• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gizza

Nuovo Iscritto
buongiorno, nell'anno 2004-2005 ero conduttrice assieme ad altre 3 studentesse di un appartamento. Il contratto scadeva il 31 agosto 2005, ma si sarebbe rinnovato tacitamente se avessimo dato il consenso. In 3 di noi coinquiline avevamo dato la disdetta con i tre mesi di anticipo , quindi in maggio 2005, tutto era terminato correttamente. Un mese fa ci è arrivato una comnicazione dall'agenzia delle entrate per il mancato versamento dell'imposta per quell'anno di contratto, e la comunicazione è arrivata a tutti , conduttrici e locatore. il locatore intende pagare la tassa con i relativi interessi e sanzioni, ma aè sufficiente per chiudere la questione? o dal momento che io avevo dato la disdetta devo pagare un'altra tassa ancora?
grazie.
 

cristiana

Nuovo Iscritto
Ciao,
il racconto non è chiarissimo....

Per legge ,in tema tasse di locazione ,Conduttore e locatore sono solidali .
La tassa di registrazione di un contratto di locazione spetta al 50%
La tassa di risoluzione di un contratto spetta di norma al conduttore che ha richiesto la chiusura del contratto.

Se avevate regolarmente registrato il contratto ,e poi pagato alla proprietà la tassa di risoluzione del contratto
di 67,00 euro , e poi non li ha versati ,
dovete rivalervi con lui ,se avete le ricevute del pagamento effettuato .

Diverso è se avete dato solo la disdetta, senza pagare la tassa di risoluzione...il pagamento è comunque dovuto e con tasse e more.

Ancora diverso è se il contratto era in nero , in questo caso , trattandosi comunque di un controllo fiscale pagate solidalmente insieme (comprese le more),in piu' il locatore dovrà pagare anche la parte evesa IRPEF integrando la dichiarazione dei redditi per quell'anno.

Cristiana
 

paolo ferraris

Nuovo Iscritto
...se il contratto era annuale e si è concluso alla sua NAturale scadenza basta far vedere la copia della disdetta al funzionario che dovrebbe rimettere la cartella...non dovrebbe neppure pretendere il pagamento della CHIUSURA di 67 euro perchè il contratto si è risolto naturalmente...se invece la disdetta è avvenuta non alla scadenza ma in mesi "di mezzo"...bisognerà pagare la risoluzione di 67 euro più le more e le sanzioni del caso (circa 26 euro se non faccio male i conti)...cmq non la tassa non pagata per il rinnovo del contratto...se si può provare che l'avevate disdettato...in questo caso le 67 euro avreste dovuto pagarle voi al proprietario...saluti!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

vittorievic ha scritto sul profilo di gabriella2013.
.
Per una rinuncia di diritto di abitazione è obbligatorio un atto notarile o si può ottenere anche con scrittura privata?
Alto