• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

giorgio49

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buonasera.
La mia situazione:
1-Sono in trattative verbali per l'acquisto di una casa accatastata come F/4 "collabente.
2-Essendo l'immobile in buone condizioni strutturali (dovrei rifare solamente il tetto) come comportarmi?
3- Chi deve trasformare la casa in "civile abitazione?" Io o il proprietario?
Quali sono le modalità e i costi per il cambio di destinazione?
Grazie per eventuali ed ulteriori consigli
Giorgio
 

sersab

Nuovo Iscritto
La categoria catastale F/4 indica che una unità immobiliare è in condizioni tali da non essere utilizzabile e quindi è impossibilitata a generare reddito.
Difatti se verifichi la visura, vedrai che non è assegnata una rendita catastale.

Il cambio di destinazione (catastale) non è un problema, lo farai dopo aver presentato il progetto di ristrutturazione in comune ed eseguito i lavori.

Piuttosto valuterei con più attenzione la questione relativa alla assenza di rendita, visto che stai acquistando.
Il fatto che non sia prevista una rendita catastale per questo tipo di unità può creare problemi in sede di stipula, in quanto non c'è modo di essere sicuri al 100% che il valore dichiarato in atto non venga contestato in sede di accertamento.

Ti consiglio vivamente di sentire un notaio di fiducia prima di proseguire nella trattativa e firmare un compromesso.

Saluti
sergio
 

Marco Giovannelli

Membro dello Staff
Professionista
urbanisticamente bisogna controllare cosa risulta. Parlando meramente di catasto si parla di 400-500€, poi dipende dalla grandezza fisica dell'abitazione.

saluti
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto