• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

mariofrancis

Membro Attivo
Conduttore
salve,
qualcuno mi sa indicare un programma(magari gratis) per il calcolo e suddivisione riscaldamento e acqua calda in base alla 10200/2013.
oppure spiegarmi come bisogna fare?
da quello che ho capito i calcoli sono complessi e spesso con risultati incerti.
grazie
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Letto! La slide più interessante per me è l'ultima la 33-esima.
Dove sono gli esperti ? Che responsabilità viene loro attribuita?
Quanti di coloro che hanno già installato i contabilizzatori hanno anche installato un conta calorie sul generatore? Quanti hanno utilizzato un progettista e per la contabilizzazione usano un valore effettivo per la quantità di calore dispersa piuttosto che una contestabilissima percentuale fissa concordata in assemblea?
Chi riscontra effettivamente l'operato del manutentore relativamente alla regolazione e manutenzione preventiva della caldaia ai fini del minore consumo?
Facile scrivere le regole ed i calcoli teorici, ancor più facile addebitare multe per mancati adempimenti legislativi .... ma agli utenti che pagano anche per servizi non ricevuti e professionalità non contestabili chi ci pensa? Sarebbe meglio acquistare i termoregolatori, farli installare da un idraulico ( l'unico professionista realmente necessario per non far allagare gli appartamenti) , accenderli senza nessun controllo .... e continuare a pagare il riscaldamento a millesimi. La legge parla di installazione dei termoregolatori e contabilizzatori nessuna multa è prevista se non vengono attivati ... o mi sbaglio?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
intanto sta prendo sempre più piede l'uso di ripartire il riscaldamento tra consumi e costi fissi, per cui chi, chiudendo il riscaldamento, pensa di pagare zero viene ridimensionato.
 

Un giocatore

Membro Assiduo
Proprietario Casa
intanto sta prendo sempre più piede l'uso di ripartire il riscaldamento tra consumi e costi fissi, per cui chi, chiudendo il riscaldamento, pensa di pagare zero viene ridimensionato.
Nessuno si illude di pagare zero, però si aspetta di pagare una somma congrua, proporzionata ai propri consumi. Ben vengano le quote fisse, sia quelle sul consumo di gas che quelle relative alle manutenzioni straordinarie.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
intanto sta prendo sempre più piede l'uso di ripartire il riscaldamento tra consumi e costi fissi, per cui chi, chiudendo il riscaldamento, pensa di pagare zero viene ridimensionato.

Per tale tipo di ripartizione non bisogna scomodare la UNI 10200/2013 anzi non valeva la pena neppure di scriverla!
A mio avviso una norma per essere utile deve essere anche applicabile in modo non soggettivo ma INEQUIVOCABILE.
Altrimenti non deve avere il titolo di NORMA ma di SUGGERIMENTO!
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
A mio avviso una norma per essere utile deve essere anche applicabile in modo non soggettivo ma INEQUIVOCABILE.
parole sante alle quali non tolgo neppure una virgola....ma cosa c'entra con la frase alla quale vuoi replicare?
Tuttora, a Roma, c'è il marasma più completo:
- sul termine ultimo entro il quale installare i contabilizzatori: basta sentire 3/4 amministratori e vedi che ognuno dice la sua.
- sull' orario di funzionamento del riscaldamento idem con patate
- sulla ripartizione della gestione idem con piselli stufati
il problema è l'aggiornamento professionale dell' amministratore che in questo caso deve essere come un direttore d'orchestra sinfonica e non un esecutore di volontà di parti.
Un altro problema è il cronico pensiero che regola le decisione condominiali: fare lo stretto necessario al minor prezzo possibile.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Il post è partito con la richiesta di un amico che chiedeva la disponibilità di un algoritmico o programma di calcolo per applicare la UNI.
La tua risposta portava a ritenere per me che tale programma non esiste e che ci si accordava per una ripartizione tra consumi e costi fissi cosa che in realtà avviene, da qui le mie considerazioni.
Sempre secondo me il problema non è l'aggiornamento professionale dell'amministratore al quale non possono essere richiesti requisiti tecnici su qualsiasi problema tecnico del fabbricato ma di chi emana legge e decreti senza curare prima della messa in esecuzione la preparazione e l'addestramento di figure tecniche professionali che assicurino l'attuazione di quanto previsto e ne assumano la responsabilità sia nei riguardi della corretta esecuzione che delle multe connesse alla errata implementazione.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
io credo che il programma esista e che ce lo abbiano in pochi: per esempio chi ha fatto la presentazione in PP allegata in un mio precedente intervento. E' come i programmi che servono per classificare gli appartamenti/edifici dal punto di vista delle prestazioni energetiche. Tu metti dentro i dati e viene fuori il risultato. Certo che in questo caso devi sapere i dati la partenza: per esempio la dispersione. Questa o la calcoli o la desumi da dati empirici. Idem per il calore utile. Poi tutti gli altri dati necessari (consumi, costi, m/m) possono essere reperiti senza difficoltà.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Metti dentro i dati, sì, ma quelli giusti (non è tanto banale), altrimenti ottieni risultati errati!
questo è lapalissiano. Anche per fare l'APE bisogna mettere dentro i dati giusti: l'esposizione dei muri perimetrali esterni; le superfici delle finestre, le loro tipologie ed il grado di conservazione; lo spessore e la tipologia dei muri perimetrali esterni e verso il vano scale ed ascensore; la superficie dell'appartamento, e su quanti piani si sviluppa; se l'appartamento è al piano terra/rialzato, come è fatto il solaio di calpestio; se è all'ltimo piano come è fatto il solaio di copertura, come è fatto il tetto; ecc.... ecc... .
 

Un giocatore

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Un inesperto con un programma 'raffinato' può combinare disastri. Un esperto con un programma spartano può raggiungere risultati pregevoli. Tanto si tratta sempre e comunque di stime, è inutile andare a cercare il pelo nell'uovo. E, diciamola tutta, l'APE è un buon indice da usare per il progetto di un immobile, serve a poco per un immobile esistente.
 

happysmileone

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Il problema per me non è il programma ma l'esperto.
Con un esperto senza il programma i risultati si ottengono , il viceversa non è praticabile.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
I programmi qualunque essi siano sono stupidi in partenza. Sta al raziocinio di chi preme i tasti e lavora con quel programma saperlo farlo funzionare. Molte software house organizzano dei corsi per gli utilizzatori. Naturalmente se non hai dalla tua un minimo di conoscenza di fabbisogni energetici e rendimenti, meglio lasciar perdere in partenza perchè è veramente troppo complicato. Poi come se non bastasse sono in continua evoluzione questi programmi (anche per star dietro al continuo rinnovamento della materia in questione). Ed anche per chi ha cognizione a volte è veramente dura, ma fa parte del lavoro.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

oggi mi stò dando del pirla:rabbia:
Danhgianhacai.com là trang web tổng hợp toàn bộ thông tin các nhà cái uy tín hàng đầu hiện nay. Những chương trình khuyến mãi, thứ hạng nhà cái thay đổi được cập nhật liên tục.
Xem từ thông tin:
Profil: Danhgianhacai - U-Labs Community
danhgianhacai
Alto