• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

stemav

Membro Attivo
In realtà lo Stato ha il diritto di rifiutare immobili che necessitano di ristrutturazioni pesanti o di bonifiche di qualsiasi genere. Tra le tante controparti, lo Stato è decisamente la più difficile a cui passare un immobile. Anche perché le persone fisiche, per quanto detto sinora, sono costrette ad accettare l'espansione proporzionale della loro quota, a prescindere o meno dalla necessità di fare pesanti ristrutturazioni sull'immobile.
Quello che scrivi è vero, ma credo che il problema per chi è unico proprietario si presenti ancora prima: il notaio non accetta di fare un atto di rinuncia a favore dello Stato.
È critica la situazione dell'inquilina di uva, mi diceva il notaio che spesso le case non vengono accettate nemmeno se regalate con atto a carico del venditore. In ogni caso, se possibile, dovrebbero intervenire da subito (con vendita o donazione), prima che passi in eredità perché altrimenti, prima di poter fare qualunque cosa con quell'immobile, oltre al costo della successione ci sarà anche da dover pagare la trascrizione dell'accettazione tacita dell'eredità, un delirio di tasse insomma.
 

stemav

Membro Attivo
Intanto, accedendo all'area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate, posso fare l'ispezione ipotecaria dell'immobile oggetto del thread, essendo ancora presente tra gli intestatari al Catasto, e vedo che è stata trascritta la rinuncia "contro" di me (ho scaricato titolo e note), quindi ufficialmente non sono più proprietario dell'immobile. Rimane da sistemare il Catasto, ma penso che quello sia il meno. Per ora ho fatto richiesta tramite i servizi del sito dell'Agenzia delle Entrate.
Gli altri comproprietari sono comunque stati messi al corrente della rinuncia.
D'altronde se fosse stata necessaria la loro accettazione, quale differenza ci sarebbe tra rinuncia e donazione? Eppure sono due atti diversi.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
D'altronde se fosse stata necessaria la loro accettazione, quale differenza ci sarebbe tra rinuncia e donazione? Eppure sono due atti diversi.
La donazione necessita della della presenza e firma delle parti: donante e donatario. Con la rinunzia è necessaria la sola presenza del rinunziante.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
La donazione necessita della della presenza e firma delle parti: donante e donatario
La presenza del donatario non è necessariamente richiesta alla stipula del contratto di donazione.
Dato che l'accettazione può essere fatta nell'atto stesso o con atto pubblico posteriore. In questo caso la donazione non è perfetta se non dal momento in cui l'atto di accettazione è notificato al donante.
Prima che la donazione sia perfetta, tanto il donante quanto il donatario possono
revocare la loro dichiarazione.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
D'altronde se fosse stata necessaria la loro accettazione, quale differenza ci sarebbe tra rinuncia e donazione?
direi che vi è anche una differenza di natura economica
eviti i quesiti del #90
dovresti chiarirli .....

Rimane da sistemare il Catasto, ...... Per ora ho fatto richiesta tramite i servizi del sito dell'Agenzia delle Entrate.
occorre presentare una voltura non una richiesta
 

stemav

Membro Attivo
direi che vi è anche una differenza di natura economica
eviti i quesiti del #90
dovresti chiarirli .....
Cos'è che non ho chiarito? Ho già scritto che gli altri sono stati messi al corrente della rinuncia. E per l'ennesima volta ribadiamo che non è necessaria l'accettazione.

occorre presentare una voltura non una richiesta
Infatti mi hanno già risposto (sono stati veloci) dicendomi di inviare la voltura che, come ha già scritto Nemesis, va fatta su modulo cartaceo a cui applicare marca da bollo e pagare altri tributi (è un continuo sborsare). Non mi è chiaro se poi posso scansionare e inviare tramite PEC questo modulo compilato o se va inviato per raccomandata (data la distanza tra comuni). Ho comunque già scritto all'Agenzia delle Entrate di quel comune per chiedere chiarimenti.
Suppongo, comunque, che la voltura sia proprio indispensabile, non posso esimermi, vero? Se solo se ne fosse occupata la Conservatoria!
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Suppongo, comunque, che la voltura sia proprio indispensabile, non posso esimermi, vero? Se solo se ne fosse occupata la Conservatoria!
Io gestirei questa pratica ora che sei fresco di atto notarile e ora che non hanno fatto in tempo a sanzionarti per l'IMU (che NON devi pagare, ma loro ancora non lo sanno).
 

stemav

Membro Attivo
Corretto. Ma io vorrei appunto evitare che il postante debba opporsi a chiunque, perché è comunque una perdita di tempo. La voltura la farei fare, insomma.
Certo, mi tocca farla.
Il comune l'ho avvisato per email dicendo che da ora in poi non devo più l'IMU, attendo risposta, altrimenti mando PEC. Ma credo che basti parlare chiarendo come stanno le cose e loro non invieranno ingiunzioni di pagamento non dovuto.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Ma credo che basti parlare chiarendo come stanno le cose
Io mi auguro tu stia scherzando. Credi che basti parlare... con l'ufficio relazioni con il pubblico del Comune??? VERBA VOLANT, SCRIPTA MANENT! E oggi il proverbio si dovrebbe evolvere. VERBA VOLANT, SCRIPTA MANENT, PEC MEGLIOANCORAS.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

stemav

Membro Attivo
E' stato ribadito più volte, cosa hai pagato?
Il solo tuo atto di rinuncia e relativa trascrizione oppure ANCHE l'accrescimento e relative trascrizioni
L'atto e la trascrizione. Poi la Conservatoria avrebbe potuto provvedere a fare la voltura automatica dato che la Conservatoria di un altro comune, mi ha detto il notaio, lo aveva fatto per un altro atto di rinuncia.
Intanto mi ha risposto l'Agenzia delle Entrate che si occupa del comune in questione inviandomi il manuale di istruzioni per compilare la voltura, dicendo di allegarla come file tramite PEC e restando a disposizione per ulteriori chiarimenti.
 

stemav

Membro Attivo
Vi aggiorno sulle ultime novità.
Ho inviato autonomamente la domanda di voltura catastale (anche se spingevate per contattare un geometra).
Ho compilato il modello cartaceo, firmato digitalmente e inviato tramite PEC seguendo le istruzioni che i gentilissimi dipendenti dell'Agenzia delle Entrate che si occupa del comune in questione mi hanno inviato in un paio di scambi di email.
A differenza di quanto diceva Nemesis, nella domanda di voltura non bisogna indicare chi rinuncia con la dicitura "intestazione da eliminare per rinuncia" ma bisogna indicare coloro che rimangono con il ricalcolo delle quote, ricalcolo che mi hanno gentilmente effettuato gli impiegati e inviato per email prima di inviare la domanda. Sono davvero soddisfatto e piacevolmente sorpreso di questa gestione. La voltura è stata portata compimento.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Ottimo. Quindi adesso sembra tutto a posto, dico bene?
Sono felice che questa faccenda si sia conclusa con esito positivo.
Non vorrei dire, ma mi sa che sei uno dei pochissimi fortunati, in Italia, ad aver trovato un notaio che accetta di redigere l'atto di rinuncia alla proprietà!
Speriamo che questa tipologia di atti prenda piede, e che i notai smettano di averne paura.
 

stemav

Membro Attivo
Ottimo. Quindi adesso sembra tutto a posto, dico bene?
Sono felice che questa faccenda si sia conclusa con esito positivo.
Non vorrei dire, ma mi sa che sei uno dei pochissimi fortunati, in Italia, ad aver trovato un notaio che accetta di redigere l'atto di rinuncia alla proprietà!
Speriamo che questa tipologia di atti prenda piede, e che i notai smettano di averne paura.
Sembrerebbe tutto a posto ora, speriamo!
E speriamo anche che questo tipo di atto non scandalizzi più nessuno 🙂
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto