• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

key

Membro Assiduo
Professionista
#1
Un legale ha utilizzato la PEC di un privato cittadino per inviare 2 SOLLECITI di Pagamento di una società.
PEC carpita da un contratto di locazione registrato dalla società presunta creditrice nei confronti del privato.
NON fornita con espresso consenso dal privato cittadino nè al legale,nè alla società presunta creditrice.

Il legale ha utilizzato i solleciti,nei termini,via pec,per chiedere ed ottenere dal giudice di pace il decreto ingiuntivo.

Nessuna raccomandata ar ha ricevuto il presunto debitore,privato cittadino

Il decreto ingiuntivo verrà impugnato dal presunto debitore.

Vizio di notifica:la presunta creditrice non ha avuto l'autorizzazione da parte del presunto debitore all'utilizzo della sua pec privata.
Il presunto debitore NON ha ricevuto alcuna raccomandata AR con diffida o sollecito di pagamento.
Pertanto c'è vizio di notifica ed il decreto ingiuntivo ,impugnato,è da rigettare da parte del giudice di pace .

Corretto?
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
#2
NON fornita con espresso consenso dal privato cittadino nè al legale,nè alla società presunta creditrice.
Vediamo se ho capito :
possiedi un immobile
lo affitti tramite un'agenzia che ti ha contattato
l'agenzia vuole essere pagata
l'avvocato dell'agenzia ti invia sollecito di pagamento via PEC
la PEC è quella indicata nel contratto di locazione, che l'agenzia stessa ha provveduto a registrare
non leggi la PEC
ricevi decreto ingiuntivo
lo impugni

Credo, ma potrei sbagliarmi, che ritenere "carpita" una PEC riportata su un contratto che è stato registrato per conto tuo (evidentemente su tua richiesta o su richiesta dell'inquilino , per non farlo personalmente) sia pretestuoso.
Capisco che pagare quanto si credeva di non dover pagare è fastidioso, ma temo che alla fine, nonostante tutti i tentativi , dovrai saldare le provvigioni.
Opinione personale
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#3
Grazie.
L'agenzia NON ha registrato un bel nulla.
La registrazione è stata fatta da un commercialista che neanche conosce l'agenzia.
L'agenzia NON ha ricevuto da parte mia alcun consenso espresso ad utilizzare una pec privata per qualsivoglia comunicazione.
Figuriamoci il legale incaricato.
E' violazione della privacy.
Un legale dovrebbe saperlo prima d'inviare solleciti con questo mezzo.

Comunque NON credo sia stato cosi sciocco di allegare una pec agli atti,semmai una copia del sollecito.
Vedrò.

Il contratto di locazione registrato è stato annullato subito con procedimento di cognizione ,art.702 bis cpc,in quanto il conduttore non ha consegnato la garanzia fondante il contratto stesso.

La presunta mediazione per aver messo in contatto le parti(presunta),senza nessun incarico scritto,decade comunque per chè il contratto ,seppur registrato,è intrinsecamente nullo,per grave dolo del conduttore.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#4
L'agenzia NON ha ricevuto da parte mia alcun consenso espresso ad utilizzare una pec privata per qualsivoglia comunicazione
E' violazione della privacy.
Perdona la "crudezza"...ma quando sento simili idiozie entro in modalità "schiettezza assoluta"...e il tuo "resoconto" fa il paio con quello che si lamentava della multa per aver parcheggiato su area disabili riservata lasciata libera dall'avente diritto... quasi fosse "istigazione a delinquere".
Una Pec è un indirizzo registrato che non necessita di autorizzazioni per essere usato
Forse che bisogna chiedere liberatoria al Papa per mandare una mail???!!!
Vien da chiedersi se siamo in una puntata di: Ai confini con la realtà.

La presunta mediazione per aver messo in contatto le parti(presunta),senza nessun incarico scritto,decade comunque per chè il contratto ,seppur registrato,è intrinsecamente nullo,per grave dolo del conduttore
Avessi registrato una compravendita di un lotto su Marte qualche appunto potevi muoverlo...ma se si è sottoscritto un contratto di locazione ...il compenso al "mediatore" è "sacrosanto".
 
Ultima modifica:

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
#5
Quando in Italia vedremo l'introduzione della Common Law al posto di cotanto obbrobrio ? Quando non si parlerà più di "vizio di forma, ma di sostanza ? Di mancanza di una fotocopia, di una virgola ? E ci lamentiamo della lentezza dei processi, della mancanza di giustizia per i più deboli , e di prescrizione per i più forti !
Quando vedremo applicare il buon senso al posto di norme scritte con i piedi, a volte a favore di qualcuno e a volte contro ?
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#6
Mi spiace per quanto vi 'bruci',ma la pec di un privato cittadino,senza partita IVA,NON è utilizzabile da soggetto pubblico,figuriamoci da soggetto NON pubblico,senza espresso consenso del privato cittadino .
NON è una PEC PUBBLICA.

Purtroppo l'agenzia ha messo in contatto 2 soggetti.Locatore e proponente Conduttore.
Il contratto s'è concluso con il locatore ed un conduttore che non ha mai avuto contatti con l'agenzia.
Che ci vuoi fare,succede......
Non potendo dimostrare in sede di giudizio l'avvenuta mediazione tra le parti concludenti,prova a chiedre parcella SOLO al locatore mettendo per iscritto che ha avuto incarico da questi.
Invece che c'è stata mediazioni tra le parti e queste hanno concluso un contratto.

Di queste agenzie ne facciamo volentieri a meno....
 

Excalibur

Membro Attivo
Proprietario Casa
#7
Guarda che la pec è un indirizzo mail come un altro: che sia di un privato cittadino o di un professionista che è obbligato ad averla non fa alcuna differenza. Per altro non è che hanno acquistato illegalmente un "pacchetto" di indirizzi mail da un venditore di dati non autorizzato. E' come se ti avessero mandato una raccomandata a/r all'indirizzo di casa. La privacy non c'entra. E non c'è difetto di notifica.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#8
Mi spiace per quanto vi 'bruci',ma la pec di un privato cittadino,senza partita IVA,NON è utilizzabile da soggetto pubblico,figuriamoci da soggetto NON pubblico,senza espresso consenso del privato cittadino .
Non capisco da dove arrivi questa tua preoccupazione... che una tua opinione possa "bruciare" a qualcuno.

Se sei tanto certo su tale affermazione posta i riferimenti di Legge o cita Giurisprudenza dove si evidenzia anche la differenza fra "soggetto pubblico o NON pubblico" autore di un simile "abuso".

Perché se tu fossi convinto di quanto affermi ...allora la tua domanda iniziale
...non la facevi.

Ps.

1-Completa il resoconto...chi ha fornito un servizio "pec" al privato che "difendi"?

2-
PEC carpita da un contratto di locazione registrato dalla società presunta creditrice nei confronti del privato.
NON fornita con espresso consenso dal privato cittadino nè al legale,nè alla società presunta creditrice.
Dove ha trovato tale indirizzo la società locatrice? Perchè se è presente nel contratto di locazione nulla è stato "rubato/carpito".

Quanto alla validità di una comunicazione (su determinato argomento) via Pec fra un professionista (irrilevante se autorizzato o meno) ed un "privato" cittadino...i nostri "munifici" legislatori hanno decretato la "non validità" della consegna come avvenuta lettura.
 
Ultima modifica:

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#9

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#10
La presunta mediazione per aver messo in contatto le parti(presunta),senza nessun incarico scritto,decade comunque per chè il contratto ,seppur registrato,è intrinsecamente nullo,per grave dolo del conduttore.
Su questo mi pare che hai torto.

Se il contratto di locazione è stato "annullato" (o forse risolto poco dopo la registrazione, non ho capito bene) per un motivo imputabile al conduttore, l'Agenzia immobiliare non c'entra.

Se l'Agenzia dimostra di aver messo in contatto le parti, anche senza un preciso incarico da parte del locatore, la provvigione è dovuta (purtroppo per il locatore!)
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#11
Grazie a tutti
E' un caso limite.
Per la pec privato cittadino ,allego alla presente.
Caso:la agenzia immobiliare contatta il locatore(A) per conto di suoi clienti(B)
Il contratto viene concluso dopo mesi tra A e C.
L'agenzia NON ha diritto ad un bel nulla.

Infatti invia fattura al locatore per Posta Ordinaria!!!!

Poi trova un Avvocato fantasioso il quale utilizza la PEC di un privato cittadino per iniare 2 solleciti nell'arco di 1 anno.
La pec privata l'ha carpita da bozze di contratto generiche.
Io non ho dato il consenso all'agenzia od al suo legale ad utilizzare la mia pec.
Punto.

Il legale che non sa che pesci prendere s'inventa un decreto ingiuntivo,tanto il Giudice non legge nulla,affermando nel ricorso che il locatore(A) ha dato INCARICO all'Agenzia Immobiliare.
FALSISSIMO.
Perchè è costretto a questo,quandoo bastava scrivere che l'agenzia imm. ha messo in contatto le parti.
Perchè NON ha nulla in mano che provi che l'Agenzia ha avuto contatti con C,il conduttore contrattuale.

Il decreto verrà impugnato,è già in mano ad un mio amico,per:
FALSO-Mi dimostri il legale di parte che il locatore abbia dato espresso incarico all'Agenzia come dichiarato nel ricorso.
Incarico è diverso da mediazione.Non sono sinonimi.
Vizio di notifica sollecito e violazione della privacy pe il sollecito via pec.
Peraltro la lettera allegata di sollecito è in pdf e non in p7m.

Io non ce l'ho con l'agenzia,ma con certi legali,anziani,che buttano lì ricorsi sperando che diventino esecutivi....
 

Allegati

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#12
a agenzia immobiliare contatta il locatore(A) per conto di suoi clienti(B)
Il contratto viene concluso dopo mesi tra A e C.
Se ho ben capito, direi che:

se il locatore A non ha mai conferito alcun mandato all'Agenzia immobiliare;
se il locatore A non ha stipulato il contratto di locazione con B (cliente dell'Agenzia);
se il locatore A ha stipulato il contratto di locazione col conduttore C che non è stato presentato dall' Agenzia e quindi è del tutto estraneo a questa vicenda;

allora A nulla deve all'Agenzia Immobiliare.
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#13
E' così.

Allora il brillante avvocato,s'è inventato che A ha dato incarico all'agenzia.
Perchè NON può sostenere che c'è stata mediazione fra A e B(cliente agenzia)

Altrimenti avrebbe scritto che l'agenzia ha messo in contatto le parti A e C ,che hanno concluso un contratto

Cosicchè il legale NOn s' sprecato neanche a spendere soldi per inviare le raccomandate con i 2 solleciti.
La PEC di A,desunta da bozze di contratto ,che A ha inviato a B tramite l'Agenzia.

Ecco quando un legale di comporta così fa rabbia.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
#16
Per la pec privato cittadino ,allego alla presente.
Quanto hai allegato non evidenzia alcun "abuso o violazione della privacy" che tu sostenevi per l'avvocatoche aveva utilizzato una PEC di un cittadino privato.

Questione diversa dire che la stessa sia equiparabile ad una Raccomandata "canonica" per l'invio di qualsivoglia documento. (al momento "senza dubbi" solo fra soggetti obbligati ad averla).

In ogni caso ammesso e non concesso che venga annullato il Decreto per irregolarità del "rituale"...la questione centrale rimane sempre se esista diritto alla mediazione da parte dell'agenzia immobiliare.

Certe questioni/accordi vanno ben precisati nei contratti.
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#17
Io sto legale mai sentito che esistesse.
Mai parlato.
Non so chi sia.
Figuriamoci fornirgli la mia pec.
Il problema è che il ricorso per decreto ingiuntivo il giudice neanche lo legge.
In fase d'impugnazione si.
Ci sarà da divertirsi.
Ma metti putacaso che non ritiravo l'atto nei termini,vedi putacaso che eo fuori per vacanza o lavoro.
Come può diventare esecutivo,senza che il cittadino abbia la possibilità di difendersi?
 

key

Membro Assiduo
Professionista
#19
Dimaraz non concordo con Te
Il legale agisce per nome e per conto di B,se gli rimedia una PEC di A,il legale gli chiede dov'è l'espresso consenso di A a B ad utilizzare la sua PEC privata?

Certo se io avessi risposto al legale,sarei caduto nel trabocchetto!!!!

Il legale non ha citato nel ricorso che ha inviato il sollecito via pec(se ne guarda bene),ma gli verrà chiesto dal resistente.

Peraltro quando è stato inviato il 2 sollecito,dopo il quale il legale ha presentato il ricorso per decreto ingiuntivo,la mia pec privata era scaduta da 6 mesi e non rinnovata,nonostante i tanti solleciti pervenutimi da Aruba.

Mistero perche Aruba ,nonostante che non paghi,mantiene la casella attiva.Mistero!!
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
#20
La PEC di A,desunta da bozze di contratto ,che A ha inviato a B tramite l'Agenzia.
Quindi tu (locatore A) hai avuto contatti con B (cliente dell'Agenzia), se dici di avergli inviato bozza del contratto di locazione appunto tramite l'Agenzia.

Poi cosa è successo?

Se è successo che hai stipulato il contratto con B, e poi l'hai subito risolto perché B non ti ha consegnato la "garanzia" come hai scritto nel post n.#3, allora devi pagare la provvigione all'Agenzia.

Anche se "dopo mesi" come hai scritto nel post n.#11, hai stipulato un nuovo contratto per lo stesso immobile con C, che ti è stato presentato da un'amica.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto