da uso civico". In tal caso occorrerà una domanda di sgravio, il pagamento di un contributo non elevato (se non vi sono state eseguite costruzioni sopra..) ed il terreno sarà vostro a tutti gli effetti.
    Se invece si tratta di "demanio civico" la questione è un pò più complicata ma anch'essa sanabile.
    Invece, se si tratta di bene demaniale (quali ad esempio, le spiagge, gli arenili i fiumi, torrenti ecc.) tali beni sono inalienabili e quindi gli atti di proprietà sono nulli in toto.
     
  4. amalia andrea

    amalia andrea Nuovo Iscritto

    sono gravati da uso civico con costruzioni sopra
     
  5. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Interessanti considerazioni :
    6. Legislazione regionale.
    Prima di concludere va dato conto del fatto che numerose regioni, dopo il trasferimento alle regioni delle funzioni statuali per effetto del D.P.R. n. 616 del 1977, hanno legiferato in materia di usi civici. Va peraltro subito anticipato che le leggi regionali si sono concentrate prevalentemente nell'individuazione degli organi competenti a decidere in materia.
    Commerciabilita' dei terreni soggetti ad uso civico
    :daccordo:
     
  6. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ti riporto le mie conoscenze nel Lazio in materia di usi civici.
    Per richiedere lo sgravio si fa una domanda al Comune di pertinenza il quale la "gira" alla Regione. La Regione esegue una perizia sui terreni oggetto della richiesta e verifica quale Uso Civico era apposto sul terreno (legnatico, pascolo, cipollaro ecc.)
    Il legnatico era la facoltà concessa ai residenti della zona di raccogliere la legna caduta -senza abbattimenti di piante- e quindi aveva un certo valore per ettaro;il pascolo era la facoltà concessa di far pascolare le bestie sul terreno, dunque aveva un valore più elevato, trattandosi di foraggio;
    il cipollaro era la facoltà concessa di raccolta delle cipolle spontanee per uso alimentare, quindi aveva un valore diverso dai precedenti.
    Ce ne sono altri di Usi ma non li ricordo.
    Allora, stabilito ad esempio quanti quintali di legnatico il terreno poteva fornire in un anno e dato un valore venale allo stesso, si moltiplicava per 20 (anni di durata prefissata per una sorta di enfiteusi) e si divide per l'estensione del terreno se inferiore all'ettaro o la si moltiplica se superiore all'ettaro.
    Il risultato è l'indennizzo che il possessore del terreno deve versare al Comune interessato per indennizzare -appunto- i residenti del posto per la perdita di una parte dell'Uso Civico dei terreni. Gli indennizzi devono, per legge, essere utilizzati nella realizzazione di opere pubbliche a favore, quindi, di tutta la collettività residente (fogne, strade, illuminazione ecc.ecc.)
    Diverso è il caso in cui si siano realizzate costruzioni sui terreni.
    Alle somme descritte sopra -che sono esigue- occorre aggiungere un ulteriore valore di indennizzo che ogni Regione ha deliberato. In alcune località del Lazio avevano chiesto anche 1/3 del valore catastale dell'immobile. Mancava poco che scoppiasse una rivolta tipo "assalto ai forni" di manzoniana memoria.
    Comunque, il tuo caso è già più facile da risolversi in quanto solo (si fa per dire) Uso Civico. Se avessi costruito su Bene Demaniale, ti avrebbero demolito il tutto ed anche a tue spese. Auguri.
    P.S. Aggiungo che è inutile che pensi ad una sorta di usucapione.
    Tutti i beni gravati da Uso Civico, Demanio Civico e, peggio Bene Demaniale, non sono usucapibili.
     
  7. amalia andrea

    amalia andrea Nuovo Iscritto

    Grazie per le informazioni
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina