• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Quel codice lo potresti trovare solamente in quelli relativi alle spese per l’acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura CE.
Non so cosa fare perché io ho solo lo scontrino, le mascherine le ho usate e risalire al produttore mi è impossibile. Sentirò l'operatore del CAF cosa dice.
Il totale delle spese sanitarie è un unico valore numerico, ma dà tanti problemi per la sua determinazione.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Ancora grazie per questa precisazione, mi hai semplificato la vita.

Per gli scontrini vedrò il CAF cosa dice, perché io ormai ho solo gli scontrini e non so il nome del fornitore delle mascherine, avendole usate ho buttato la confezione.
Di sicuro gli scontrini che risultano all'Agenzia delle Entrate ma io fisicamente non ho perché li ho persi (sono due, ho appena riscontrato), li faccio defalcare dal totale che risulta all'Agenzia delle Entrate, non essendo in grado di dimostrarne la consistenza.
Non riesco a capire come posso essermeli giocati a tresette, ma amen.
Ci sono cose peggiori.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Puoi detrarli, perché risultano nel sistema TS.
A logica senz'altro.
Ma tutti gli anni, dal 1999, l'operatore o l'operatrice del solito CAF in cui vado vuole vedere le fotocopie degli scontrini, prende la calcolatrice da tavolo e fa il totale dopo aver fatto i mucchietti visite specialistiche, farmaci, dispositivi medici.
Ciò che non vede, non considera.
Mi adeguo e non ne faccio una tragedia.
Per quanto riguarda le mascherine mappate come dispositivo medico sullo scontrino parte descrittiva, ma poi che risultano come AA - ALTRE SPESE e non si capisce perché, sentirò l'operatore. Forse cautelativamente conviene non inserirle ma un po' mi scoccia perché sono quasi 130 Euro di spesa, per un recupero di 26 euro scarsi.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Smetti di andarci e "fai da te". ;)
No, non avrei mai il coraggio. Preferisco pagare 15 Euro nel caso non faccio errori, o 35 Euro se mi correggono qualcosa. La validazione del CAF mi aiuta e mi dà sicurezza, si impara sempre qualcosa.

Oggi comunque un grosso insegnamento me l'hai dato tu, e ti ringrazio ancora: ti giuro, mi stavo impiccando riportando i dettagli (hai capito di cosa parlo, sezione 3B se non erro) delle ristrutturazioni dal 2011 al 2019, ecco perché mi servivano 4561 moduli del 730.

Ho persino pagato 10 euro per prendermi un 730 editabile decente, dove il numero dei moduli va oltre 05. Mi servirà comunque.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Smetti di andarci e "fai da te". ;)
👍🤗
A proposito di Caf, un conoscente non vedente si è visto richiedere dal solito addetto Caf la ricevuta condominiale delle spese detratte negli anni passati, presenti pro rata nel 730 precompilato.
Da quando sono responsabili e tenuti ai controlli sulle annate passate?
Ps: poiché dovrò aiutare questo amico, potrò mandare a quel paese quel rompiscatole?
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
👍🤗
A proposito di Caf, un conoscente non vedente si è visto richiedere dal solito addetto Caf la ricevuta condominiale delle spese detratte negli anni passati, presenti pro rata nel 730 precompilato.
Da quando sono responsabili e tenuti ai controlli sulle annate passate?
Ps: poiché dovrò aiutare questo amico, potrò mandare a quel paese quel rompiscatole?
Io, dal 1999, vado sempre allo stesso Centro Assistenza Fiscale.
Quindi non mi chiedono mai le ricevute degli anni pregressi.
Per caso questo tuo conoscente ha cambiato C.A.F. proprio quest'anno? Se sì, è normale che chiedano le ricevute degli anni passati, e ti spiego perché: se vai sempre allo stesso C.A.F., il pregresso risulta GIA' PRECARICATO A SISTEMA (recuperi IRPEF per ristrutturazione edilizia, per risparmio energetico, e così via), se invece cambi C.A.F., loro hanno una TABULA RASA, cioè situazione a zero perché si tratta di un NUOVO ASSISTITO, ecco perché prima di inserire qualcosa, chiedono le ricevute, anche pregresse.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Si ha cambiato Caf: ma non trovo comunque logica la richiesta. Non mi risulta che Agenzia delle Entrate abbia anche delegato a loro il controllo delle annualità pregresse. Comunque non dovrebbero sorgere problemi: ma mi pare eccesso di zelo e anche un .... po’ di mancanza di cortesia verso una persona con difficoltà evidenti
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Si ha cambiato Caf: ma non trovo comunque logica la richiesta. Non mi risulta che Agenzia delle Entrate abbia anche delegato a loro il controllo delle annualità pregresse. Comunque non dovrebbero sorgere problemi: ma mi pare eccesso di zelo e anche un .... po’ di mancanza di cortesia verso una persona con difficoltà evidenti
Capisco il disappunto e la situazione particolare, ma per un C.A.F. nuovo, che non ti conosce, è importante avere dei riscontri cartacei prima di inserire a sistema, per prevenire frodi. Non è certo il caso del tuo conoscente, questo è ovvio, ma è un comportamento che adottano in generale, dovendo validare il tutto.

In generale, per quanto possibile, è buona norma scegliere un C.A.F. e andare sempre lì, anche se cambiano sede: basta stargli un po' dietro. In 22 anni il mio C.A.F. ha cambiato sede solo, mi pare, tre volte.

C'è stato un anno che un certo rimborso di non so cosa era facilitato se si era andati sempre nello stesso C.A.F., non ricordo la tematica ma so per certo che era così, quindi la convenienza a non cambiare CAF c'è: a) Il pregresso è già precaricato a sistema, così come l'anagrafica, il datore di lavoro o di pensione, i recuperi IRPEF decennali, e così via; b) In certi caso di rimborsi statali (non ricordo il tema), la cosa è molto agevolata e soprattutto automatica se si è andati sempre allo stesso C.A.F.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
non trovo comunque logica la richiesta
In relazione alle spese ripartite su più annualità, il controllo documentale del professionista o del CAF deve essere effettuato a ogni utilizzo dell’onere ai fini del riconoscimento della
detrazione d’imposta.
Il rilascio del visto di conformità, effettuato in mancanza della verifica dei dati dichiarati, espone il professionista alle sanzioni previste dall’art. 39, comma 1, lettera a), del Decreto Legislativo 241 del 1997.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
In relazione alle spese ripartite su più annualità, il controllo documentale del professionista o del CAF deve essere effettuato a ogni utilizzo dell’onere ai fini del riconoscimento della
detrazione d’imposta.
Il rilascio del visto di conformità, effettuato in mancanza della verifica dei dati dichiarati, espone il professionista alle sanzioni previste dall’art. 39, comma 1, lettera a), del Decreto Legislativo 241 del 1997.
Alla luce di tutto questo, risulta anche TOTALMENTE LEGALE che un CAF che si vede arrivare un NUOVO ASSISTITO, chieda tutta la documentazione pregressa.
In questi casi purtroppo è pericoloso lasciare spazio alle eccezioni, seppure con tutta la buona volontà e la delicatezza del caso.
Il professionista non può esporsi a sanzioni per una leggerezza commessa inserendo dati di un NUOVO ASSISTITO senza validarli.
Ora c'è anche il riferimento legale che giustifica ciò.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Non mi risulta che Agenzia delle Entrate abbia anche delegato a loro il controllo delle annualità pregresse.
Ha fatto ben di peggio: ha detto ai professionisti che se non fanno i dovuti controlli, pagano sanzioni.
Ben oltre il semplice "delegare il controllo".

Se il nuovo assistito non trova ricevute CONSISTENTI (traduzione: non riesce a dimostrare un diritto al recupero IRPEF per cifre disinvolte, cioè alte), non resta che tornare al CAF dell'anno precedente, che - avendo i dati già precaricati - non chiederà di nuovo le ricevute. Esempio: recupero IRPEF decennale di 10.000 Euro, siamo alla seconda annualità, si cambia CAF, si sono perse tutte le ricevute...... conviene tornare al vecchio CAF che non chiederà nulla (avendo i dati precaricati a sistema, perché li ha validati negli anni precedenti) e continuerà il recupero fino alla decima annualità!

Questo meccanismo tra l'altro garantisce una sorta di "vitalizio" annuale ai CAF in quanto è una vera e propria fidelizzazione: una volta che ti sei fatto un certo parco clienti, campi di rendita perché essi si ripresenteranno ogni anno, a meno che non decidono di cambiare città per ragioni loro o cause di forza maggiore.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
@Nemesis perdonami ma ho un dubbio.

Nella Certificazione Unica, alla voce RIMBORSI DI BENI E SERVIZI NON SOGGETTI A TASSAZIONE - ART. 51 TUIR, ho:

Anno: 2020 (rigo 701 della C.U.)
Codice onere detraibile: 40 (rigo 702 della C.U.)
Importo rimborsato: 205 (rigo 704 della C.U.)
Casella barrata: SPESA RIMBORSATA RIFERITA AL DIPENDENTE.

Questi 205 Euro sono i soldi per l'abbonamento annuale METREBUS che mi sono stati rimborsati dall'azienda come bonus welfare. In realtà l'abbonamento annuale costa 250 Euro (Metrebus Roma), i 5 Euro sono dello scorso anno dati molto in ritardo, e i 200 sono di quest'anno, sia i 5 che i 200 sono finiti in due buste paga del 2020, ecco perché confluiscono nella C.U. come somma 5+200=205.

Vanno indicati da qualche parte nel 730?

Grazie per aver preso in considerazione il mio quesito.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
In relazione alle spese ripartite su più annualità, il controllo documentale del professionista o del CAF deve essere effettuato a ogni utilizzo dell’onere ai fini del riconoscimento della
detrazione d’imposta.
Il rilascio del visto di conformità, effettuato in mancanza della verifica dei dati dichiarati, espone il professionista alle sanzioni previste dall’art. 39, comma 1, lettera a), del Decreto Legislativo 241 del 1997.
Grazie. Non ne comprendo la logica se non di eccesso burocratico vessatorio verso il contribuente.
Un’altra buona ragione per ..
Smetti di andarci e "fai da te". ;)
... se puoi.
 

Gagarin

Membro Assiduo
Professionista
Lo scorso anno, per motivi diversi, a differenza degli anni precedenti, nei quali ho sempre fatto il 730, ho dovuto fare la dichiarazione sul mod. Redditi PF. Qualcuno sa dirmi se quest'anno potrò riutilizzare il 730 precompilato (che consiglio di fare da sè, senza ricorso al CAF...) direttamente o devo fare qualche "passaggio intermedio" (comunicazioni o altro)?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve, ho un problema per la seconda casa
Nel 1980 ho costriuito nel yerteno di mia proprieta' un annesso agricolo e nel 1985, con il condono ho chiesto la trasformazione come abitazione, ho pagato tutte le oblazioni al comune ora a distanza di anni volendo vendere la proprieta' non possi perche' la cucina nonostante la luminosita' 2 finestre, e' alta 225 ,ma nel condono era cosi'
dolcenera52 ha scritto sul profilo di mapeit.
BASTA!
Alto