1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. RETORETO

    RETORETO Membro Junior

    La plusvalenza per la rivendita di un abitazione (non prima casa) non viene richiesta se l'intestatario trasferisce la propria residenza e quindi utilizza l'abitazione acquistata.
    Ma se questa residenza non viene trasferita nell'abitazione oggetto dell'acquisto per problemi familiari (scissione del nucleo familiare) pero' è stato fatto regolare contratto di energia elettrica a nome dell'intestatario.
    Domanda: Potrebbe essere quest'ultimo un elemento utile a non versare eventuale plusvalenza?
    anche perchè QUESTI CASI SONO DIFFERENTI dall'acquisto prima casa.
     
  2. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista
    La plusvalenza non viene tassata se l'immobile è stato adibito per almeno la metà del tempo trascorso dall'acquisto ( nel limite dei 5 anni, ovviamente ) ad abitazione principale propria o dei propri familiari.
    La residenza è un concetto diverso da quello di abitazione principale e non necessariamente devono coincidere.

    Per i propri familiari vale mi pare il concetto di familiari fino al secondo grado: pertanto se è stato abitato dal suo coniuge " separando", come mi sembra di aver capito, probabilmente ci rientra. Ma mi sa che conviene chiedere all'agenzia delle entrate. Il problema è che su certi casi particolari neppure il fisco sa cosa rispondere, quando non addirittura da risposte che poi si rivelano errate.
     
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fai un interpello all'Agenzia delle Entrate.
     
  4. RETORETO

    RETORETO Membro Junior

    Mi spiego meglio, l'abitazione non è stata abitata dal coniuge ma dall'acquirente proprietario ma senza passare la residenza. la mia domanda Si puo' sostenere con il contratto Enel di aver abitato per (15 mesi) e quindi non pagare la plusvalenza? Fare un quesito all'ag.entrate in questo momento non è consigliabile ti risponderanno devi pagare
     
  5. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Se l'abitazione è una seconda casa la plusvalenza la paghi sempre sia e non che siano passati 5 anni.
    Il discorso della vendita prima dei 5 anni ( perdita aggevolazioni prima casa ) e/o 50% di periodo di residenza superiore tra acquisto e vendita ( plusvalore per speculazione edilizia ) se non è prima casa non valgono.
     
  6. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non è così.
    La plusvalenza la paghi solo se vendi entro i cinque anni, prima o seconda casa, che sia. Esiste la presunzione che l'acquisto sia stato fatto per fini speculativi. Se si tratta di prima casa entrano in gioco altre considerazioni se hai anche usufruito delle agevolazioni fiscali.
    Non è tassata la vendita di un bene pervenuto per eredità che venga ceduto prima dei 5 anni.
    La plusvalenza non ha termini invece quando si tratta di acquisto e vendita di terreni edificabili, e parti anche minime di terreni lottizzati.
     
  7. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    e io che ho scritto ???????????????????????????????????????
     
  8. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista

    Hai scritto il contrario. Dando informazioni sbagliate. Ed in un forum - secondo me - o si è certi della risposta che si da agli altri utenti o è meglio non postare.
    Cosi la penso io, nulla di personale. :)
     
  9. RETORETO

    RETORETO Membro Junior

    Ho posto il quesito nella speranza che qualcuno abbia avuto qualche esperienza simile per avere risposte precise, comunque da quanto in mia conoscenza e descritto nel quesito la seconda casa non prende il periodo dei 5 anni nel mantenere e no la residenza ma basta solo averla in quella abitazione, per non pagare eventuale plusvalenza.Poi le domande/quesiti vanno letti bene ovvero ribadisco: il contratto Enel potrebbe fare fede ad un eventuale contestazione con l'ag.entrate?
     
  10. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'avverbio sempre ha un limite temporale infinito e come ho già risposto nel precedente messaggio non si adatta all'argomento in questione, che ha un limite ben definito: entro i 5 anni.
    Buona serata.
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per la seconda casa è ininfluente la residenza che è richiesta solo per evere certe agevolazioni fiscali (vedi prima casa).
     
  12. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Ti riporto la mia conoscenza e non esperienza in quanto sono un consulente immobiliare.
    X non pagare la plusvalenza su un immobile dichiarato in atto prima casa, deve essere trascorso un periodo di residenza superiore del 50% tra il periodo intercorso tra acquisto e vendita.
    E non parlo di aggevolazioni prima casa per cui devono trascorrere comunque 5 anni tra acquisto e vendita, sono due cose diverse e distinte, da non confondere.
    Questa documentazione ( certificato di residenza ) va supportata con contratti di allaci a forniture ( luce - acqua - gas o metano ) questo perchè si presume che su quell'immobile dichiarato prima casa ci si debba aver abitato realmente.
    Nel caso in questione visto che non si tratta di prima casa, il fatto che te ci abbia portato la residenza o che te ti sia allacciato alle forniture non ha alcun valore.
    Trattandosi di seconda casa paghi comunque la plusvalenza.
     
  13. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Al sig.r Dalam
    La plusvalenza quando si tratta di prima casa, la si paga solo nel caso in cui il periodo di residenza non supera del 50% il periodo intercorso tra acquisto e vendita.
    Quando si tratta di seconda casa la si paga sempre.
    Forse sei te che devi stare attento a quello che scrivi.
    NULLA DI PERSONALE..
     
  14. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Veramente non è nemmeno cosi.
    Non è vero che la plusvalenza la paghi se vendi prima dei 5 anni.
    Se si vende un immobile dichiarato in atto prima casa, prima che siano trascorsi i 5 anni è vero che perdi le aggevolazioni se non si riacquista entro 12 mesi.
    Mentre paghi la plusvalenza nel caso in cui il periodo di residenza non supera del 50% il periodo intercorso tra acquisto e vendita.
     
  15. Dalam

    Dalam Membro Attivo

    Professionista
    Figuriamoci. Io frequento questo forum con spirito critico, per approfondire le mie conoscenze. Mica per avere ragione. Comunque sei in errore, e stai continuando a dare informazioni errate. E questo in un forum è spiacevole.
    Ti indico un link di un notaio, specifico e molto chiaro, relativamente alle questioni legate alla plusvalenza immobiliare. Purtroppo il tuo errore è confondere la plusvalenza con le agevolazioni prima casa. Non c'entrano nulla. La plusvalenza nella vendita prima dei 5 anni ha le sue regole, assolutamente indipendenti dall'esistenza o meno di benefici prima casa.

    ecco il link: http://www.notaio-princivalle.it/8-Normativa/2007%20-%20Plusvalenze%20immobiliari.pdf



    oltretutto l'iniziatore del presente quesito vuole sapere una cosa molto semplice: se con le bollette enel si può dimostrare il domicilio, o meglio " di aver adibito l'immobile ad abitazione principale " anche senza il trasferimento di residenza. Io credo che teoricamente sia possibile, ma dovrebbero essere evidenti i consumi di luce e gas. In modo da poter sostenere che, pur non avendo trasferito la residenza, il soggetto ha adibito in modo certo ed inconfutabile l'immobile a propria abitazione principale. Ma la questione, come spesso accade nei quesiti fiscali quando si entra nei casi " eccezionali " non è di facile risposta e si presta a diverse interpretazioni.

    Ciao
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Scusa,
    da Consulente Immobiliare mi potresti indicare in quale Art. del Testo Unico TUIR si prevede il mancato assoggettamento (cioè esenzione) per le plusvalenze in caso di:
    - vendita della prima casa entro i 5 anni dall'acquisto (senza comprare una nuova casa) se si è abitato per un tempo superiore al 50% ?
    Non sono Consulente Immobiliare ma credo di capire qualcosa di imposizione fiscale.
     
  17. beppebre

    beppebre Membro Attivo

    L'essere intestatario di forniture (elettricità, acqua, ecc...) può servire ai fini di un'autocertificazione ma solo se effettivamente ci hai abitato e ritieni di essere in grado di dimostrarlo in caso di accertamento.

    In questo caso non sarà tassata la plusvalenza.
     
  18. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Allora, facciamo un po' di chiarezza.
    L'esclusione della tassazione della plusvalenza ci può essere quando si hanno dei motivi validi per escludere l'intento speculativo dell'acquisto e della successiva rivendita.
    Esempio: un meridionale lavora al nord, lontano da casa, ad un certo punto decide di comprarsi una casa e ci va a vivere (prima o seconda casa, non ha importanza). Sfortunatamente prima che siano trascorsi 5 anni dall'acquisto, perde il lavoro e d è costretto a tornare al sud, dopo aver venduto la casa. In questo caso anche se l'avesse vnduto ad un prezzo doppio di quello d'acquisto non pagherebbe alcuna imposta sulla plusvalenza.
    Analogo il caso di un poliziotto che svolge servizio a Genova, dove da poco ha comprato casa. Viene trasferito d'ufficio a Bolzano, previa vendita della casa. Ebbene, anche in questo caso si vince la presunzione dell'intento speculativo dell'acquisto e successiva vendia della casa nei 5 anni.
    La plusvalenza non viene tassata.
     
  19. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Eccoti accontentato .
    Ti aggiungo il link cosi te la leggi tutta.
    1.1. Cessioni di immobili acquistati da non più di cinque anni
    Se l'immobile per la maggior parte del periodo di tempo intercorso tra l'acquisto e la vendita è stato adibito ad abitazione principale del cedente o di un suo familiare viene meno la presunzione di cessione posta in essere per finalità speculativa.
    Pertanto la cessione non realizza plusvalenza tassabile a sensi dell'art. 67, comma primo, lett. b) del T.u.i.r.
    L'unità immobiliare destinata ad abitazione deve essere classificata nella categoria catastale A, non assumendo alcun rilievo l'utilizzazione di fatto diversa dalla classificazione catastale.
    Pertanto e per tale finalità l'unità immobiliare, oggetto di nuova costruzione o di ristrutturazione, può essere considerata idonea all'uso abitativo soltanto a decorrere dalla data di iscrizione nel catasto dei fabbricati.
    Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente, tenuto presente che la dimora abituale in luogo diverso da quello risultante dai registri anagrafici deve essere provata sulla base di circostanze oggettive, quali, per es., l'intestazione delle utenze, l'effettivo utilizzo dei servizi connessi, le risultanze della corrispondenza.
    (Cfr. Risoluzione 21 maggio 2007 n. 105/E - Risoluzione 30 maggio 2008 n. 218/E)

    http://www.notaioricciardi.it/UFFIC...OBILIARI TASSAZIONE SOSTITUTIVA (Trabace).pdf
     
  20. 1myname

    1myname Nuovo Iscritto

    Nel link da te citato vi è riportata la segunte dicitura:
    A) - PLUSVALENZE SOGGETTE A TASSAZIONE:
    Devono verificarsi, cumulativamente, tutte le seguenti condizioni:
    1) - plusvalenze relative ad immobili acquistati a titolo oneroso o per donazione;
    2) - gli immobili devono essere stati acquistati (o costruiti) da meno di cinque anni;
    3) - non deve trattarsi di fabbricato abitativo adibito dal cedente, per la maggior parte
    del periodo di possesso, ad abitazione principale propria o dei propri familiari.
    Dimmi dovè la differenza tra quello che ho scritto e quello che è riportato nel link da te indicato ?
    1.1. Cessioni di immobili acquistati da non più di cinque anni
    Se l'immobile per la maggior parte del periodo di tempo intercorso tra l'acquisto e la vendita è stato adibito ad abitazione principale del cedente o di un suo familiare viene meno la presunzione di cessione posta in essere per finalità speculativa.
    Pertanto la cessione non realizza plusvalenza tassabile a sensi dell'art. 67, comma primo, lett. b) del T.u.i.r.
    L'unità immobiliare destinata ad abitazione deve essere classificata nella categoria catastale A, non assumendo alcun rilievo l'utilizzazione di fatto diversa dalla classificazione catastale.
    Pertanto e per tale finalità l'unità immobiliare, oggetto di nuova costruzione o di ristrutturazione, può essere considerata idonea all'uso abitativo soltanto a decorrere dalla data di iscrizione nel catasto dei fabbricati.
    Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente, tenuto presente che la dimora abituale in luogo diverso da quello risultante dai registri anagrafici deve essere provata sulla base di circostanze oggettive, quali, per es., l'intestazione delle utenze, l'effettivo utilizzo dei servizi connessi, le risultanze della corrispondenza.
    (Cfr. Risoluzione 21 maggio 2007 n. 105/E - Risoluzione 30 maggio 2008 n. 218/E)

    Questo è un link aggiornato alle leggi vigenti, se ti va leggilo.

    http://www.notaioricciardi.it/UFFIC...OBILIARI TASSAZIONE SOSTITUTIVA (Trabace).pdf
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina