1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tanks

    tanks Ospite

    Siamo tre eredi in parti uguali di un appartamento del valore commerciale di €. 125.000
    Uno dei tre lo usa come studio professionale e dice che aveva con il defunto proprietario (nostro padre), un comodato gratuito di affitto verbale (quindi non registrato).
    L’alloggio è accatastato come tale e non come studio professionale
    Di affitto non se ne parla e su richiesta non mi ha prodotto la certificazione degli impoianti, quindi dovrò rivolgermi ad un avvocato per forza.
    Vuole sciogliere la comunione ereditaria e si è fatto preparare una perizia giurata che l’appartamento non vale più di € 110.000 per comprarlo lui.
    Se trovo un acquirente che offre più di € 110.000 e dovesse rifiutare l’offerta, in fase di giudizio il giudice assegnerà l’alloggio al mio compratore?
    Grazie e saluti
     
  2. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Se nell'eredità vi è un solo immobile non divisibile come nel caso in specie , esso deve preferibilmente essere ricompreso per intero (previo eventuale conguaglio) nella porzione spettante al coerede avente diritto alla quota maggiore . Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all'incanto, previo ricorso al Tribunale competente (articolo 720 del codice civile)
     
  3. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    PS: Relativamente al contratto comodato in corso:
    La questione è controversa : secondo una parte della giurisprudenza la morte del comodante determina la possibilità degli eredi di pretendere la risoluzione del contratto di comodato frutto di un rapporto personale venuto meno ( Cass. 24-9-79 n. 4920; Cass. 19-4-91 n. 4258); altra giurisprudenza indica l'accordo di natura obbligatoria e come tale gli eredi sono tenuti a rispettare le volontà del comodante e subentrare nelle obbligazioni del defunto (in questo senso, Cass. 17-6-80 n. 3834 e Cass. 20-3-76 n. 1018).
    Pertanto aderendo alla posizione piu' sfavorevole prima di stabilire il da farsi occorre entrare nel merito del contratto in corso: è autentico? ha una scadenza o è stato stipulato a tempo indeterminato?
     
  4. tanks

    tanks Ospite

    Come ho specificato, l'appartamento è suddiviso in parti uguali, in questo caso 1/3 per 3.
    La domanda era, in caso di scioglimento della comunione, se uno dei tre lo vuole comprare a € 110.000 come da perizia giurata che si è procurata e io trovassi un acquirente esterno che offre più di questa cifra, il giudice assegna l'immobile a quest'ultimo?
     
  5. tanks

    tanks Ospite

    Relativamente al comodato di affitto gratuito ho specificato che era verbale, quindi non esiste nulla di scritto.
     
  6. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Punto primo :Il contratto di comodato, secondo il codice civile, non richiede la forma scritta per esistere: può essere anche verbale.Può quindi essere validamente comprovato anche dalla residenza anagrafica, intestazione utenze luce - acqua - gas - telefono - rifiuti solidi urbani. Pertanto che sia solo verbale non significa inesistente visto che puo' essere provato con altri mezzi di prova

    Punto secondo: La risposta (inviata cosi' articolata perchè cogliere l'occasione per fare un pò di informazione generale per gli altri lettori non guasta) già in se' contiene deduttivamente la risposta al suo quesito : Se c'è accordo vale ogni sistema anche quello da Lei o da suo fratello auspicato ; se a uno qualsiasi dei tre non andasse bene la valutazione di una parte per quanto sensata , occorre adire la magistratura. Il magistrato disporrà lui una perizia indipendente sulla base della quale potrà indire l'incanto al quale potrà concorrere chiunque
     
  7. tanks

    tanks Ospite

    La ringrazio per le risposte chiare e specifiche.
    A questo punto che possibiltà ho di mandarla via dall'immobile visto che è accatastato come appartamento e non studio professionale? Sicuramente anche l'impianto dei condizionatori non è a norma ( che se esistenti in uffici qui è prevista la conduzione come per la caldaia dei termosifoni) ed è morosa dalla data di successione 25/02/2010?
    La ringrazio anticipatamente e auguri a Lei e a tutti gli iscritti
     
  8. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Mia opinione: tre ipotesi
    1-Conciliazione presso la camera di commercio (poco costosa e rapida. Basta andare alla CCIIAA, danno tutte le informazioni e la modulistica)
    2-Faccia fare anche Lei una valutazione da un amico e tratti sul prezzo (sempre che le vada bene di vendere la sua quota) ; sulla base di quella stima tenti una transazione
    3-Se con le buone non ci cava nulla , consulti un legale con il mandato di liberare l'immobile. Di fronte alla lettera del legale dovrà ben reagire

    Il fatto che la persona in questione abbia destinato ad ufficio un' abitazione e che non ci siano le certificazioni non paiono a mio parere elementi rilevanti al suo scopo
     
  9. giovannapini

    giovannapini Nuovo Iscritto

    Non sono un avvocato ma faccia una azione per interrompere l'usocapione. Si consigli con un avvocato!
     
  10. tanks

    tanks Ospite

    Per fortuna l'usocapione in questo caso non è previsto dalla legge e per quanto riguarda l'avvocato e come se ci sono andato!
    Saluti
     
  11. smoker

    smoker Membro Attivo

    No, non si può fare come hai descritto, perchè tu puoi disporre solamente della tua quota ereditaria. Cosa vorresti promettere in vendita un bene che non è tuo? No. Nel caso di divisione giudiziale la procedura sarà differente. In ogni caso se tu volessi vendere la tua quota gli altri eredi avrebbero il diritto di prelazione sulla stessa.
    In pratica, solo per € 5.000,00 pro quota di differenza tra la tua stima e quella di tuo fratello vuoi sollevare un polverone in Tribunale. Se va bene con € 5.000,00 pagate solamente il CTU.
    saluti

    Smoker
     
  12. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    Gentile Thanks tienici aggiornato dell'evoluzione a benefico ed arricchimento conoscitivo mio e di tutti i lettori. GRAZIE
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina