• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti,
appartamento con cantina in un condominio del 1930

La situazione attuale (come da foto che allego), è che per tutto il condominio (17 appartamenti e 2 attività) le cantine sono :

n 3 per appartamenti (con ingresso tramite porta che accede a corridoio antistante le 3 cantine)
n 1 immensa che è sottostante ad un ristorante alla quale si accede con scala interna al ristorante

Ora una persona ha acquistato detto ristorante (da asta) ha chiesto il cambio di destinazione d'uso in uffici che farà (n 3)..tra l'altro ha chiesto autorizzazione all'apertura di una porta di accesso che il condominio stà dando per uno di questi 3 uffici (altrimenti potrebbe farne solo 2).
Dell'immensa cantina ricaverebbe n 2 archivi e n 5 cantine che venderebbe
Credo sia un geometra quindi esperto in questo settore e pare lungimirante..

Il problema è che, il passaggio per accedere a tutte le future 5 cantine e 2 archivi, nel progetto si presenta attraverso la porta di accesso alle 3 cantine, verrebbe abbattuto il muro in fondo al corridoio dove ci sono le 3 cantine dove metterebbe una porta dalla quale accedere ai corridoi di accesso alle future 5 cantine + 2 archivi
Le attuali 3 cantine sono delimitate alla buona con pareti di compensato ed assi di legno, porte di legno..,
la sicurezza non ci sarebbe più a meno di affrontare determinate spese.

All'origine pare che il corridoio antistante le 3 cantine fosse parte comune del condominio.., all'inizio la porta di accesso al corridoio c'era ma in fondo al corridoio al posto del muro c'era una porta di legno,,proprio uno dei proprietari che si sono susseguiti nel ristorante ha fatto fare il muro, forse per la sicurezza tanto aveva la scaletta interna per accedere

Chiedo se può essere usucapito un corridoio comune che mai nessuno ha reclamato in quanto da tempi remoti è usato dai proprietari delle 3 cantine.

La persona che stà portando questo problema ristruttura e vende quindi nell'arco del 2021 terminerebbe il progetto

Ringrazio chi vorrà/potrà chiarire in termini di legge
 

Allegati

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se per oltre 20 anni i proprietari hanno "monopolizzato" il corridoio di accesso alle loro cantine "di fortuna" peraltro aiutati dalla chiusura con un muro dell'accesso del proprietario del ristorante ...si può far dichiarare/contestare l'avvenuta usucapione di tale corridoio in capo ai 3.

Ovviamente questo creerebbe un problema alla commercializzazione delle nuove cantine salvo il nuovo proprietario riesca a ricavare un nuovo corridoio e relativo accesso.

Potreste anche trovare un accordo per evitare il riconoscimento dell'usucapione e permettere la riapertura magari esigendo oltre al compenso la ristrutturazione delle cantine in laterizio.
 

Franci63

Membro Senior
Proprietario Casa
Potreste anche trovare un accordo per evitare il riconoscimento dell'usucapione e permettere la riapertura magari esigendo oltre al compenso la ristrutturazione delle cantine in laterizio.
Sicuramente sarebbe la soluzione ideale, quantomeno la sistemazione delle 3 cantine.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Sicuri che si possa usucapire una parte comune condominiale? A volte leggo risposte contrastanti
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Sicuri che si possa usucapire una parte comune condominiale?
Certamente è possibile. Se esiste l’impossibilità assoluta per gli altri condomini di proseguire un rapporto materiale con il bene, e quindi vi sia l'inequivoca l’intenzione di possedere il bene in maniera esclusiva.
 

ioalva

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti,
grazie a tutti per le risposte !
Saggio suggerire una soluzione appagante per entrambi i contendenti, senz'altro da valutare.

Di contro cosa potrebbe costare perseguire la strada per il riconoscimento di usucapione ?

Nel caso di usucapione può , chi detiene l'ultima delle 3 cantine (a confine con la proprietà dell'ex ristorante), che si affaccia sul corridoio.. immaginandolo usucapito da tutte e 3 le cantine, accorparsi il corridoio prospiciente la cantina ?

La persona che detiene quest'ultima cantina in fondo al corridoio, da sempre, ha occupato, con sci e quant'altro, 2 alte nicchie nel muro del corridoio (una dove è stato costruito chissà quando il muro di confine con la proprietà del ristorante ed una proprio di fronte alla porta d'ingresso della propria cantina).

Ringrazio per l'eventuale disponibilità a porre l'attenzione a queste ulteriori domande

Buona giornata a tutti
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Più che usucapione dei proprietari delle tre cantine, sarà la perdita del diritto di passaggio del proprietario della cantina del ristorante per la chiusura dalla porta d'accesso da oltre vent'anni. Ritengo che sarebbe opportuno regolarizzare la situazione con l'avvenuta variazione all'ufficio tecnico comunale e la corrispondente variazione del bcnc nel catasto fabbricati.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve , vorrei chiedere se qualcuno conose la normativa riguardante la costruzione di una scala a rampe con pianerottoli in acciaio per accedere a tre appartamenti. Questa sarebbe costruita nella chiostrina in aderenza a più vicini in cui io ho una terrazzina con porta di accesso che risulteremme a 80 cm. di distanza grazie ha chi vorrà rispondermi
Salve a tutti , volevo porre un quesito. Ho acquistato una casa Novembre 2017, seconda casa , che fino ad oggi è stata la residenza di mia figlia e il figlio. Ho messo in vendita la casa e ho trovato un acquirente che mi offre quasi il doppio di quanto pagato. Ai sensi dell'art. 67 del TUIR essendo stata residenza di mia figlia devo pagare o meno la plusvalenza ?? Grazie per chi potrà darmi risposte
Alto