1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,scrivo la mia esperienza per avere qualche consiglio da chi come me ha vissuto un esperienza simile alla mia, ma sopratutto da chi la pensa diversamente da me.
    Comincio col dire che circa 44 anni fa, a mio padre la I.A.C.P di Catania ha assegnato un appartamento a mio padre, la famiglia era composta da 5 figli, passando gli anni i miei fratelli lasciarono la casa di mio padre per formarsi una famiglia,l'unico a rimanere a casa con i miei, sono io,da almeno 25 anni ho vissuto solo con i miei genitori.
    Circa 10 anni fa, la I.A.C.P ha invitato gli inquilini delle case popolari a presentarsi presso i loro uffici, per procedere alle pratiche per il riscatto.
    Secondo la volontà dei miei genitori,dato che non avevo un lavoro e non avevo un tetto,e a detta dell'istituto avevo tutto il diritto di poterla riscattare io come potenziale inquilino,mio padre mi ha ceduto il privilegio di poterla riscattare, mantenendo tuttavia, il diritto usufruttuario ai miei genitori, e io godere del diritto della nuda proprietà ,tutto ciò fu accordato in passato dai miei genitori in vista del fatto che i miei fratelli comunque avevano una casa loro di proprietà e un lavoro per mantenere la famiglia, l'unico ad essere disoccupato e con a carico tre figli ero io.
    Bene cercando di concludere, in sintesi alla luce di quanto detto,oggi i miei fratelli hanno rivendicato il diritto di "comproprietà" della casa che ho riscattato anni fa, perché oggi mia moglie e' stata assunta alla regione Sicilia e le condizioni economiche familiari sono cambiate in meglio.
    Mi spiego meglio, dopo aver accettato , e sempre saputo,il fatto che ai tempi l'avrei riscattata io,oggi rivendicano il fatto che sarebbero potuti essere coeredi ,se ai tempi, fosse stato mio padre ad acquistare, (ovviamente parliamo di una cifra irrisoria circa 22,000 euro,) quindi vi lascio immaginare il valore commerciale di una casa popolare anche fra anni, e dato che le mie condizioni economiche sono cambiate, vorrebbero che io dopo 7 anni, rifacessi il contratto, facendo rientrare anche loro.
    Da mesi i miei fratelli non fanno più visita ai miei genitori che fra l'altro sono molto anziani, ne a me..
    Criticato da molti,loro conoscenti, e accusato di essere stato egoista..signori vi chiedo un vostro parere alla luce di quanto vi ho raccontato,esprimete un vostro giudizio..io non ho sentito di essere nel torto..perchè mi son trovato davvero nel bisogno, e sopratutto ai tempi nessuno mi accusò, nessuno mosse un dito,oggi mi incolpando egoismo.
    Io ho solo acquistato una casa di cui l'istituto mi riconobbe il diritto di acquisto.
    Alla I.A.C.P ai tempi fu fatta anche la domanda se ci voleva una firma dei fratelli per concordare l'acquisto, ma risposero che non solo non era previsto, ma nemmeno venivano riconosciuti perché di fatto avevano lasciato l'abitazione da decenni.
    Nel ringraziarvi anticipatamente, vi chiedo di esprimere un vostro parere,perché mi stanno portando al punto di farmi sentire in colpa e stare male.
    Grazie.
    Francomario.
     
  2. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    La risposta te l'aveva già data lo I.A.C.P.'
    I tuoi fratelli chiedono solo...soldi, anche se legalmente non hanno alcun diritto.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  3. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Era stato offerto del denaro,10,000 euro ciascuno,ma l'hanno rifiutato, dicendo che fosse una miseria..perche sostengono che fra molti anni questa casa varrò molto di più
     
  4. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Fra molti anni potrebbe anche non esistere più o valere molto meno. La Sicilia è terra sismica, ricordi il 1908 ? Oppure a 20 metri da casa tua ci fan passare la ferrovia o una superstrada. naturalmente, nel tuo interesse, non te lo auguro.
    Meglio un uovo oggi o una gallina domani ?
    Che pretese, robe da matt !
     
  5. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    La cosa che mi fa stare male e mi da fastidio e' che a distanza di anni, durante i quali nessuno parlava ne reclamava nulla,adesso rivendicano il diritto ad una parte "equa"
    ripeto stiamo parlando di un abitazione popolare di circa 85mq sito in una zona fra l'altro nemmeno buona di Catania.
     
  6. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Alberto,ma tu personalmente come la pensi alla luce di quanto detto..ho aspetto questa discussione per confrontarmi col parere della gente dell'opinione pubblica.
    che sia a favore o a sfavore.
     
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Stai tranquillo, non mancheranno interventi molto più qualificati delle mie opinioni e con dovizie di riferimenti normativi e giurisprudenziali attinenti a casi analoghi a quello da te sottoposto.
     
  8. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    questo è assolutamente discutibile, che il valore di un'abitazione simile in futuro aumenti è un'ipotesi non molto verosimile, dipende da tantissime variabili, potrebbe anche scendere ( a parte i terremoti)
     
  9. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    l'IACP ti ha risposto già esaurientemente. L'unico ad avere il diritto di riscattare l'alloggio eri tu. O i tuoi genitori. Essi hanno lasciato a te tale facoltà e tu l'hai realizzata. Il resto sono gretti tentativi da parte dei tuoi fratelli di monetizzare un bene che non gli apparteneva. D'altra parte, scommetto che fuori la porta c'era sempre la fila dei tuoi fratelli per venirti a dare una mano "tangibilmente" quando ne avevi bisogno. Ora che le cose
    (per fortuna) ti stanno andando meglio......gli squali si avvicinano!
    Un vecchio adagio recita: i parenti sono come le scarpe. Più sono strette, più fanno male....
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    In considerazione di quello che ho evidenziato in neretto nella tua citazione i tuoi fratelli potrebbero chiedere la riduzione della eredità quando morirà tuo padre: perché se tu eri senza lavoro e non avevi un tetto ed avevi moglie e tre figli a carico dove hai preso i soldi per acquistare la casa? Non è che i soldi li ha anticipati tuo padre, sottraendoli così alla futura eredità di tutti? Questo probabilmente è quello che sostengono i tuoi fratelli. Visto che adesso le condizioni economiche sono cambiate restituisci con gli interessi a tuo padre i soldi che lui ha sborsato per acquistare l'appartamento ed intestarlo a te. In questo modo quando tuo padre morirà ci saranno dei soldi da dividere fra tutti gli eredi: moglie e figli (te compreso). Forse così le cose vanno a posto.
     
    Ultima modifica: 24 Agosto 2015
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Tu sei perfettamente in regola, non hai portato via niente a nessuno. E non dimentichiamo che tu hai acquistato la nuda proprietà dell'abitazione goduta dai tuoi genitore e dalla tua famiglia che era loro ospite. Se loro volessero tu e la tua famiglia dovreste abbandonare la casa perché il suo godimento è esclusivamente loro. Voi proprietari siete ospiti.
     
    A Francomario piace questo elemento.
  12. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Posso assicurarti che i soldi con cui e' stata acquistata la casa erano miei, del resto parliamo di una cifra irrisoria,e ripeto che i miei genitori volevano dare loro del denaro,ma lo hanno rifiutato..
     
  13. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    bene: se i soldi erano tuoi è tutto legale; i tuoi fratelli non possono accampare alcuna pretesa.
     
  14. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    le attuali quotazioni medie OMI (il mercato è in recessione e dipendono dalle zone censuarie) a Catania per case di edilizia popolare si aggirano comuque attorno a 1.000 €/mq diciamo che l' IACP le ha vendute al 50% del loro valore? (85 mq x 500 €/mq = 42.500 € .
    Hai scritto che all'epoca dei fatti eri disoccupato, senza un tetto, con tre figli a carico; visto che hai pagato tu la casa, eri un povero ricco, se disponevi di tale somma.
     
  15. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    si trattava di riscatto dopo un lunghissimo periodo di affitto, opzione prevista già nel contratto, probabilmente si è trattato di una cifra poco più che simbolica
     
    A Francomario piace questo elemento.
  16. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non dimentichiamo che il valore della nuda proprietà è in funzione dell'età degli usufruttuari. Per cui la cessione è stata probabilmente pagata da Francomario per la nuda proprietà e dai genitori per l'usufrutto.
     
    A Francomario piace questo elemento.
  17. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Per disoccupato intedevo, non avere un lavoro stabile,ho sempre fatto lavori saltuari e comunque in nero,ho sempre cercato di metter da parte qualcosa,non ho mai avuto la possibilità di farmi fare un mutuo per acquistare una casa..loro grazie a Dio hanno una casa di proprietà ,e un lavoro stabile e sicuro.. che li garantisce di una pensione dignitosa, uno di loro ha anche villetta al mare, più' tre lavori..e un giorno godrà anche dell' eredità da parte della moglie..insomma i loro figli saranno super cautelati..
    La mia rabbia nasce per il fatto che in tutto questo l'avidità la fa da padrona, mandando a quel paese valori come la "famiglia" e senso di umanità verso il proprio sangue, non salutando più, non facendo più una chiamata, non facendo più una visita ai genitori che fra l'altro anziani e malati.
    I miei genitori hanno sempre aiutato ognuno di noi in modi diversi, sono sempre stati presenti per ogni bisogno che ognuno di noi poteva avere.
    Un altra cosa che mi fa rabbia è il fatto che, abitando sempre con i miei fin da piccolo,i miei hanno sempre detto che mi avrebbero lasciato a me il privilegio di riscattare la casa e che loro avrebbero dato una piccola parte ciascuno, loro hanno sempre taciuto e accettato ciò..oggi a distanza di anni..reclamano questo diritto, e vorrebbero che rivedessi il contratto affinché loro entrassero in parte.
     
  18. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Si dopo circa 37 anni di affitti, comunque bassi.
     
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se i tuoi genitori sono anziani probabilmente loro usufruiscono della tua presenza che oltre ad essere d'aiuto è poter contare su una persona di fiducia in caso di necessità. Ci sono delle persone che si rendono disponibili per fare compagnia a degli anziani sovente in cambio dell'abitazione.
     
    A Francomario piace questo elemento.
  20. Francomario

    Francomario Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Mi occupo di loro per i bisogni quotidiani,e per quello di cui necessitano, e' pur vero che prima che i rapporti si inclinassero con i miei fratelli,partecipavano anche loro..ma anche e sopratutto per un discorso affettivo che credo sia normale, ma chi si sobbarcava e lo fa tuttora, ogni difficoltà 24 su 24 quello sono io, e credetemi, non e' facile gestire i genitori quando si fanno anziani, specie quando incomincia ad insorgere la demenza senile,solo l'amore figlio-padre-madre può renderlo possibile..i miei genitori saranno garantiti, e serviti a vita e a casa loro! e' il minimo che possa fare! ma ritengo che ciò dovrebbe avvenire naturalmente anche se non mi avessero aiutato,non voglio fare lo sdolcinato, ma se ricordo quando mio padre mi prendeva in braccio ogni qualvolta cadevo per terra e mi consolava per essermi sbucciato un ginocchio,o quando facevo i capricci e lui mi educava,oggi di fronte ad un suo capriccio o una sua stramberia,o un suo comportamento che comunque richiede attenzione,..non posso che sorridergli e sostenerlo ricordandomi di quanto importante sia stato, per la formazione dell'uomo che oggi sono.
     
    A Gianco piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina