1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Dall' aprile 2011 per le controversie relative a diritti disponibili in materia di condominio, diritti reali, DIVISIONE, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari prima di approdare il giudizio dovranno nell’immediato futuro prima di approdare davanti al magistrato obbligatoriamente esperire nelle materie in oggetto un tentativo di conciliazione. A consegnare l'informativa di cui sotto avvocati sono già da obbligati dal 20 marzo 2010 , pena l’applicazione di sanzioni a loro carico.

    L ’allegata lettera predisposta dal CNF che riportiamo qui sotto , interessa molto i lettori di propit visto che potranno visionare preventivamente quanto verrà loro sottoposto dall' avvocato per presa visione , potranno dedurre le fonti normative, i criteri di applicabilità della conciliazione, i vantaggi fiscali che tale procedura riserva agli utenti e altro ancora

    CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE inviata alle sedi periferiche per adeguata diffusione agli iscritti 15 marzo 2010 --N. 11-C-2010 –

    Nella Gazzetta Ufficiale del 5 marzo u.s. è stato pubblicato il decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 di «attuazione dell'articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali». Il decreto entra in vigore il 20 marzo 2010. .Esso prevede l ’obbligo di informativa previsto dall’art. 4, 3° comma del d.lgs. n. 28/2010 a carico del legale

    SOMMARIO:
    1. La previsione di legge
    2. Le modalità di informazione e i contenuti necessari.
    3. Modello di informativa sia per le controversie per le quali la mediazione costituisce condizione di procedibilità, sia per le controversie per le quali la mediazione è facoltativa.

    1.- La previsione di legge.
    L’art. 4, 3° comma del d.lgs. n. 28/2010 dispone che:
    «all’atto del conferimento dell’incarico, l’avvocato è tenuto a informare l’assistito della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione disciplinato dal presente decreto e delle agevolazioni fiscali di cui agli articoli 17 e 20. L’avvocato informa altresì l’assistito dei casi in cui l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. L’informazione deve essere fornita chiaramente e per iscritto. In caso di violazione degli obblighi di informazione, il contratto tra l’avvocato e l’assistito è annullabile. Il documento che contiene l’informazione è sottoscritto dall’assistito e deve essere allegato all’atto introduttivo dell’eventuale giudizio. Il giudice che verifica la mancata allegazione del documento, se non provvede ai sensi dell’articolo 5, comma 1, informa la parte della facoltà di chiedere la mediazione». --La previsione entrerà in vigore il 20 marzo 2010 e a tal fine, per gli incarichi assunti a partire da tale data, sarà necessario predisporre la modulistica necessaria all’adempimento dell’obbligo di legge. --Si precisa che l’informazione dovrà essere fornita tanto alla parte attrice che a quella convenuta.

    2. Le modalità di informazione e i contenuti necessari. --L’informazione deve essere fornita per iscritto contestualmente all’atto di conferimento dell’incarico. In tale momento l’Avvocato dovrà informare l’assistito:
    a) della possibilità di giovarsi del procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010 per tutte le controversie relative a diritti disponibili;
    b) dell’obbligo di utilizzare il procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010, ovvero per le materie ivi contemplate, i procedimenti previsti dal d.lgs n. 179/2007 o dall’art. 128-bis del d.lgs. n. 385/1993 e successive modificazioni, in quanto condizione di procedibilità del giudizio, per le controversie relative a diritti disponibili in materia di condominio, diritti reali, DIVISIONI , SUCCESSIONI EREDITARIE, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.
    (n.d.a. Il pregio della norma stà anche nel fatto che vengono chiaramente delineate già da ora alcune competenze del conciliatore (es. DIVISIONE e SUCCESSIONE) sulle quali non ci sono piu' dubbi di competenza)
    c) delle agevolazioni fiscali previste dagli artt. 17 e 20 del d.lgs. n. 28/2010 a favore di quanti facciano ricorso al procedimento di mediazione. Ed in particolare che:
    - ai sensi dell’art. 17, 2° comma, «tutti gli atti, documenti e i provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura».
    - ai sensi del 3° comma della medesima disposizione, «il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di 50.000 euro, altrimenti l’imposta è dovuta per la parte eccedente»;
    - ai sensi del 5° comma della medesima disposizione «quando la mediazione è condizione di procedibilità della domanda all’organismo non è dovuta alcuna indennità dalla parte che si trova nelle condizioni per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato»;
    - ai sensi dell’art. 20, 1° comma «alle parti che corrispondono l’indennità ai soggetti abilitati a svolgere il procedimento di mediazione presso gli organismi è riconosciuto, in caso di successo della mediazione, un credito d’imposta commisurato all’indennità stessa, fino a concorrenza di euro cinquecento, determinato secondo quanto disposto dai commi 2 e 3. In caso di insuccesso della mediazione, il credito d’imposta e’ ridotto della metà».
    Il documento che contiene l’informazione deve essere sottoscritto dall’assistito e deve essere allegato all’atto introduttivo del giudizio.

    3. Modello di informativa valido sia per le controversie per le quali la mediazione costituisce condizione di procedibilità, sia per le controversie per le quali la mediazione è facoltativa.
    Si propone un modello di informativa relativo sia alle controversie per le quali il ricorso alla mediazione costituisce condizione di procedibilità del giudizio; sia alle controversie in cui l’utilizzo della procedura è, al contrario, meramente facoltativa.
    “Io sottoscritto _____________ dichiaro di essere stato informato dall’Avv.----------------------_______________________________, in ossequio a quanto previsto dall’art. 4, 3° comma del d.lgs, 4 marzo 2010, n. 28,
    1. della facoltà di esperire il procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010 per tentare la risoluzione stragiudiziale della controversia insorta tra me e _____________ (indicazione della controparte) in relazione a ___________________(indicazione della lite); nonché dell’obbligo di utilizzare il procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010 (ovvero per le materie ivi contemplate, i procedimenti previsti dal d.lgs n. 179/2007 o dall’art. 128-bis del d.lgs. n. 385/1993 e successive modificazioni), in quanto condizione di procedibilità del giudizio, nel caso che la controversia sopra descritta sia relativa a diritti disponibili in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.
    2. della possibilità, qualora ne ricorrano le condizioni, di avvalersi del gratuito patrocinio a spese dello Stato per la gestione del procedimento;
    3. dei benefici fiscali connessi all’utilizzo della procedura, ed in particolare:
    a) della possibilità di giovarsi di un credito d’imposta commisurato all’indennità corrisposta all’Organismo di mediazione fino a concorrenza di 500 euro, in caso di successo; credito ridotto della metà in caso di insuccesso; e delle circostanze che:
    b) tutti gli atti, documenti e i provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura;
    c) che il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di 50.000 euro e che in caso di valore superiore l’imposta è dovuta solo per la parte eccedente.

    Nota dell'autore:
    Attualmente l’organismo meglio organizzato sono le Camere di Commercio a cui basta rivolgersi verbalmente per illustrare il problema. Le signorine penseranno a convocare le parti interessate e le aiuteranno nella compilazione di semplice modulistica
     
    A francarparelli, doria, virgilio e ad altre 8 persone piace questo elemento.
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    NOTA AGGIUNTIVA DI RILEVANTE IMPORTANZA

    Secondo informazioni acquisiti in data odiena 26 aprile 2010 PRESSO la Camera di Commercio di Milano che in Italia è considerata la più avanzata a livello di organizzazione e preparazione (tel.02.805588 Dssa Villa) ed essendo essa regolamente iscritta presso il Ministero Industria e Commercio e riconoscita ed autorizzata quale "organismo di conciliazione " GIA' DA ORA sono conciliabili le controversie relative a diritti disponibili in materia di condominio, diritti reali, DIVISIONI , SUCCESSIONI EREDITARIE, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari.

    Pertanto le nuove materie conciliative di carattere VOLONTARIO trovano immediata applicazione, con la differenza che dall' aprile 2011 la conciliazione per le stesse materie non sarà piu' facoltativa ma OBBLIGATORIA
     
    A Guardiano e Marchesa piace questo messaggio.
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
  4. Dea

    Dea Membro Attivo

    Volevo, chiedere se la Conciliazione in ambito condominiale contempla anche il risarcimento danni per infiltrazioni.

    Nel nostro condominio abbiamo una causa già iniziata per infiltrazioni e richiesta risarcimento danni (€ 6.000,00).

    Lo spot pubblicitario sulla Conciliazione che ieri ho visto in TV, parla della possibilità di ricorrere alla Conciliazione anche quando la causa è già cominciata.

    Lunedì abbiamo un'assemblea condominiale per discutere e deliberare su quest'ultima.

    Buon week-end a tutti gli amici di propit! :amore:
     
    A maidealista piace questo elemento.
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    La normativa prevede che, anche in corso di causa, il Giudice possa invitare le parti a procedere ad un tentativo di conciliazione stragiudiziale presso un organismo individuato e scelto dalle parti stesse.
    Nel caso specifico occorre a parere di chi scrive che la parte interessata (senza attendere l'invito del Giudice) si attivi tramite il proprio legale per informare il Giudice e la controparte dell' intenzione di attivare un tentativo di concliazione. Il giudice sicuramente avvalerà tale procedura
     
  6. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Conciliazione prorogata al 20 marzo 2012 per il condominio

    Si del Senato al maxiemendamento "milleproroghe"

    Prorogata al 20 marzo 2012 l'entrata in vigore della mediazione obbligatoria nelle controversie civili e commerciali. Il rinvio è limitato alle cause condominiali e a quelle per incidenti stradali causati dalla circolazione di veicoli e natanti
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina