• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve, ho comprato un posto auto da un costruttore che ha edificato una palazzina, davanti la palazzina c'è uno spazio vuoto che il costruttore ha diviso in 8 posti auto, ma haimè il terreno era vincolato per il prolungamento di una strada, con vincolo ora decaduto in quanto la strada non è stata inserita nell'ultimo piano triennale del Comune. Dopo aver fatto l'atto notarile sul quale atto è indicato posto auto, veniamo a sapere che la destinazione (confermata tra l'altro dall'ufficio urbanistica del Comune di appartenenza) non è di parcheggio. I condomini della palazzina si oppongono a farci parcheggiare. Posso chiedere l'annullamento dell'atto e la restituzione dell'intera somma pagata? Se si, come e a chi va chiesto l'annullamento dell'atto? Grazie
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Ovvio che puoi chiedere l'annullamento dell'atto ed il ristoro dei danni...se nel rogito il terreno era dichiarato come posto auto o adibito a parcheggio.
La richiesta va fatta a chi ti ha venduto.

Ps.
Cosa centrano i condomini della palazzina a confine?
 

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Lo spazio su cui sono stati tracciati i posti auto è nello stesso recinto del condominio e si accede dal cancello da cui accedono i condomini passando dalla loro area di pertinenza appartenente alla palazzina.
 

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Il costruttore si è tenuto questa striscia di terreno con l'uso di passaggio dal cancello e dall'area di pertinenza del condominio, lui sostiene che con una SCIA l'ha trasformata in parcheggio, l'ha accatastata e venduto finora tre posti auto, continua a dire che è tutto in regola e possiamo parcheggiare le auto. Ma l'ufficio Urbanistica dice che non è così, tra l'atro per fare il parcheggio occorre una variante urbanistica che tra l'atro il Comune non autorizzerà mai in quanto è un'area soggetta a vincolo decaduto. Nonostante questo il Costruttore-venditore continua a dire che è tutto in regola e non vuole annullare l'atto e restituire i soldi che abbiamo pagato. Cosa posso fare? Posso rivolgermi al Notaio che ha fatto il rogito e chiedere l'annullamento dell'atto? O devo mettere un avvocato e iniziare una causa che come succede in Italia durerà non so quanti anni, con il rischio di spendere molto di più dei 4.000 euro pagati per il posto auto? Oppure sono costretto a lasciar perdere, rimanere fregato come succede spesso alle persone oneste e i truffatori la spuntano sempre e continuano a fregare gli altri. Grazie e scusate per lo sfogo
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Intanto hai una parte (lieve) di colpa: non si acquista senza prima verificare la rispondenza di quanto afferma un venditore.

Dal tenore della risposta che ti ha già dato l'unico sistema è rivolgersi ad un avvocato.
L'atto è stato fatto e il notaio non può cancellare di sua iniziativa e farti riavere i soldi.
 
Ultima modifica:

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
E se io chiedessi all'avvocato di annullare l'atto per un vizio? Il notaio non poteva fare il rogito sulla base delle carte portate dal costruttore e prendendo per buono ciò che gli ha detto, ma aveva il dovere di accertare la regolarità delle carte e delle dichiarazioni per appurare se effettivamente quello per cui doveva fare il rogito era o meno un posto auto o meno. Credo che il notaio è stato troppo leggero e ha le sue responsabilità. Che ne pensi
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Condivido... ma non lo avevi scelto tu?

Se non lo hai già fatto portalo a conoscenza dei fatti e che non ti ha "servito" a dovere.
 

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
In realtà è il Notaio che ha fatto tutti gli altri rogiti per la palazzina, il costruttore mi ha detto sai ha tutte le carte conosce tutte le situazioni della palazzina e del terreno, se per te va bene facciamo il rogito da lui. Io ho accettato perché è un Notaio molto serio e professionale. Ora sono stato dal Notaio ho posto il problema e non sa che dirmi. Ora parlo con il costruttore e vediamo come poter risolvere, ma il costruttore continua ad infischiarsene dicendomi che posso continuare a parcheggiare la e che i proprietari del condominio non hanno nessun diritto su quell'area. Ma a me non va di parcheggiare la e subire sempre le lamentele dei condomini
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Salve, ho comprato un posto auto da un costruttore che ha edificato una palazzina, davanti la palazzina c'è uno spazio vuoto che il costruttore ha diviso in 8 posti auto, ma haimè il terreno era vincolato per il prolungamento di una strada, con vincolo ora decaduto in quanto la strada non è stata inserita nell'ultimo piano triennale del Comune. Dopo aver fatto l'atto notarile sul quale atto è indicato posto auto, veniamo a sapere che la destinazione (confermata tra l'altro dall'ufficio urbanistica del Comune di appartenenza) non è di parcheggio. I condomini della palazzina si oppongono a farci parcheggiare. Posso chiedere l'annullamento dell'atto e la restituzione dell'intera somma pagata? Se si, come e a chi va chiesto l'annullamento dell'atto?
Gli 8 posti auto sono censiti in catasto o sono solamente individuati con un frazionamento nel catasto terreni? In quest'ultimo caso all'atto sarebbe dovuto essere allegato un certificato di destinazione urbanistica relativa all'immobile interessato dal rogito. I posti auto in questione sono interni o esterni alla recinzione della palazzina? I condomini della palazzina non si possono opporre:
1 - perché, se fossero ubicati all'interno del recinto, godrebbero di una servitù di passaggio per "destinazione del padre di famiglia";
2 - se fossero esterni, loro non avrebbero alcun diritto. Semmai dovrebbe essere il comune ad intervenire. Lo potrebbe fare solo se l'area dovesse essere destinata ad un uso pubblico, mentre se non avesse vincolo, potrebbe essere frazionata al catasto terreni e ceduta come area che il proprietario può utilizzare per parcheggiare, salvo divieti comunali.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
godrebbero di una servitù
Giusto per evitare fraintendimenti "partirebbero" una situazione che però non è assimilabile ad una servitù.

Dirò di più": se tale area di parcheggio fosse interna al Condominio i proprietari delle piazzole sarebbero "condómini" ed in quanto tali partecipano alle spese su base millesimale.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
se tale area di parcheggio fosse interna al Condominio i proprietari delle piazzole sarebbero "condómini" ed in quanto tali partecipano alle spese su base millesimale.
Non è detto: so che può sembrare strano, ma io ho una villetta su terreno completamente circondato da un giardino condominiale altrui, ma io non sono condomina. Infatti pago quanto mi compete perché c'è a mio favore una servitù di passaggio carrabile e pedonale sui viali interni del condominio.
Quindi conta la situazione di proprietà di questa area di parcheggio, non il fatto di essere interna all’area condominiale.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
No, io sono proprietaria solo del mio pezzetto di terreno intercluso, pur avendo diritto di utilizzare anche i servizi condominiali ( piscina, custode, aleggio motoscafi, pontile), dietro rimborso di somma stabilita in equivalente di tot millesimi di tali spese condominiali. Non ho comproprietà di altro, solo diritto di uso.
Tutto quanto stabilito fin dal principio da mio suocero, che negli anni ‘60 costruì la villetta per se, e il condominio (170 appartamenti) per affitti estivi, nel ‘90 venduti singolarmente.
Abbiamo già subito una causa in merito dal condominio ( di cui peraltro faccio parte con altre proprietà ) , vinta dopo parecchi anni .
Sentenza che ha preso atto di quanto era ovvio, in quanto stabilito e scritto in tutti i singoli rogiti.
So che è strano, ma è così.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
ho comprato un posto auto da un costruttore che ha edificato una palazzina, davanti la palazzina c'è uno spazio vuoto che il costruttore ha diviso in 8 posti auto,
Dopo aver fatto l'atto notarile sul quale atto è indicato posto auto, veniamo a sapere che la destinazione (confermata tra l'altro dall'ufficio urbanistica del Comune di appartenenza) non è di parcheggio. I condomini della palazzina si oppongono a farci parcheggiare.
Da quanto scrive la postante il costruttore ha realizzato 8 posti auto con accesso interno. E' certamente una servitù di passaggio, ma a seconda se l'accesso ai posti auto è immediatamente dopo il cancello d'ingresso o devi percorrere un tratto del bcnc, si stabilirà se i posti auto devono contribuire o meno. Avendo acquistato il posto auto i condòmini non possono opporsi a quella destinazione che, semmai sarà il comune, ma ho molti dubbi, a doverlo vietare. Il comune non può entrare nel merito della proprietà privata, laddove non viene realizzato alcun abuso edilizio: parcheggiare in un tratto definito di cortile non è vietato.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
No, io sono proprietaria solo del mio pezzetto di terreno intercluso, pur avendo diritto di utilizzare anche i servizi condominiali...
Mi pare che alla fine della fiera si realizzi proprio il Supercondominio/Condominio parziale: se non ho male inteso paghi una quota su base millesimale di determinate spese.

Non è poi stano considerato che al tempo degli atti ilt emine "supercondominio" era addivenire.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Il comune non può entrare nel merito della proprietà privata, laddove non viene realizzato alcun abuso edilizio: parcheggiare in un tratto definito di cortile non è vietato.
Forse ti è sfuggito

Dopo aver fatto l'atto notarile sul quale atto è indicato posto auto, veniamo a sapere che la destinazione (confermata tra l'altro dall'ufficio urbanistica del Comune di appartenenza) non è di parcheggio.
Non è chiarito quale sia la destinazione d'uso... ma è pacifico che se il PRG avesse precisato una destinazione incompatibile con un area di sosta...allora i posti auto sono illegittimi e non possono essere venduti per tali.
 

Franci63

Membro Assiduo
Proprietario Casa
se non ho male inteso paghi una quota su base millesimale di determinate spese.
Pago un rimborso calcolato in x millesimi di ogni consuntivo annuale, ex post, e solo per determinati servizi.
Ma io non faccio parte dei 1000/1000 , non essendo proprietaria se non del mio terreno intercluso.
 

Franco 123

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Gli 8 posti auto non sono censiti in catasto, ma sono solamente individuati con un frazionamento nel catasto terreni. Infatti il terreno è stato lasciato libero dal costruttore in quanto su questa striscia era apposto dal comune un vincolo per il prolungamento di una strada. Nell'ultimo piano triennale, il prolungamento di questa strada non è stato inserito, per cui il vincolo è decaduto e l'area è considerata come stralciata, ma la strada potrebbe essere inserita nel prossimo piano triennale del Comune. Essendo attualmente libera, il costruttore l'ha tenuta per se, ha fatto il frazionamento al catasto terreni e sta vendendo questi posti.
Il condominio ha un unico recinto che comprende la palazzina, le pertinenze della stessa e quest'area libera su cui sono stati tracciati questi posti auto, quindi i posti auto sono interni al recinto del condominio e quindi godono di servitù di passaggio, infatti i condomini proprietari della palazzina non lamentano il passaggio, ma lamentano il parcheggio che ritengono abusivo in quanto l'area non ha destinazione a parcheggio, ma è un'area stralciata con vincolo attualmente decaduto.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
quindi i posti auto sono interni al recinto del condominio e quindi godono di servitù di passaggio,
Mmmmh... salvo negli atti sia riportata una netta distinzione (con precisata la servitù di passaggio) i posti auto fanno parte del Condominio...e gli attuali o futuri proprietari diventano condòmini a tutti gli effetti (e con le conseguenze del caso).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buona sera a tutti, volevo fare una domanda.
Volevo sapere se un bene bcnc può essere donato?
iole ha scritto sul profilo di Pignata.
ho letto che hai accatastato molte piscine, puoi inviarmi qualcosa iolebenevento@gmail.com?
Alto