• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Buongiorno, prossimamente dovrò ristrutturare la porzione di una bifamiliare degli anni 60. Si tratterà di una ristrutturazione totale con cambio pavimenti, cappotto, tetto, impianti, modifiche strutturali (per es. alzare una soletta per recuperare l'altezza della lavanderia che diventerà cucina), ecc..
Sto dando un'occhiata in giro per trovare un'impresa edile affidabile e capire come funziona la ristrutturazione.
Per es. non riesco a capire se serve geometra+impresa o anche +architetto?
E' giusto trovare un geometra indipendente o va bene affidarsi a quello proposto dall'impresa edile?
Avete magari bozze dei contratti che si stipulano con imprese che seguono ristrutturazione?
Potete darmi dei consigli/ suggerimenti in merito?
Grazie mille...
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Se parli di tetto e modifiche strutturali, ti serve per forza un tecnico: in genere un geometra può essere più economico di un tecnico laureato, ma per le modifiche strutturali un geometra probabilmente si dovrà appoggerà ad un ingegnere. Sul tetto ad esempio cosa intendi fare? Per tutto il resto il geometra potrà redigere un capitolato, un computo metrico e fare il D.Lavori.

Con quegli interventi dovrà verosimilmente, insieme alla CILA , approntare i vari documenti ed interventi richiesti (acustica, sicurezza, rettifiche catastali ecc)

Un architetto può essere utile se invece si tratta di elaborare una nuova suddivisione degli spazi interni: di solito hanno più fantasia. Tieni però presente che di solito sia per gli interventi strutturali che per le pratiche catastali, si rivolgeranno rispettivamente ad ingegnere e geometra. Dipende quindi dal tuo budget.

Io preferisco sempre un tecnico indipendente dalla impresa: semmai posso prendere in considerazione il contrario: una impresa suggerita dal tecnico, se l'offerta economica è interessante o alla pari. Se hanno già collaborato, potrebbero essere entrambi facilitati.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Si tratterà di una ristrutturazione totale
ti ci vorrà un progettista che rediga il progetto di tutti i lavori, ed un coordinatore per la sicurezza.Il progettista redigerà il capitolato lavori con il contratto da far firmare alla impresa che eseguirà i lavori. Poi il progettista ed il coordinatore per la sicurezza potranno essere incaricati uno come direttore dei lavori e l'altro coordinatore in fase di esecuzione dei lavori. Il progettista si incaricherà di presentare tutte le pratiche necessarie per l'esecuzione dei lavori.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Non tutti i professionisti sono abilitati anche per la sicurezza ed a volte chi è abilitato sceglie di non farla.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Sto dando un'occhiata in giro per trovare un'impresa edile affidabile e capire come funziona la ristrutturazione.
Per es. non riesco a capire se serve geometra+impresa o anche +architetto?
E' giusto trovare un geometra indipendente o va bene affidarsi a quello proposto dall'impresa edile?
Il tuo approccio è sbagliato .......il primo che dovresti interpellare è un tecnico:
un ingegnere oppure architetto visto che fai anche opere strutturali.

Il tecnico valuterà la fattibilità degli interventi o quali siano possibili da fare ......POI chiederai dei preventivi di impresa.
Il tecnic dev'essere quello tuo perché quello dell'impresa curerà gli interessi dell'impresa........il tuo cura i tuoi di interessi
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
sono un po' confuso, ci sono troppe figure: architetto, tecnico, geometra, ingegnere...
chi è che devo cercare?
 

moralista

Membro Senior
Professionista
se mi lasci un nr. telefonico lo dico io, non posso mettere il mio altrimenti verrei tacciato, dai media del forum
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
sono un po' confuso, ci sono troppe figure: architetto, tecnico, geometra, ingegnere...
chi è che devo cercare?
Chiedi u preventivo ad un geometra e ingegnere, comprensivo di tutte le competenze necessarie: saranno loro a coinvolgere ed includere nel preventivo le competenze accessorie necessarie (sicurezza, strutturista): poi scegli
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
sono un po' confuso, ci sono troppe figure: architetto, tecnico, geometra, ingegnere...
chi è che devo cercare?
in questa fattispecie con l'espressione tecnico ci si sta riferendo ad un professionista che opera nell'ambito edilizio, ossia:
> professionista tecnico laureato: ingegnere oppure architetto
va anche distinto che queste 2 figure possono avere laurea breve 3 anni oppure laurea di 5 amni (preferibile la laurea 5 anni)
> professionista diplomato (non laureato) : geometra
resta inteso che un professionista tecnico laureato avrà maggiore competenza di uno solo diplomato.
molto spesso per far meglio comprendere queste figure faccio l'esempio di un intervento in sala operatoria:
- il medico chirurgo equivale ad ingegnere e architetto con laurea di 5 anni
- l'infermiere equivale al geometra.

poi per essere attivi anche nell'ambito della sicurezza ci si deve abilitare a tale ambito frequentando formazione e corsi che la norma di settore prevede.
> abilitati nel settore della sicurezza possono essere tutte e 3 le su indicate figure, ossia:
si potrà abilitare alla sicurezza: l'ingegnere, l'architetto ed il geometra.
 
Ultima modifica:

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Grazie a tutti delle vostre risposte. Una domanda magari un po' fuori luogo. Sono un professionista nel regime forfettario e per l'anno prossimo ho la scelta di continuare a rimanere nel regime forfettario (ho requisiti: quest'anno raggiungo quasi il limite di fatturato, ma non lo supero) oppure di aderire al regime ordinario. Se rimango nel forfettario e faccio la ristrutturazione che costerà 100 mila euro non potrò detrarre nulla, mentre nell'ordinario potrò detrarre, però, come si sa, nell'ordinario si pagano più tasse. Cosa suggerireste: rimanere nel forfettario o passare all'ordinario? Grazie.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Marketing = tipo agente di commercio p simile ......allora e' come dicevi

Una domanda magari un po' fuori luogo.
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Marketing = tipo agente di commercio p simile ......allora e' come dicevi

Una domanda magari un po' fuori luogo.
purtroppo l'arte delle allusioni non è il mio forte. Se puoi esprimerti direttamente, mi fai un favore. Ripeto: non ha nessuna importanza in che settore lavoro. La mia domanda riguardava se ha senso cambiare regime da forfettario a ordinario per poter detrarre i costi della ristrutturazione in quanto nell'ordinario si può... mentre nel forfettario non si può... tutto qua
 

Deny

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Tornando al tema: qualcuno di voi ha per cortesia una bozza del contratto da stipulare con il geometra e quello da stipulare con l'impresa che farà la ristrutturazione? Grazie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto