1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. marvit40

    marvit40 Ospite

    Non so se di questo argomento si è già trattato in passato.
    Le spese amministrative relative alle voci "Cancelleria, stampati e fotocopie"
    "Telefoniche" e "Postali" da qualche anno sembrano lievitare sempre più in quantità notevole nonostante che l'attività amministrativa sia sempre la stes- sa, anzi sia in diminuzione per effetto di minori contatti e comunicazioni fra Amministratore e Condòmini (non per colpa di quest'ultimi ma per la progressi- va assenza dell'Amministratore stesso). Un condòmino ha chiesto di visionare almeno un brogliaccio che mostri a quanti e a quali interventi si riferiscano le spese ma sistematicamente si sono ricevute risposte evasive che in pratica si sono sempre dimostrate dilatorie e mai è stato prodotto alcun documento, fin-chè dopo varie insistenze la risposta seccata è stata che "con tutti i condo-
    mìni che ho figuriamoci se tengo una registrazione per ciascuno: calcolo (io stesso) una cifra globale dell'attività specifica e poi la suddivido più o meno proporzionalmente fra tutti gli amministrati, ma non chiedetemi dimostrazioni di "spese non documentabili perchè non ne posso fornire".
    Chiedo se è corretto un tale comportamento ("tanto Pantalone paga!) oppu- re se le regole di buona amministrazione suggeriscono metodi diversi.
    Ringrazio chi è più esperto di me per le risposte che mi potrà fornire.
     
    A piace questo elemento.
  2. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    E' corretto tutto ciò che l' assemblea approva.

    Se i condòmini non si organizzano per controllare le proprie spese prima dell' assemblea in modo efficiente (ossia delegando il controllo a condòmini o professionisti specializzati, i quali scrivano un verbale di controllo asseverato che sia allegato alla bozza di rendiconto da approvare predisposta dall' amministratore), allora i condòmini prenderanno le spese di rendiconto come i campi coltivati prendono la grandine, e avranno soltanto la possibilità (estremamente rischiosa e onerosa) di impugnare il verbale di approvazione del rendiconto entro 30 giorni dalla data di approvazione dell' assemblea.
     
    A piace questo elemento.
  3. marvit40

    marvit40 Ospite

    Grazie Antonio Azzaretto per la tua risposta che mi è servita per consultare altri condòmini.
    Finora il controllo contabile della gestione (estratti di C/c, regolarità delle fatture e loro
    rispondenza ad altrettanti servizi resi, ecc.) l'ho fatto io da solo in qualità di semplice
    condòmino...curioso, ma poi ad uso di tutti e allegata al rendiconto mi sono sempre
    esposto con una mia relazione che inizia con la solita frase "questa non è una revione
    dei conti perchè mancano i presupposti di Legge, tuttavia...ecc." che a quanto pare
    è apprezzata.
    Purtroppo temo che per il mio quesito non se ne farà nulla perchè non si vuole incaricare
    un revisore ufficiale dei conti che stenda un verbale con asseverazione: il costo non
    varrebbe la candela! ...perchè tanto c'è ilsig. xxx che un controllo lo fa gratuitamente!!!
    Comunque grazie ancora,...e tornerò con altri argomenti ora che ho trovato la strada giusta
    per formarmi una cultura in materia di condominio.
     
  4. eagle

    eagle Nuovo Iscritto

     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina