• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

pmax

Nuovo Iscritto
Buongiorno a tutti! E' la prima volta che scrivo su questo forum.
Cosa significa la frase Applicazione limitata nel rispetto di specifici paramentri, livelli prestazionali e prescrizioni, nel caso di interventi su edifici esistenti (comma "c" art. 3 D.Lgs 2005 n.192); in concreto quali sono i valori della trasmittanza ammessa per le pareti esterne dei fabbricati con superficie utile inferiore a 1000 mq, costruiti precedentemente al Decreto Legislativo 2005 n° 192 e per i quali è stata ottenuta permesso di costruzione in sanatoria nell'anno 2009.
Grazie per la cortese (difficile e faticosa) risposta.
Pmax
 

arch.jr.FlavioPanico

Nuovo Iscritto
Buongiorno,
Secondo il 2° comma dell'art.11 del DLgs 115 del 2008:
"2. Nel caso di interventi di riqualificazione energetica di edifici
esistenti che comportino maggiori spessori delle murature esterne e
degli elementi di copertura necessari ad ottenere una riduzione
minima del 10 per cento dei limiti di trasmittanza previsti dal
decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192
, e successive
modificazioni, certificata con le modalita' di cui al medesimo
decreto legislativo...."
Quindi si devono considerare i requisiti energetici degli edifici che trova nell'allegato C del DLgs n°311 del 2006.
saluti,
Arch. jr. F. Panico
 

Hug

Membro Attivo
Proprietario Casa
Secondo me non esiste né la trasmittanza esterna né la trasmittanza interna: esiste solo la trasmittanza.
 

Hug

Membro Attivo
Proprietario Casa
Il titolo è 'trasmittanza delle superfici esterne', correttamente il testo riporta 'trasmittanza delle pareti esterne'.
 

Hug

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma né il titolo né il corpo dei messaggi contengono "trasmittanza esterna" e "trasmittanza interna". Tranne il tuo.
Se ti attacchi alle parole vuol dire che non hai studiato a sufficienza trasmissione del calore. Poco male, perché in tanti settori sei un vero esperto. La trasmittanza termica è un fenomeno tridimensionale, è una potenza per unità di superficie (coefficiente U) o potenza per unità di superficie e per unità di salto termico (coefficiente K).
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Se ti attacchi alle parole
Solo tu vi si è attaccato.
La trasmittanza termica è un fenomeno tridimensionale, è una potenza per unità di superficie (coefficiente U) o potenza per unità di superficie e per unità di salto termico (coefficiente K).
No (quindi non sono io a dover studiare).
È la potenza termica scambiata da un corpo per unità di superficie e unità di differenza di temperatura. Ha simbolo U.
È l’inverso della somma delle resistenze termiche dei vari strati che compongono l’elemento edilizio e delle resistenze superficiali interna ed esterna.
 
Ultima modifica:

Hug

Membro Attivo
Proprietario Casa
Più precisamente la trasmittanza è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso una struttura che delimita due ambienti a temperatura diversa, diviso per il valore assoluto della differenza tra le temperature dei due ambienti. In edilizia si simbolizza con U; invece in frigotecnica si simbolizza con K, ponendo U a significare il flusso diviso la superficie (in questo caso quindi U = K *(delta T).
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto