• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

R

Romano Morlacchi

Ospite
#1
la cedolare secca (21%) sugli affitti percepiti nel 2017 la si deve pagare nel 2017 ( acconto e saldo ) ! c'è chi invece non la paga nel 2017 ma indica gli affitti percepiti nel 2017 nel quadro b del mod. 730/2018 ( redditi 2017) facendo calcolare al caf il 21% degli affitti percepiti nel 2017 , il quale rilascia due f24 per l'importo scaturito, da pagare in acconto il 30/6/2018 ed il saldo al 30/11/2018. premesso che sugli affitti percepiti nel 2017 la cedolare secca deve essere pagata nello stesso anno 2017 e non l'anno dopo, mentre col sistema del mod. 730 al caf sopradescritto in realtà la cedolare secca relativa agli affitti percepiti nel 2017 la paghi nell'anno successivo 2018 e non nello stesso anno 2017. credo che la procedura corretta sia: nel 730/2018 - redditi 2017 - indichi nel quadro b gli affitti percepiti nel 2017 e nel quadro f ( acconti e ritenute ) - nei punti 5 e 6 indichi l'acconto ed il saldo pagati nel 2017 per la cedolare secca. il caf calcola si il 21% degli affitti indicati nel quadro b ma nel conteggio finale decurta l'acconto ed il saldo indicati nel quadro f ( punti 5 e 6 ) andando così alla pari. quello di non pagare la cedolare secca nel 2017 e rimandare di un anno il pagamento col metodo del 730 caf sopradescritto, se è consentito mi sembra una furbata. non credo che l'agenzia delle entrate sia d'accordo. altrimenti questo meccanismo lo adotterò anch'io. cosa ne pensate ??
moro
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
#2
Mi sembra molto strano che un Caf segua la procedura da re descritta.
Il pagamento dell'imposta nell'anno successivo a quello di competenza può avvenire solo in un caso: quando nell'anno antecedente quello di competenza non esiste la base di riferimento, che in altre parole significa che non esisteva alcun contratto con cedolare secca. ma dopo un anno tutto va a regime.
 
R

Romano Morlacchi

Ospite
#3
Non si tratta di primi affitti ma già in essere da anni precedenti, quindi già con base di riferimento certa! Quando un Caf ti chiede se l'F24 lo fai tu o lo devono fare loro e rispondi di farlo loro in quella circostanza - vale a dire quando presenti il 730 per i redditi dell'anno prima - ti emettono i due F24. Ma ormai sei già nell'anno successivo a quello in cui avresti dovuto pagare la cedolare secca. L'ho già verificato con il 730 di un mio conoscente, tant'è che costui non ha mai fatto l'F24 per la cedolare secca !!
Mi riservo di chiarire col Caf.
 

sparkangel

Membro Junior
Proprietario Casa
#4
In parole povere di può evitare con il 730 di pagare l’acconto sugli affitti con cedolare secca stipulati nel 2017, pagando solo quanto e’ dovuto nel 2917?
 
R

Romano Morlacchi

Ospite
#6
No, ii concetto è un altro ed è quello che voglio verificare con Il Caf: con il sistema descritto pagheresti la cedolare secca l'anno dopo di quello in cui la dovresti pagare. L'Agenzia delle Entrate se ritardi anche di un mese il pagamento dei tributi ti rifila subito un'ammenda, costringendoti a fare un ravvedimento operoso. Figuriamoci dopo un anno !!! - C'è qualcosa che non va.......
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
#7
R

Romano Morlacchi

Ospite
#8
Stiamo perdendo il filo del discorso e stiamo uscendo dal seminato: lo sappiamo che a giugno dell'anno successivo si paga il 5% che rappresenta il saldo anno precedente altre al primo acconto dell'anno in corso ma qui si tratta di pagare con un anno di ritardo il 95% dell'anno prima che non è stato pagato. Capisco che il meccanismo appare complicato ma rimango convinto che quanto illustrato è sbagliato. Voglio verificare......
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
#9
apisco che il meccanismo appare complicato ma rimango convinto che quanto illustrato è sbagliato. Voglio verificare......
Che sia sbagliato nessuno lo mette in dubbio. Quello che è poco credibile è il fatto che il Caf faccia un errore così banale. Intento l'addetto all'assistenza rischia la "defenestrazione" e quello che è ancora più grave è che il Caf rischia di sput....rsi e la revoca di tale servizio. E' vero che i Caf hanno un'assicurazione, però, se è vero quanto riportato, non passerà molto tempo perché si diffonda la notizia.
 
R

Romano Morlacchi

Ospite
#11
Vorrei fare alcune considerazioni poi mi taccio:
la presentazione del 730 riguarda i redditi dell'anno precedente. Se nel quadro B indichi degli affitti soggetti a C.S. o sono nuovi affitti relativi a frazione d'anno ( e quindi non esiste una base di riferimento certa ) ed allora il Caf emette un F24 per il pagamento al 30/6 dell'anno successivo ( lo faresti anche tu senza andare al Caf ) oppure, se nel quadro B indichi degli affitti interi ( 365 gg ) devi anche indicare nel quadro F ( punti 5 e 6 ) gli acconti pagati nello stesso anno ( 40% del 95% al 30/6 e 60% del 95% al 30/11 ) se no il metodo che hai usato é sbagliato ! Se indichi gli affitti soggetti a C.S. e non gli acconti che avresti dovuto pagare costringi il Caf a due alternative: o ti rifiuta il 730 perchè sei inadempiente non avendo pagato nello stesso anno la C.S. oppure emette gli F24 un anno dopo e tu paghi con un anno di ritardo rispetto agli altri che hanno pagato puntualmente nello stesso anno con un proprio F24. ; e questo l'A.d.E. non dovrebbe permetterlo ! Il Caf non può fare altro. Non è quindi da "defenestrare" l'addetto o sputt......... il Caf. La C.S. la devi pagare nei tempi previsti ( al 30/6- primo accanto - il 5% saldo anno precedente ( c.t. 1842 ) più il 40% del 95% dell'anno in corso - ( c.t. 1840 ) ed al 30/11 -secondo acconto - il 60% del 95% dell'anno in corso ( c.t. 1841 ), altrimenti o sei "ignorante " in buona fede oppure " preparato " in mala fede.
Comunque, tra qualche giorno dovrò presentare il mio 730 dove sono indicati gli affitti interi percepiti l'anno prima ma anche gli acconti pagati ed in questa occasione vedrò di capire meglio e chiarire col Caf.
Scusate.Terrò informati. Grazie. Saluti
Moro
 

navol

Membro Junior
Proprietario Casa
#12
ma scusate se nel 2017 l'inquilino se ne va in anticipo e casa resta sfitta,se la dichiarazione di quell'anno la presento nel 2018 vuole dire che la cifra da tassare è quella reale ma se pago in anticipo chi mi renderà quanto ho pagato in più per un affitto non percepito?
meno parole x cortesia altrimenti ci perdiamo
grazie
dirce
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#13
ma se pago in anticipo chi mi renderà quanto ho pagato in più per un affitto non percepito?
Semplicissimo.

Qualunque imposta sui redditi (IRPEF o cedolare secca) si paga su base storica: cioè gli acconti sono calcolati su una percentuale, fino a ieri 95%, del reddito avuto nell'anno fiscale precedente.

Ci sono poi due possibili comportamenti:
1) si versa regolarmente il 95% in acconto rispetto all'anno precedente: se succede come ipotizzi che poi il reddito effettivo sia inferiore, avrai un credito di imposta che compenserai con le nuove imposte dovute, scalando la differenza.
2) è sempre possibile versare gli acconti sul reddito presunto di fine anno, con l'avvertenza che l'acconto totale risulti poi effettivamente uguale o maggiore del 95% dell'imposta complessiva dovuta.

Col 730, nel caso 2, essendoci di mezzo un sostituto d'imposta che effettua automaticamente le trattenute, presumo comporti una attenta comunicazione tra sostituto e contribuente
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
#14
Qualunque imposta sui redditi (IRPEF o cedolare secca) si paga su base storica: cioè gli acconti sono calcolati su una percentuale, fino a ieri 95%, del reddito avuto nell'anno fiscale precedente.
L'acconto IRPEF, dovuto se l'importo indicato nel campo "Differenza" (rigo RN34 oppure, se nel rigo RN61 è barrata la casella di col. 1 "Casi Particolari", "Differenza" è uguale all’importo indicato in colonna 4 del rigo RN61) del Mod. Redditi supera 51,65 euro, è pari al 100% di quella "Differenza".
Quella misura (100%) è così da un bel po'.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#15
L'acconto IRPEF, dovuto se l'importo indicato nel campo "Differenza" (rigo RN34 oppure, se nel rigo RN61 è barrata la casella di col. 1 "Casi Particolari", "Differenza" è uguale all’importo indicato in colonna 4 del rigo RN61) del Mod. Redditi supera 51,65 euro, è pari al 100% di quella "Differenza".
Quella misura (100%) è così da un bel po'.
Ho aggiunto "fino a ieri 95%" proprio perchè mentre scrivevo, mi sono ricordato che era previsto il passaggio al 100%, ma non ricordavo da che anno/dichiarazione era applicato.
Confesso che usando uniconline i conti me li fa il SW: e la mia memoria non è mai stata ferrea.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
#17
Forse ci stiamo riferendo a cose differenti.

Ecco cosa riportano le istruzioni del Modello Redditi PF 2018

Rigo LC2 Acconto cedolare secca locazioni per l’anno 2018 Nel modello REDDITI va riportato, se dovuto, l’ammontare dell’acconto relativo alla cedolare secca per l’anno 2018. Per stabilire se è dovuto o meno l’acconto relativo alla cedolare secca per l’anno 2018 occorre controllare l’importo indicato nel rigo LC1, colonna 5, “Differenza”. Se questo importo: n non supera euro 51,65, non è dovuto acconto; n supera euro 51,65, è dovuto acconto nella misura del 95 per cento del suo ammontare

Per stabilire se è dovuto o meno l’acconto IRPEF per l’anno 2018, si deve fare riferimento all’importo di “Differenza” come sopra definito. Se “Differenza”: n non supera euro 51,65, non è dovuto acconto; n supera euro 51,65, è dovuto acconto nella misura del 100 per cento dell’ammontare “Differenza”


Ed ecco cosa era previsto per il 2012

Acconti
Acconto IRPEF per l’anno 2012
Per stabilire se è dovuto o meno l’acconto IRPEF per l’anno 2012 occorre controllare l’importo indicato nel rigo RN33 “DIFFERENZA”.
Se questo importo:
 non supera euro 51,65, non è dovuto acconto;
 supera euro 51,65, è dovuto acconto nella misura del 96 per cento del suo ammontare (differimento del versamento di 3 punti percentuali
dell’acconto 2012 alla data di versamento del saldo – D.P.C.M. del 21 novembre 2011).

Nerl 2013
Acconto IRPEF per l’anno 2013
Per stabilire se è dovuto o meno l’acconto IRPEF per l’anno 2013 occorre controllare l’importo indicato nel rigo RN33 “DIFFERENZA”.
Se questo importo:
 non supera euro 51,65, non è dovuto acconto;
 supera euro 51,65, è dovuto acconto nella misura del 99 per cento del suo ammontare.

Direi quindi che non è nemmeno corretto scrivere

Quella misura (100%) è così da un bel po'.
e mi pare piuttosto fuorviante, anche se corretto , ribadire che
La misura è corretta, se per "ieri" s'intende "2001", per il periodo d'imposta 2000.
La misura reale è progressivamente cresciuta, con alchimie burocratiche , poco per volta.
Sbaglio o hanno o avevano addirittura ipotizzato (attuato?) anche una percentuale superiore al 100%?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto