• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

OresteGR

Membro Junior
Proprietario Casa
Per me ogni proprietario si dovrebbe chiedere se ha la possibilità di recuperare i mesi non pagati.



Se non c'è un garante e l'intestatario del contratto lavora per un attività fortemente colpita dalle restrizioni che potrebbe fallire cercherei di aiutare il piu possibile anche rischiando di perdere un paio di mensilità ( riducendo il canone per evitare almeno le tasse ) , fare uno sfratto in queste condizioni è quasi un suicidio perchè si deve aspettare luglio per avviare la pratica( niente vietà che se la pandemia non inizia a risolversi la data di fine giugno venga prorogata ) , poi c'è agosto in cui tutto è fermo a cui si sommano le tempistiche della burocrazia e la possibilità che tra 1 o 2 anni vengano recati danni all immobile, con un martello e 5€ di cemento se ne possono fare di decine di migliaia di euro. Credo sia importante cercare di far capire che la colpa della situazione non è tua e nonostante sei costretto a mandarlo via hai cercato di aiutarlo, forse qualcuno se ne approfitterà per 1 o 2 mesi ma questo non farà tardare l'avvio dello sfratto perchè lo farete partire appena sarà possibile.



Se invece hai buone possibilità di recuperare i soldi, ad esempio un immobile affittato ad una coppia in cui il marito non può lavorare ma la moglie ha un lavoro statale oppure c'è un garante la cosa cambia molto, il rischio di danni all immobile è ridotto e si può cercare di negoziare una rateizzazione o degli sconti minori.



Capisco che il governo deve aiutare a risolvere la situazione e la frustazione di non percepire dei redditi su cui si faceva affidamento ma il mio consiglio è che ognuno valuti attentamente ogni singolo affitto.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Coloro i quali prendono un appartamento in affitto, in genere sono persone che non hanno una situazione economica tranquilla e consolidata
Sì, "in genere" sì. Però se ci pensi un attimo, se tu avessi 10 milioni di euro da parte, potresti anche permetterti il lusso di stare continuamente in affitto, cambiando casa ogni volta che ti va, senza soffrirne economicamente: l'unico sbattimento è il trasloco, che credo non diverta nessuno (a parte chi offre il servizio a pagamento, ovviamente, ma mi sembra anche giusto).

Anche poter cambiare casa con leggerezza è un lusso.
Quindi esiste anche una casistica, ridotta quanto volete, di persone milionarie che non comprano proprio perché anche se gli chiedi 2000 euro al mese di affitto, ce li hanno, e non vogliono legarsi a una casa e, magari, a dei vicini sgraditi perché eccessivamente rumorosi nelle ore piccole.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Basterebbe dire "I canoni di locazione non percepiti nel 2020 non concorrono a formare reddito, sia che siano soggetti all'imposta cedolare secca che alla normale imposizione progressiva".
Sarebbe un'iniziativa giusta e gradita, ma temo non possa funzionare in modo così semplice.
Pensi che l'Agenzia delle Entrate si accontenterebbe di un'autocertificazione con la quale il locatore dichiara di non aver percepito i canoni?
Come evitare che vi siano locatori che dichiarano il falso? Ossia incassano gli affitti in contanti e poi dichiarano di non averli percepiti per non pagare le relative imposte.

Con lo sfratto per morosità il mancato incasso è avvalorato dal giudice che convalida lo sfratto.

Nel caso proposto da te, chi e in quale modo accerta e convalida l'effettivo mancato incasso dei canoni di locazione?
Forse occorrerebbe un decreto ingiuntivo esecutivo. Procedura costosa che comunque richiede un certo tempo (richiesta al tribunale, eventuale opposizione da parte dell'inquilino debitore, ecc).
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Sì, "in genere" sì. Però se ci pensi un attimo, se tu avessi 10 milioni di euro da parte, potresti anche permetterti il lusso di stare continuamente in affitto, cambiando casa ogni volta che ti va, senza soffrirne economicamente: l'unico sbattimento è il trasloco, che credo non diverta nessuno (a parte chi offre il servizio a pagamento, ovviamente, ma mi sembra anche giusto).

Anche poter cambiare casa con leggerezza è un lusso.
Quindi esiste anche una casistica, ridotta quanto volete, di persone milionarie che non comprano proprio perché anche se gli chiedi 2000 euro al mese di affitto, ce li hanno, e non vogliono legarsi a una casa e, magari, a dei vicini sgraditi perché eccessivamente rumorosi nelle ore piccole.
Certo, ci sono anche questi, ma non sono quelli messi in difficoltà dal corona-virus e che non pagano l'affitto a causa della perdita di lavoro.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
Sarebbe un'iniziativa giusta e gradita, ma temo non possa funzionare in modo così semplice.
Pensi che l'Agenzia delle Entrate si accontenterebbe di un'autocertificazione con la quale il locatore dichiara di non aver percepito i canoni?
Come evitare che vi siano locatori che dichiarano il falso? Ossia incassano gli affitti in contanti e poi dichiarano di non averli percepiti per non pagare le relative imposte.
Autocertificazione congiunta del conduttore e del locatore da recapitare all'Agenzia delle Entrate.
Un po' come si fa adesso con il modulo per uscire di casa. I controlli ovviamente sarebbero demandati (a campione) alla GdF ed all'Agenzia delle Entrate. Un po' come accade per la richiesta di contributi per la scuola ecc... Si auto certifica e poi, se non è vero e si viene pizzicati, denuncia penale e sanzioni.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Certo, ci sono anche questi, ma non sono quelli messi in difficoltà dal corona-virus e che non pagano l'affitto a causa della perdita di lavoro.
Ti garantisco che conosco personaggi che hanno un'agenzia di assicurazioni (e quindi capisci bene che i soldi non mancano loro!), e ciononostante non pagano il condominio dicendo che non hanno i soldi. E la fanno franca. Purtroppo c'è anche un'altra regola non scritta: i soldi, chi più ne ha, più ne vuole.
Approfittando del fatto che molta gente e' realmente in difficolta', molti fingono di esserlo. Valgano come esempio le numerose richieste degli studenti di non pagare l'affitto né a marzo né ad aprile, senza legale e valido motivo.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Autocertificazione congiunta del conduttore e del locatore da recapitare all'Agenzia delle Entrate.
Sì, sarebbe una buona idea.

Per ora mi sembra opportuno che locatore e conduttore stipulino e registrino all'Agenzia delle Entrate un accordo riduzione canone.
Se il conduttore è in gravi difficoltà economiche (e lo può dimostrare: licenziamento, cassa integrazione, ecc.) il canone può essere ridotto anche di molto, quasi azzerato.

Se tutto è scritto e firmato (richiesta motivata e documentata del conduttore e risposta del locatore) penso che l'Agenzia delle Entrate non possa che prenderne atto.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Se tutto è scritto e firmato (richiesta motivata e documentata del conduttore e risposta del locatore) penso che l'Agenzia delle Entrate non possa che prenderne atto.
Vedrai che, a brevissimo l'Agenzia delle Entrate chiederà al conduttore di dimostrare le gravi difficoltà economiche non solo tramite la dimostrazione del licenziamento / cassa integrazione, ma anche esibendo l'ISEE, che tiene conto anche di depositi bancari e postali, nonché di proprietà immobiliari.

Vale a dire che se io perdo il lavoro ma ho 1 milione di euro da parte nel conto corrente postale, non sono in gravi difficoltà economiche.
 

OresteGR

Membro Junior
Proprietario Casa
Qualcosa per semplificare questo problema devono farlo, ovviamente ci sarà qualcuno che se ne approfitta ma anche loro devono capire che la cosa piu importante è non bloccare l'economia italiana.
In altre parti del mondo invieranno soldi direttamente nei conti correnti quindi non credo sia impossibile accettare un autocertificazione, probabilmente aumenteranno il periodo per fare accertamenti, come se non sbaglio hanno gia fatto di 2 anni.
 

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
In ordine agli accordi di riduzione del canone ho inoltrato una richiesta all'Agenzia delle Entrate e ho ricevuto questa risposta, che può essere utile.


Testo richiesta informazioni:
A breve, visto il periodo emergenziale, si avrà necessità di presentare accordi di riduzione di canone su contratti esistenti. Dato che l'attuale procedura prevede unicamente la modalità cartacea con modello 69 è possibile ipotizzare che venga concessa la possibilità di presentazione telematica, anche al fine di evitare code o assembramenti presso gli uffici, non ideali sia per i contribuenti che gli incaricati dell'Agenzia ?


Testo risposta
Gentile contribuente,
le confermo che non è prevista una procedura di invio telematico del modello 69 con l’accordo di riduzione del canone su contratti esistenti. Le ricordiamo che, in relazione all’emergenza sanitaria derivante dalla diffusione del Covid-19 e a seguito dell'emanazione del DPCM del 9 marzo 2020, l’Agenzia con il comunicato stampa del 10/03/2020 ha chiarito che a partire da tale data è possibile utilizzare la posta elettronica certificata (gli indirizzi sono riportati sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it, nell’area nazionale e in quelle regionali) per la presentazione di documenti che saranno lavorati in back- office.
Sarà possibile comunicare con gli uffici utilizzando gli altri canali di comunicazione come Civis, posta elettronica non certificata e telefono, secondo le modalità descritte sul sito Internet dell’Agenzia.
Per i servizi di assistenza di carattere generale può contattare il numero verde 800.90.96.96, da telefono fisso, o il numero 06/96.66.89.07 da cellulare.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Sarà possibile comunicare con gli uffici utilizzando gli altri canali di comunicazione come Civis, posta elettronica non certificata
Quindi anche il privato cittadino che non ha la pec può inviare all'Agenzia delle Entrate la scansione dell'accordo riduzione canone, come allegato di una semplice mail.
Presumo riceva risposta con gli estremi di registrazione.

Grazie dell'info @Tapinaz , molto utile!
 

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
Quindi anche il privato cittadino che non ha la pec può inviare all'Agenzia delle Entrate la scansione dell'accordo riduzione canone, come allegato di una semplice mail.
Presumo riceva risposta con gli estremi di registrazione.

Grazie dell'info @Tapinaz , molto utile!
ho il tuo stesso dubbio, telefonicamente è quasi impossibile prendere contatto, però con la mail ti rispondono.
Se hai le credenziali di accesso personale e dirette al sito dell'Agenzia puoi esporre anche una tua domanda, seguendo questo percorso:

Assistenza Tecnica e Fiscale → Web mail → Inserimento nuova richiesta di assistenza → sel. argomento → Imp. Indirette → (sottoargomento) Contratti di locazione
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Se per caso un proprietario, persona anziana, non ha la pec, può farlo un'altra persona per suo conto?
Ne dubito fortemente. Se la persona anziana non ha la P.E.C., tra l'altro, non puo' nemmeno conferire delega telematica da P.E.C. a P.E.C.

Comunque una P.E.C. "base" costa tipo 5,00 € + IVA/anno. Al rinnovo 7,90 € + IVA/anno

Non stiamo parlando di canoni onerosi.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Per la presentazione di documenti che saranno lavorati in back- office bisogna utilizzare la posta elettronica certificata.
Se il cittadino non ha la pec, secondo te può inviare la pratica cartacea tramite raccomandata postale (eventualmente con a.r.)?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Testo risposta
Gentile contribuente,
le confermo che non è prevista una procedura di invio telematico del modello 69 con l’accordo di riduzione del canone su contratti esistenti.
l’Agenzia con il comunicato stampa del 10/03/2020 ha chiarito che a partire da tale data è possibile utilizzare la posta elettronica certificata (gli indirizzi sono riportati sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it, nell’area nazionale e in quelle regionali) per la presentazione di documenti che saranno lavorati in back- office.
.... speriamo di intenderla bene. Perchè la prima affermazione smentisce la seconda (o viceversa)
Sarà possibile comunicare con gli uffici utilizzando gli altri canali di comunicazione come Civis, posta elettronica non certificata e telefono, secondo le modalità descritte sul sito Internet dell’Agenzia.
Così come, secondo Nemesis, il terzo capoverso è smentito dal secondo....
No. Per la presentazione di documenti che saranno lavorati in back- office bisogna utilizzare la posta elettronica certificata.
Dirla in modo più semplice e chiaro, .... no èh!

p.s.: fuor di procedura, già in passato ho avuto modo di sperimentare una certa flessibilità , al riguardo, da parte degli uffici: ma rimaneva a discrezione della/o destinataria/o
 

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
@basty concordo con te
adesso in Lombardia sono anche tutti chiusi... ma se devo essere sincero ho voglia zero di andare, anche con delega, in un ufficio dell'Agenzia per un bel po'.
Alla riapertura per questo e tanti altri motivi ci sarà sicuramente un assembramento peggio che nei supermercati.
Spero nella loro flessibilità.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Perchè la prima affermazione smentisce la seconda (o viceversa)
Non capisco la tua osservazione, @basty

E' chiaro (da ciò che ho capito) che:
1) Il mod. 69 NON si può presentare telematicamente tramite Fisconline (questo già lo sapevo);
2) Il mod. 69 si può presentare inviando una pec.

Secondo te cosa smentisce cosa?!?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

oggi mi stò dando del pirla:rabbia:
Danhgianhacai.com là trang web tổng hợp toàn bộ thông tin các nhà cái uy tín hàng đầu hiện nay. Những chương trình khuyến mãi, thứ hạng nhà cái thay đổi được cập nhật liên tục.
Xem từ thông tin:
Profil: Danhgianhacai - U-Labs Community
danhgianhacai
Alto