• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Etabeta2016

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buona sera a tutti ,io ho una seconda casa al mare che utilizzo per non più di 1 mese all'anno e volevo fare l'autocertificazione da inviare al comune .
Volevo sapere se esistono dei moduli precompilati o bisogna scriverla di proprio pugno e nel secondo caso cosa scrivere.
Grazie a tutti x le vs risposte.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
In alcune città d'Italia la TA.RI. offre uno sconto del 30% sulle "abitazioni tenute a disposizione" cioè non affittate, né occupate stabilmente da persone. Per ottenere il 100% di sconto è necessario che l'abitazione sia non occupata da persone, completamente VUOTA (cioè senza mobili), e che i contratti di acqua / luce / gas siano TUTTI DISATTIVATI. Il tutto va dichiarato all'Ufficio Tributi, che esaminerà attentamente la pratica prima di concedere lo sconto.
Ma, come è già stato detto, per la TA.RI. (TAriffa RIfiuti), la discrezionalità dei Comuni è totale, quindi bisogna rivolgersi all'UFFICIO TRIBUTI della città dove si trova l'immobile tenuto a disposizione, per avere indicazioni sull'eventuale diritto allo sconto parziale o totale, e su come presentare domanda.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Gianco

Membro Storico
Professionista
Per ottenere lo sconto del 50% sull'IMU di un immobile occorre che lo stesso venga dichiarato inagibile da un tecnico professionista abilitato, con apposita relazione, planimetria e documentazione fotografica. Il fabbricato deve essere realmente inagibile, privo di impianti, elettrico ed idrico, idonei all'uso. Infine, ovviamente non devono esistere gli allacci agli impianti idrico ed elettrico alla rete pubblica.
In definitiva un'unità immobiliare, priva soltanto degli allacci citati, è soggetta al pagamento totale dell'IMU.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Art. 1, comma 747 della legge n. 160/2019:
La base imponibile (dell'IMU) è ridotta del 50 per cento nei seguenti casi:
a) (omissis);
b) per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni. L'inagibilitò o inabitabilità è accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, che attesti la dichiarazione di inagibilità o inabitabilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato, rispetto a quanto previsto dal periodo precedente. Ai fini dell'applicazione della riduzione di cui alla presente lettera, i comuni possono disciplinare le caratteristiche di fatiscenza sopravvenuta del fabbricato, non superabile con interventi di manutenzione.
(omissis).
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Buona sera a tutti ,io ho una seconda casa al mare che utilizzo per non più di 1 mese all'anno e volevo fare l'autocertificazione da inviare al comune .
Volevo sapere se esistono dei moduli precompilati o bisogna scriverla di proprio pugno e nel secondo caso cosa scrivere.
Grazie a tutti x le vs risposte.
Mi sa che sei stato tratto in inganno da un articolo del Corriere della Sera che aveva il medesimo titolo fuorviante.....
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto