• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Crisb

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
E' facile comportarsi così quando si ha il coltello dalla parte del manico. Ma che razza di parere è questo ? Non è un parere, è un'apologia della disonestà. Oltre a tutto è anche un'idiozia fare il signore con le tasche degli altri.
[/QUOTE]
Grazie per il sostegno!
 

Crisb

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Grazie per il sostegno!
[/QUOTE]
E' facile comportarsi così quando si ha il coltello dalla parte del manico. Ma che razza di parere è questo ? Non è un parere, è un'apologia della disonestà. Oltre a tutto è anche un'idiozia fare il signore con le tasche degli altri.
[/QUOTE]
Avrei voluto che fasa 78 che ha commentato in questo modo che giuro mi ha lasciato a bocca aperta, avesse commentato la mia risposta successiva! È facile emettere sentenze, io nel mio piccolo non l' ho mai fatto e mai mi permetterei! Almeno le scuse però sarebbero state d' obbligo
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

gattaccia

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Fino dai tempi della Legge 392/78, ideologicamente i proprietari immobiliari sono sempre stati considerati:
1) ricchi
2) poco degni di ogni forma di tutela in quanto - appunto - ricchi
3) evasori fiscali fino a prova contraria
4) parte forte nei rapporti di locazione in contrapposizione agli inquilini, parte debole
E' difficile far sparire un'ideologia che originariamente considerava la proprietà privata come un "furto" e che ha avuto ripercussioni in tutte attuali norme di legge.
Finché qualche illuminato parlamentare non presenterà delle proposte di legge per rivedere sia dal punto di vista contrattuale che fiscale la materia delle locazioni immobiliari, dovremo rassegnarci a convivere con l'attuale normativa.
Naturalmente se tra i parlamentari c'è il timore di bruciarsi perdendo i voti di alcune fasce di elettorato, possiamo aggiungere che anche le organizzazioni dei proprietari immobiliari, almeno nel nostro Paese, sono abbastanza immobili e scarne di iniziative sull'argomento.
da incorniciare
grazie :)
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Convengo sul peccato d’origine di considerare la proprietà privata come un furto.
Ma oggi forse vale una valutazione diversa.
oggi lo stato ha ancor meno risorse per garantire ed offrire una edilizia pubblica economica.
Per cui risulta per qualunque governo che si è succeduto molto più facile riversare sulle spalle del privato la crisi economica ed abitativa.
per cui sono pessimista sul ritenere futuribile e prevedibile un prossimo cambio di rotta
 

moralista

Membro Senior
Professionista
@Crisb : capisco lo sfogo di tutti, cui mi associo, ma ci sono alcune esagerazioni ed imprecisioni.
In questi giorni se ne è anche discusso in altre discussioni.
Per non pagare tasse su introiti non recepiti esiste una strada lecita e senza costi.
Basta registrare un accordo tra le parti dove si conviene, per i mesi xyz, il canone ridotto. Stop. Senza bolli e imposte.
Che poi sia piacevole rinunciare agli introiti Non è in discussione.
Ma pensare di rimanere indenni da perdite economiche è ancor più illusorio che rimanere indenni dal virus.
Anche se ci sarà qualcuno che al contrario riuscirà a speculare sulla situazione
Il problema non lo risolvi con la riduzione del canone, se a perso il lavoro, come lo risolvi se non intervengono le istituzioni in aiuto, ci sono casa IACP - ALER - Case comunali, e tante altre associazioni non tassate, che non riducono il canone x i motivi che stiamo parlando come si può pretendere da un privato che anche è super tassato
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il problema non lo risolvi con la riduzione del canone,
Io mi sono solo riferito alla domanda: come non pagare le tasse su affitto ridotto.
So che non risolve tutti i problemi dell'inquilino, tanto meno quelli del proprietario.

Ma non penso che ci sia la soluzione magica per tutto: purtroppo a qualcosa rinunceremo tutti.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Visto che dobbiamo rimanere in ufficio vediamo di poter essere collaborativi.
Basty: ma dove sono le istituzioni, tutte anche quelle del clero, se aprissero le porte x chi necessita delle case sarebbe la fine della crisi delle case, e si risolverebbe tutti questi problemi
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
dove sono le istituzioni,
Qualche istituzione inizia a muoversi per sostenere gli inquilini con reddito basso, ad esempio la Regione Piemonte:

E' opportuno che ogni locatore e conduttore si informi anche presso il proprio Comune e Regione, oltre a seguire le iniziative del Governo centrale.

Pare che anche le Fondazioni bancarie (qui in Piemonte in particolare la Compagnia di San Paolo e la Fondazione CRT) siano pronte ad intervenire.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Visto che molti si pongono anche la domanda riguardo alla chiesa, questo è ciò che ad oggi sta facendo la Chiesa Cattolica. Non dubito che anche altre confessioni facciano altrettanto, compatibilmente con le rispettive possibilità.

Tratto da:

Cosa fa la Chiesa nel tempo del coronavirus
Di fronte all’emergenza sanitaria scatenata dalla pandemia di Covid-19, la Chiesa ha attivato tutte le sue dimensioni, materiali e spirituali, senza dimenticare i più poveri e vulnerabili, in una grande gara di solidarietà e cura

Cecilia Seppia – Città del Vaticano
Quando si parla di carità il pensiero corre spontaneamente al portafoglio e al gesto di due mani diverse, l’una tesa a fare elemosina, l’altra a riceverla. Però, nel dizionario cristiano, la carità non è solo questo. Essa anzi ha mille aspetti, mille volti, fino ad arrivare al sacrificio estremo della propria vita, come tanti medici, suore e preti stroncati dal Covid-19, ai quali il Papa in più di una Messa a Santa Marta ha rivolto il suo pensiero. Tra i destinatari delle opere di carità messe in campo dalla Chiesa ci sono i malati, ma anche i lavoratori precari, le famiglie disagiate, gli anziani soli che non possono nemmeno uscire a fare la spesa e i “preferiti di Dio” che la crisi in atto rischia di far cadere nel dimenticatoio.
L’impegno di Diocesi e Congregazioni religiose
Tutta la Chiesa, non solo in Italia, è impegnata a dare il suo contributo materiale in questo momento di grave emergenza, al di là dell’accompagnamento spirituale che sta offrendo in una miriade di iniziative creative dopo la sospensione delle Messe con la partecipazione di fedeli. Da Nord a Sud le Diocesi si sono attivate per rispondere in modo concreto alla pandemia: hanno aperto le proprie strutture per ospitare persone o gruppi familiari che sono impossibilitati a vivere la quarantena nella propria casa, accollandosi anche il pagamento alberghiero di pazienti dimessi perché meno gravi, così da liberare posti. La Diocesi di Bergamo ha messo a disposizione di medici e infermieri 50 camere singole del Seminario, altre 10 le offre Lodi e così Roma, Cremona, Crema, Brescia, Taranto e tante altre fino a Siracusa. Gaeta ha persino aperto le porte del monastero di San Magno, a Fondi per ospitare 30 volontari della Croce Rossa.
Le Congregazioni religiose maschili e femminili che gestiscono ospedali e case di cura hanno risposto con altrettanta generosità di fronte alla crisi sanitaria, aumentando l’impegno in favore dei malati di Covid-19. Ci sono anche suore che, dopo lo scoppio dell’emergenza, hanno trasformato i loro conventi in sartorie per la produzione di mascherine, bene raro e prezioso, come le Oblate di Avellino e le Benedettine di Mercogliano che ne hanno già confezionate oltre centomila donandole alla cittadinanza.
Aiuti Cei per la sanità
In risposta ad alcune delle tante situazioni di necessità, la Conferenza episcopale italiana (Cei) ha deciso di stanziare 3 milioni di euro, provenienti dall’otto per mille, in favore delle strutture sanitarie. Il contributo raggiungerà la Piccola Casa della Divina Provvidenza - Cottolengo di Torino, l’Azienda ospedaliera Cardinale Giovanni Panico di Tricase, l’Associazione Oasi Maria Santissima di Troina e, soprattutto, l’Istituto Ospedaliero Poliambulanza di Brescia, che in meno di un mese ha mutato radicalmente la sua organizzazione raddoppiando la disponibilità di posti letto e sospendendo tutti gli interventi chirurgici, i ricoveri e le attività ambulatoriali procrastinabili, per liberare risorse umane e attrezzature destinate ora completamente all’emergenza: si tratta di 435 posti letto, di cui 68 di terapia intensiva e 70 di Osservazione Breve Intensiva in Pronto Soccorso.
Gli aiuti ai più poveri non si fermano
La crisi colpisce tutti, ma a pagarne di più le conseguenze, come sempre, sono le fasce sociali più deboli. Per questo la Cei ha destinato 10 milioni di euro alle 220 Caritas diocesane, soldi finalizzati ad aiutare sui singoli territori famiglie già in situazioni di disagio che l’emergenza sanitaria ha messo letteralmente in ginocchio: dall’acquisto di generi di prima necessità al pagamento delle bollette fino alla realizzazione di attività di ascolto per anziani soli e persone fragili, come il “Pronto noi ci siamo” di Gaeta, e il mantenimento dei servizi minimi per chi si trova in condizione di povertà estrema (il servizio da asporto dalle mense e dormitori protetti).
La Cei ha inoltre dato un contributo di 500 mila euro alla Fondazione Banco Alimentare a sostegno della 7.500 strutture accreditate che aiutano ogni giorno circa un milione e mezzo di persone che non hanno cibo a sufficienza.
Raccolta fondi di Cei e Caritas
Cei e Caritas hanno lanciato insieme una grande campagna di raccolta fondi della durata di un mese. “È il tempo della responsabilità e insieme possiamo dare un segno concreto di speranza e conforto; le Chiese locali, in questo modo, potranno continuare a non far mancare il dinamismo forte della carità”, ha spiegato don Francesco Soddu, direttore della Caritas Italiana. Per contribuire alla raccolta fondi si può utilizzare il conto corrente postale n. 347013 o un bonifico bancario con la causale “Emergenza Coronavirus”, oppure donare on-line tramite il sito www.caritas.it .
Sostegno ai lavoratori in difficoltà
Per il blocco delle attività, oggi sono tantissimi i lavoratori in crisi. La Diocesi di Milano ha istituito il “Fondo San Giuseppe” mettendo a disposizione 2 milioni di euro, che con gli altri 2 offerti dal Comune, servono ad aiutare quanti stanno perdendo il lavoro a causa del Coronavirus: “Abbiamo deciso di creare un fondo speciale per esprimere la nostra prossimità ai più deboli e offrire un pronto soccorso a coloro che a causa dell’epidemia in atto non hanno alcuna forma di sostentamento”, spiega l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini. Un esempio della collaborazione tra Chiesa e istituzioni volta ad evitare che l’emergenza sanitaria si trasformi in una crisi sociale senza precedenti nel secondo dopoguerra.
Attenzione ai detenuti, bambini e anziani
Un’attenzione particolare le Diocesi la stanno rivolgendo anche al mondo del carcere, dove le restrizioni hanno acuito le difficoltà, e alle condizioni di quanti escono a fine pena e si trovano senza alternative. Straordinario è l’impegno dei cappellani delle carceri, come don Fausto Resmini del carcere di Bergamo, morto il 23 marzo dopo essersi speso fino all’ultimo.
La crisi ha mobilitato anche il mondo dell’associazionismo cattolico. In alcune diocesi i gruppi di Acr hanno pensato a come intrattenere i bambini, che moltissimo soffrono la quarantena, con catechesi, giochi e attività on line. Sant’Egidio è scesa in campo, lanciando una raccolta fondi, e organizzando la distribuzione non solo di cibo ma anche di prodotti utili a proteggersi dal contagio come guanti e gel disinfettante. Non mancano le telefonate solidali agli anziani.
La Diocesi del Papa e la Santa Sede
L'ultimo gesto di carità in ordine di tempo riguarda il dono del Papa di 30 respiratori polmonari per l'Italia e la Spagna da destinare, attraverso i vescovi alle terapie intensive degli ospedali più in sofferenza. Francesco nei primi giorni di marzo aveva già offerto un contributo di 100mila euro alla Caritas italiana. La Caritas della Diocesi del Pontefice, lo ricordiamo, tiene aperte le mense a pieno regime, sia pranzo che cena, nel rispetto delle norme di sicurezza e accanto ai quattro centri di accoglienza diocesani (Ostello “Don Luigi Di Liegro”, Casa di accoglienza “Santa Giacinta”, Centro “Gabriele Castiglion”, Centro per il Piano freddo a Ponte Casilino) ha aggiunto dal 20 marzo il Centro di accoglienza straordinario “Fraterna Domus” a Sacrofano. Si tratta di una struttura temporanea per ospitare novanta persone. Una misura presa per arginare il rischio di contagio e per garantire la permanenza degli ospiti per tutte le 24 ore. Il Centro di Sacrofano è finanziato dalla Diocesi di Roma e dalla Cei, e si avvale delle mani operose dei Frati minori che gestiscono la struttura, alle porte della capitale.
Da parte sua, l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, di proprietà della Santa Sede, ha dedicato la struttura di Palidoro ai bambini Covid-19 positivi. In questo momento di isolamento forzato si intensifica anche l’impegno dell’Elemosineria apostolica verso i poveri con il cardinale Konrad Krajewski che mette a disposizione persino il suo numero di cellulare per le emergenze 3481300123. Docce, dormitori, assistenza ai senza tetto e anche “il sacchetto del cuore”, preparato dai volontari, con dentro un pasto sostanzioso oltre a centinaia di confezioni di latte fresco, prodotto nelle Ville Pontificie di Castel Gandolfo, e destinato ai più bisognosi: tutti i servizi e le distribuzioni vengono effettuate nel pieno rispetto delle norme stabilite in seguito alla diffusione del Coronavirus. “L’impegno primario - dice il porporato - è di non abbandonare proprio ora coloro che non hanno neppure un tetto e che fino a un mese fa vivevano anche grazie a piccoli gesti di solidarietà, come un caffè pagato al bar”.
Un impegno silenzioso
Il Papa e tutta la Chiesa - afferma a Vatican News monsignor Angelo Raffaele Panzetta, vescovo di Crotone-Santa Severina, che ha appena donato alla Asp cittadina 5 ventilatori polmonari - operano silenziosamente: “È un’azione, secondo lo spirito evangelico, spesso nascosta. Il Papa e la Chiesa non hanno bisogno di campagne pubblicitarie per finire sui giornali in ogni momento”, ma quanto “stanno facendo in questo momento a livello economico, culturale e spirituale è davvero importante e prezioso e non può essere sottovalutato. Vorrei ricordare - afferma il presule - che il Papa agisce anche attraverso le Chiese locali che servono il territorio nelle quali in questo tempo si sta operando uno sforzo economico importante perché non manchi niente. Non è questo il tempo di battaglie pretestuose, non è il tempo in cui lamentarsi o ingenerare una cultura del sospetto. Questo è il tempo di una solidarietà autentica, di darsi una mano, di amare davvero il prossimo e di moltiplicare il bene anziché la critica”.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Chiesa Valdese

Comunità Ebraica
 
Ultima modifica:

moralista

Membro Senior
Professionista
ben vengano queste iniziative, però mi faccio una domanda, qualsiasi credo sempre sono state attivate a chiedere sostegno x le loro congregazioni dimostrando una necessità famelica, ora dimostrano che sono piene gonfie di capitali e pronte ad intervenire in aiuto, ma quei fondi non dovevano essere distribuiti x i più poveri e bisognosi, e invece dove sono rimasti ;) :triste:
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Domanda intrigante: ... adesso capisco perché si diceva: non scopriamo gli altarini..
Detto ciò risponderei che, se ricordo bene, tutte hanno stanziato soldi ricavati dall’otto x mille. Che viene assegnato per il sostentamento delle opere delle “chiese” riconosciute dallo stato. Non provengono quindi da collette varie
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
Grazie per il sostegno!
[/QUOTE]
Avrei voluto che fasa 78 che ha commentato in questo modo che giuro mi ha lasciato a bocca aperta, avesse commentato la mia risposta successiva! È facile emettere sentenze, io nel mio piccolo non l' ho mai fatto e mai mi permetterei! Almeno le scuse però sarebbero state d' obbligo
[/QUOTE]



Ho letto solo ora.

ehmmmm...guarda, forse è difficile scrivere per "testi", capisco il tuo punto di vista, ma alla fine della fiera la regola che ti ho indicato non ha alternative , ripeto : Se uno non lavora = non ha soldi = non ti paga il che non mi pare che ci siano altre alternative.

Alt, non ho detto che il conduttore deve truffarti o prenderti in giro !!!.... Ho solo detto in questo contesto, ovvero nei 2 mesi dei corona virus, occhio!!
E' giusto che il contratto venga rispettato ci mancherebbe.

AH dimenticavo anche io affitto un'appartamento, ma alla fine se per 500 ... 1000 euro vuoi farti il fegato amaro , prego accomodati pure prima di me!!.

Non sono per la "pace", io pretenderei come te, non regalo quasi nulla, ma pensati come è l'umanità.... senza andare fuori tema, un giorno per prendere un' oggetto relativamente "costoso" ho dovuto fare un viaggio di 30 km (non poteva essere spedito per la fragilità) , arrivo nel negozio tutto contento e sto per pagare alla cassa (dietro di me avevo altri 2). Ho scoperto che il prodotto che cercavo per una mia svista non costava 90 euro ma bensì 92 Euro, in pratica mancavano 2 euro! Ho cercato a tutti i costi di guardarmi nelle tasche, ma il venditore dal sorriso smagliante iniziale, si incupì per poi dirmi .... beh? " torni un'altra volta" senza diritto di replica e senza alcun rispetto nei modi di fare.
In sostanza questo si era attaccato a 2,00 euro percarità lecitissime, ma poteva benissimo fare uno sconto e chiudere un'occhio visto che dietro non avevo la carta di credito e sapeva che venivo da lontano. .... nulla da fare.

Morale della favola.... dopo 1 anno chiuse per fallimento.... probabilmente se era così che gestiva le cose posso anche capire.

Con questo non voglio dire che le cose devono essere date gratuitamente o scontate, ma in una parola solo basta un MINIMO DI ELASTATICITA' sulle cose.
 

fasa78

Membro Attivo
Impresa
UVA, si in merito al discorso sopra, a me hanno mancato l'affitto per un controvalore di 1300 euro , questi se ne sono andati, e io ho pagato le tasse per intero. (bravo scemo?) Se dovevo prendere un'avvocato e altro.... forse quei 1300 erano moltiplicati per 3..... con il risultato al'80% che non sarei giunto a nulla...
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se dovevo prendere un'avvocato e altro....
Ti capisco.
Infatti nei post n. #10 e n. #13, come in altre discussioni simili del Forum, ho scritto che prima di intraprendere un'azione legale (sfratto per morosità, decreto ingiuntivo, ecc) occorre valutarne i tempi, gli esiti, e i costi.

mancato l'affitto per un controvalore di 1300 euro , questi se ne sono andati,
Anch'io ho avuto inquilini morosi che hanno lasciato l'immobile spontaneamente.
In questi casi per cercare di recuperare i canoni insoluti propongo loro una rateizzazione senza interessi di mora, a volte con una parziale remissione del debito.
Se sono persone oneste con un reddito sufficiente accettano un accordo stragiudiziale e riescono a pagare delle piccole rate mensili.
 

Crisb

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ti capisco.
Infatti nei post n. #10 e n. #13, come in altre discussioni simili del Forum, ho scritto che prima di intraprendere un'azione legale (sfratto per morosità, decreto ingiuntivo, ecc) occorre valutarne i tempi, gli esiti, e i costi.


Anch'io ho avuto inquilini morosi che hanno lasciato l'immobile spontaneamente.
In questi casi per cercare di recuperare i canoni insoluti propongo loro una rateizzazione senza interessi di mora, a volte con una parziale remissione del debito.
Se sono persone oneste con un reddito sufficiente accettano un accordo stragiudiziale e riescono a pagare delle piccole rate mensili.
Forse non mi sono spiegata bene, gli inquilini mi hanno detto di non lavorare quindi no soldi, ok, verifico la cosa e appuro che su tre componenti familiari in due lavorano e percepiscono regolare stipendio. Mi sento presa in giro tutto qui e prendono anche in giro chi veramente non ha di che vivere
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Forse non mi sono spiegata bene, gli inquilini mi hanno detto di non lavorare quindi no soldi
Ciao @Crisb
Io ho risposto al post n. #57 di @fasa78 esponendo un parere che deriva dalla mia esperienza passata.

Non mi riferivo al tuo caso, che avevi spiegato bene nei tuoi interventi precedenti.

Purtroppo ogni caso è diverso dall'altro: ci sono inquilini onesti in reali difficoltà economica che col tempo riescono a superare. E, proprio per onestà personale, pagano almeno in parte il loro debito con piccole rate mensili.

Ci sono anche quelli che ne approfittano, e non meritano alcun aiuto né comprensione!
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

oggi mi stò dando del pirla:rabbia:
Danhgianhacai.com là trang web tổng hợp toàn bộ thông tin các nhà cái uy tín hàng đầu hiện nay. Những chương trình khuyến mãi, thứ hạng nhà cái thay đổi được cập nhật liên tục.
Xem từ thông tin:
Profil: Danhgianhacai - U-Labs Community
danhgianhacai
Alto