• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

griz

Membro Storico
Professionista
non esiste usucapione per un diritto urbanistico, quindi il fatto che fosse lì da sempre non è significativo, riflettendo, i 100 m potrebbero essere riferiti al confine dell'area sottoposta a vincolo paesaggistico quindi la tettoia lì dov'è non può stare, 100 m più in là invece si, è l'unica spiegazione ragionevole che posso immaginare
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Griz il beneventano è al SUD e come si sa qui da noi chiunque riesce ad avere un posto in una posizione comunale è perché ha il parente ecc. altrimenti ciccia, pertanto quando si è dall'altra parte della scrivania si sentono dei padreterni e se la legge scritta in un modo ma viene interpretata in un'altro vale quello che stabilisce l'impiegato del momento.
Io con il loro regolamento alla mano, scaricato dal sito ufficiale del comune, non sono riuscito a far rispettare la misurazione di un negozio e ad ogni responsabile che veniva il negozio diventava sempre più grande, per risolvere mi sono rivolto al proprietario dicendo che abbandonavo il negozio perché non potevo permettermi di pagare tutti quei soldi di spazzatura non dovuta, lui è uno che conta ( legalmente non è un camorrista ) è andato ai piani superiori dell'ufficio dell'impiegato e la cosa è diventata normale, ma del resto come si dice il paese è del paesano se conosci ottieni altrimenti SUBBBBISCI .
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Io con il loro regolamento alla mano, scaricato dal sito ufficiale del comune, non sono riuscito a far rispettare la misurazione di un negozio e ad ogni responsabile che veniva il negozio diventava sempre più grande
Per risolvere il tuo problema sarebbe bastato un tecnico serio ed onesto perché le misurazioni ed i regolamenti sono univoci. E se questi ultimi dovessero essere ambigui, è sufficiente inoltrare una richiesta ufficiale con risposta scritta e sottoscritta dal responsabile. Solo in quel momento potrebbe essere contestata.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Gianco sei un uomo maturo non ti sei mai imbattuto nella burocrazia e nella testa di gomma di un impiegato? quelli ti mandano i vigili, loro colleghi e sei costretto a eseguire.
Ma considera che qui se vai nella sezione distaccata del comune e vuoi rinnovare la tessera di identità te la fanno al momento mentre se voi all'ufficio principale devi prenotarti tre mesi prima, il programma del PC è uguale cambia solo l'impiegato, e io dopo tre mesi di prenotazione mi sono dimenticato di andarci e ora devo riprenotarmi.

:rabbia:
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Sono sempre del parere che, se hai un diritto, lo devi pretendere. Basta avere pazienza ed insistere, rivolgendosi a chi di dovere. Ogni qualvolta trovo qualcuno che non fa il suo dovere o che rema contro, minaccio di portare il problema a conoscenza della Procura della Repubblica. Il solo nominarla, apre molte porte nel rispetto della legge.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Anche io l'ho fatto anzi fatta una denuncia alla procura ma il vicino ha continuato a costruire e a crearmi lesioni in casa, alla fine ho scoperto che era il cognato del capitano dei vigili urbani della zona.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Anche io l'ho fatto anzi fatta una denuncia alla procura ma il vicino ha continuato a costruire e a crearmi lesioni in casa, alla fine ho scoperto che era il cognato del capitano dei vigili urbani della zona.
Il fatto che un vicino costruendo provochi lesioni si risolve anche se fosse parente del Presidente della Repubblica. E' sufficiente far redigere una perizia ad un tecnico che certifichi e calcali il danno e passarlo all'avvocato per la richiesta del danno. E anche il comandante dei Vigili Urbani non potrà far altro che far verificare l'esistenza di eventuali omissioni al regolamento edilizio o comportamenti perseguibili per il mancato rispetto del codice della strada o delle ordinanze comunali.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Gianco ma si sa le leggi ci sono per tutelarci ma il problema è che sono gli uomini ad applicarle e io avendo un'attività commerciale avrei più lavorato? o quantomeno in santa pace? avrebbero incominciato, l'impianto elettrico va rimodernato, avete buttato un mozzicone nei rifiuti umidi, dovete pagare la tassa sull'ombra, ecc. non so se ti ricordi cera un tempo a canale 21 un giornalista che si chiamava Angelo Manna che usava dire in Napoletano: è cos se fanno o pè nà raputa e cascia o per nà rapute e coscia, tradotto: le cose si fanno o per un'apertura di cassa o per un'apertura di gambe.

:maligno:e poi mi sono scocciato di combattere contro i mulini a vento.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
A questo punto stiamo parlando di criminalità organizzata. In linea di principio sarei per la difesa della legittimità a prescindere, però confesso che avrei difficoltà ad affrontare il problema frontalmente, sapendo che la mia presa di posizione potrebbe arrecare ripercussioni sui miei cari. Purtroppo lo Stato, per quanto cerchi di contrastare i fenomeni criminosi, è ben lungi dal prendere le redini in certi contesti. Certamente il crimine è come una piovra, in certe parti d'Italia dovrebbe intervenire con maggiore vigore e senza cedere a compromessi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Ripeto, non è un problema che conosco direttamente, grazie a Dio! Però il popolo potrebbe unirsi, alzare la testa e ribellarsi, chiedendo il supporto delle istituzioni. Chi legge potrà dire che è facile ragionare dall'esterno: le rivoluzioni si fanno partendo dal basso, con l'appoggio di chi ha a cuore la libertà!
 

Ricordo73

Membro Junior
Proprietario Casa
Buongiorno, sono stato presso l'ufficio tecnico che mi ha confermato l'esistenza del vincolo paesaggistico archeologico per MT 100 dalla strada. L'unica soluzione che hanno rappresentato consisterebbe nel fare una "cila per manutenzione straordinaria", dichiarando che la tettoia esiste da molti anni. Effettivamente i precedenti proprietari la fecero negli anni 80, ma questa soluzione della cila non mi convince molto. Sarei esposto a eventuali esposti da parte di chiunque.
Altra soluzione sarebbe di buttarla giù e rifarla ex novo tramite permesso, con dispendio di tempo e denaro.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Buongiorno, sono stato presso l'ufficio tecnico che mi ha confermato l'esistenza del vincolo paesaggistico archeologico per MT 100 dalla strada. L'unica soluzione che hanno rappresentato consisterebbe nel fare una "cila per manutenzione straordinaria", dichiarando che la tettoia esiste da molti anni. Effettivamente i precedenti proprietari la fecero negli anni 80, ma questa soluzione della cila non mi convince molto.
Ma se l'ufficio tecnico ti ha consigliato di seguire quel percorso, una volta avuto l'assenso, nessuno te lo potrà contestare perché risulterà autorizzato.
 

Ricordo73

Membro Junior
Proprietario Casa
Ma se l'ufficio tecnico ti ha consigliato di seguire quel percorso, una volta avuto l'assenso, nessuno te lo potrà contestare perché risulterà autorizzato.
buongiorno Gianco e grazie.
Il fatto è che non sappiamo esattamente l'hanno di realizzazione (anni 80...), quindi dovremo indicare una data fittizia... Mi chiedevo se dichiarare qualcosa che non corrisponde ufficialmente da nessuna parte poteva essere oggetto di eventuali segnalazioni da parte di terzi che magari (ad oggi non lo hanno mai fatto) potrebbero contestare questa tettoia, che da PRG dovrebbe stare a mt 5 dal confine, in realtà a circa mt 2,5. Mai avuto contestazioni in merito ad oggi, ma bisogna anche considerare tali aspetti. Noi stiamo cercando di regolarizzarla perché non ci piace avere cose abusive nel terreno.
 

griz

Membro Storico
Professionista
leggendo gli ultimi sviluppi metterei l'accento sui particolari: l'UT comunale è aperto a interpretazioni e questo è bene, la tettoia esiste da tempo, anni '80 lo dici tu ma se dichiarassi anni '50 probabilmente nessuno potrebbe asserire il contrario, del resto tu l'hai trovata (e questo giuridicamente potrebbe risultare un problema), non ricordo se è presente al catasto, rimane che non è sanabile anche solo per la distanza dal confine, se invece esistesse da sempre... . Immagino che esista un rilievo aerofotogrammetrico, da qui potresti vedere se è visibie e così dimostrarne l'esistenza oltre ogni dubbio al momento del rilievo (il tecnico comunale non ci ha pensato?), se non ci fosse starei attento in quanto se un vicino obiettasse saresti nei guai. Tieni presente che ti fa onore il voler essere in regola ma se ti esponi ancora devi farlo a botta sicura mentre se lasci tutto com'è, potenzialmente potrebbe stare così per sempre e ti porrai il problema in caso dovessi vendere quando potresti demolirla e risolvere
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Comunque se esiste da oltre vent'anni nei confronti del confinante è importante che rispetti almeno il m 1,5, salvo il vincolo imposto piano urbanistico comunale dal momento in cui è stato adottato.
 

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
Bravo Griz vai su google maps attiva
Street View
e scegli l'anno quando più indietro ti fa andare cosi potrai vedere la foto dal satellite, io ho trovato una foto del mio giardino quando avevo montato un gazebo che misurava 3x3 e si vedeva benissimo
 

Ricordo73

Membro Junior
Proprietario Casa
leggendo gli ultimi sviluppi metterei l'accento sui particolari: l'UT comunale è aperto a interpretazioni e questo è bene, la tettoia esiste da tempo, anni '80 lo dici tu ma se dichiarassi anni '50 probabilmente nessuno potrebbe asserire il contrario, del resto tu l'hai trovata (e questo giuridicamente potrebbe risultare un problema), non ricordo se è presente al catasto, rimane che non è sanabile anche solo per la distanza dal confine, se invece esistesse da sempre... . Immagino che esista un rilievo aerofotogrammetrico, da qui potresti vedere se è visibie e così dimostrarne l'esistenza oltre ogni dubbio al momento del rilievo (il tecnico comunale non ci ha pensato?), se non ci fosse starei attento in quanto se un vicino obiettasse saresti nei guai. Tieni presente che ti fa onore il voler essere in regola ma se ti esponi ancora devi farlo a botta sicura mentre se lasci tutto com'è, potenzialmente potrebbe stare così per sempre e ti porrai il problema in caso dovessi vendere quando potresti demolirla e risolvere
buongiorno griz, nessuno mi ha parlato di rilievo aerofotogrammetrico e l'attuale confinante non ha mai avanzato contestazioni. Però concordo con te per quanto riguarda il resto, perchè alla fine si tratterebbe di dichiarare qualcosa di non riscontrabile. Pertanto tale procedura non mi convince. L'alternativa sarebbe rifarla ex novo, cioè buttarla giù chiedere il permesso e procedere. Forse è la cosa migliore.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Il peggior difetto di chi si crede furbo è quello di pensare che gli altri siano stupidi
Buona sera... Una domanda.. Il confine per delineare una proprietà si prende dal muro di confine o dal paletto della rete?
Alto