1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Buonasera a tutti sono nuovo e intanto complimenti per il sito ottimo!!!!
    Vengo al mio problema.Mio padre insieme ai suoi 2 fratelli e' propietario di un terreno di circa 10.000 metri con 5 appartamenti separati.Due appartamenti sono di un fratello due di mio padre e uno di mio zio.
    Ora fino a ieri nessun problema visto che mio padre vuole fare un progetto sulla sua parte di terreno hanno deciso di frazionarlo e dato mandato al geometra che ha effettuato il frazionamento ,a questo punto mancherebbe solo il notaio per la divisione degli eappartamenti ecc ecc.
    Il problema e' che uno dei miei zii purtroppo da anni malato di esaurimento nervoso e' crollato e da di matto e minaccia i due fratelli di non firmare la divisione.In questo modo nessuno dei fratelli avrebbe la sua parte?? Cosa dice la legge? c'e' un sitema per dividere le propieta' se uno dei 3 non vuole firmare? grazie mille in anticipo.
     
  2. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Non mi aiuta nessuno?? almeno un cosiglio se andare da un notaio o un avvocato perche' non so' proprio come fare ...grazie !
     
  3. virgilio

    virgilio Membro Attivo

    Professionista
    Secondo me può rivolgersi solo ad un Avvocato per decidere il da farsi, Auguri
     
  4. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Ciao overland, pare di capire che si tratta di un terreno indiviso su cui c'è un fabbricato di 5 appartamenti. Quindi quando dici che tuo padre vuole costruire sul suo terreno diciamo che è improprio, questo si desume anche dal fatto che uno zio non vuole fare la divisione. Se quindi le cose stanno come ho inteso non c'è altra soluzione che una divisione giudiziale, per cui bisognerà chiedere l'intervento del giudice. Consiglierei quindi di farti assistere da subito da un legale per individuare bene la proprietà, le quote, come eventualmente proporre una divisione. Infine un augurio che lo zio si rimetta e possiate trovare un accordo amichevole.
     
  5. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Anche io mi auguro che si riprenda perche' non abbiamo mai avuto problemi .Non solo lui ancora una settimana fa' ha fatto fare da un geometra un frazionamento dei terreni divisi per fratelli e il frazionamento e' pronto e registrato dovevamo solo andare dal notaio per gli appartamenti che essendo sul terreno di tutti e 3 risultano d propieta' i un 1/3 per ogni fratello. Ora mio padre ha un progetto che voleva fare nel suo terreno e il fratello non discute che sia suo il terreno o gli appartamenti semplicemente da di matto e non firma l'atto del notaio ...cosi' dice ..che mi consigliate?? e' complicata come situazione'? grazie davvero
     
  6. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    Ti faccio un'altra domanda,evidentemente il terreno ha una capacità edificatoria, la divisione che avete previsto consente a tutti e tre di avere diritto di costruire un numero di mq. uguale per ciascuno? Per il resto se lo zio non vuole firmare c'è poco da fare oltre quanto suggerito,salvo che un esperto del forum abbia altre idee.
     
  7. overland

    overland Nuovo Iscritto

    ti spiego ognugno ha circa 4000 mq di terra ...alcuni asserviti altri con area edificabile...mio padre nel suo ha una piccola casetta e il progetto e' basato sull'ampliamento di questa.Inoltre ci sono gli appartemanti nei quali abitiamo ...la mia paura e' per il mio dove con sudore ho speso risparmi in anni e dove ho fatto un mutuo che hanno firmato anche i 3 fratelli in quanti la propieta' e' la loro anche se il mutuo lo pago io ...beh ora che succede se non vuole firmare?? non posso mica rimanere tutta la vita in questa situazione ...Tutti e 3 fratelli sono daccordo nel cosa spetta a ognuno di loro ma ora uno semplicemente non vuole firmare...
    quindi avvocato?? e' una cosa lunga come tempi? costosa?? noi non siamo a oggi ma andati da un avvocato non ne so' nulla.
     
  8. ralf

    ralf Nuovo Iscritto

    A questo punto penso che ti convenga andare subito da un legale per avere ben chiari tutti gli aspetti della vicenda,è complessa e ci sono in gioco interessi economici importanti, oltre quelli personali (intendo tra parenti),che molto spesso purtroppo peggiorano questo tipo di situazione. In bocca al lupo.
     
  9. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Grazie speravo nella vita di non arrivare mai agli avvocati tra parenti ...ma non so' come fare .Grazie.
     
  10. wally

    wally Membro Attivo

    Scusate se mi permetto di intervenire con una nota che di tecnico-legale non ha nulla! Mi sembra che le parole di Overland lascino indovinare una situazione di sofferenza dello zio, più che di cattiva volontà. Forse prima di andare da avvocati e giudici si potrebbe parlare con un medico, uno psicologo o uno psichiatra per vedere se le condizioni dello zio (che immagino anziano) possano essere rese un po' più serene... magari qualcuno dei/delle familiari hanno più ascendente su di lui e con pazienza e tenerezza possono convincerlo ad accettare quello che, fino a poco tempo fa, era un progetto condiviso anche da lui. Caro Overland, magari ci vuole un po' più di tempo, ma dal tuo ultimo intervento mi pare di capire che per te i rapporti umani e di famiglia sono importanti. Auguri per una soluzione serena e soddisfacente... facci sapere!
    Wally
     
    A piace questo elemento.
  11. Jrogin

    Jrogin Fondatore Membro dello Staff

    Professionista
    Bel post Wally.
    A volte trascuriamo il lato umano. Complimenti!
     
  12. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ma Wally ha qualcosa a che fare con Wall-E della Pixar? :)
     
  13. wally

    wally Membro Attivo

    (Come si digita la faccina che arrossisce?) Mi dispiace, devo confessare che non so nulla di Wall-E (muro elettronico? si può installare in casa, al capitolo domotica?) e in genere con le tecnologie avanzate :)
    Però l'apprezzamento di Jrogin mi fa piacere perchè viene da qualcuno i cui interventi ispirano stima e fiducia.
    Buona giornata a tutti
    Wally
     
  14. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Wally ha ragione. Lo zio ha bisogna di ritrovare entusiasmo nella vita, forse sarebbe la persona giusta da mandare dal Notaio a farsi spiegare l'operazione e a pilotarla, secondo i consigli obiettivi che il Notaio, preventivamente avvisato, vorrà dare. E' un modo di conquistarsi la volontà dello zio e fors'anche per ritrovare la sua salute psicologica.
    Adriano Giacomelli
     
  15. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Aaaaa non sai cosa ti perdi! Affittalo subito! Wall-E (si pronuncia appunto wall-y) è un film strepitoso della Pixar/Walt Disney che narra di un robottino. Imperdibile soprattutto per gli adulti! :D
     
  16. wally

    wally Membro Attivo

    Promesso: sarà il mio programma per il week-end! Grazie per il consiglio :))
    (sottovoce per il Guardiano: ti è arrivato il mio allegato con il contratto in inglese?)
     
  17. Il Custode Guardiano

    Il Custode Guardiano Custode del Forum Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Si si lo sto sistemando :)
     
  18. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Oggi sono tornato a parlargli e forse era piu' impasticcato del solito sembra che firmi ....speriamo bene
     
  19. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    In linea di principio, ciascun coerede può chiedere lo scioglimento della comunione ereditaria in qualunque momento (art. 713 c. c.), salvo le limitazioni previste nell’eventuale testamento laddove il deceduto abbia posto limitazioni, prevedendo, ad esempio, che la divisione non venga effettuata prima del decorso di un un tot periodo di tempo, ma non oltre 5 anni dalla apertura della successione ( ossia dalla morte) . Eccezionalmente (es: necessità inderogabili di recuperare somme liquide per curare un famigliare grave), l'autorità giudiziaria appunto in presenza di gravi circostanze, può disporre l'immediata divisione della massa ereditaria.
    La divisione, inoltre, può anche essere sospesa dal giudice qualora, nell'immediato, la comunione ereditaria possa subirne un grave pregiudizio (art. 717 c. c.).

    Le allego, inoltre, altri articoli del Codice Civile ( di facile comprensione) che fanno al caso suo
    Art. 720. --Immobili non divisibili.--Se nell'eredità vi sono immobili non comodamente divisibili, o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia o dell'igiene, e la divisione dell'intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell'eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l'attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all'incanto.
    Art. 721.--Vendita degli immobili.--I patti e le condizioni della vendita degli immobili, qualora non siano concordati dai condividenti, sono stabiliti dall'autorità giudiziaria.
    Art. 728. --Conguagli in danaro.--L'ineguaglianza in natura nelle quote ereditarie si compensa con un equivalente in danaro.
    Art. 732--Diritto di prelazione.--Il coerede, che vuol alienare (ndr:vendere) a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine di due mesi dall'ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall'acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria.--Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.
     
  20. overland

    overland Nuovo Iscritto

    Dott.Rossi intanto la ringrazio della consulenza,non si tratta di eredita' ma di terreno comprato insieme,a oggi la situazione sembra complessa..e non capisco se questa divisione di qui parla lei...debba essere portata avanti da un avvocato o no? e i tempi?Grazie.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina