• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
Un automobilista che era incorso in un incidente stradale impegnando un incrocio senza rispettare il segnale di dare precedenza, riconosciuto responsabile al 50% del sinistro, ricorreva in Cassazione e, tra l'altro, deduceva la responsabilità dell’ente proprietario della strada ex art. 2051 codice civile in quanto la segnaletica in loco non era visibile contestando pertanto l'assenza di idonea segnaletica stradale.
La Suprema Corte con la sentenza della III sezione civile n. 10520 pubblicata il 28 aprile 2017 ha rigettato il ricorso e per quanto riguarda la presunta responsabilità del Comune ha confermato il principio per cui “l’assenza di una intelligibile segnaletica stradale, laddove la circolazione possa comunque avvenire senza inconvenienti anche in mancanza di essa, essendo sufficienti e idonee a regolarla le norme del codice della strada, non può ritenersi causa degli eventuali incidenti occorsi, e quindi non determina alcuna responsabilità dell’ente custode della strada per tali incidenti”.
Confermata la responsabilità concorsuale dei due conducenti dei veicoli coinvolti.

studiolegaledevaleri@gmail.com
 
Ultima modifica:

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
aggiungo una precisazione importante: all'incrocio in questione, luogo del sinistro, non vi era alcun segnale di dare precedenza.
Il tribunale aveva accertato che all’incrocio dove avvenne l’incidente mancava la segnaletica stradale (sia verticale che orizzontale) di dare precedenza.
Pertanto il giudice di merito aveva escluso l'applicazione dell’art. 145, comma 4, C.d.S. che prevede l’obbligo di dare la precedenza "nelle intersezioni nelle quali sia così stabilito dall’autorità competente ai sensi dell’art. 37 e la prescrizione sia resa nota con apposito segnale, assumendo la presunzione di pari responsabilità dei conducenti dei veicoli ex art. 2054, comma 3, c.c..
 
Ultima modifica:

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Il tribunale aveva accertato che all’incrocio dove avvenne l’incidente mancava la segnaletica stradale (sia verticale che orizzontale) di dare precedenza.
Se manca la segnaletica si applica il comma 2 dell' art. 145 CdS: cioè la precedenza va data a chi proviene da destra.
Pertanto uno dei due deve aver trasgredito.
Come ha fatto a sostenere
la segnaletica in loco non era visibile contestando pertanto l'assenza di idonea segnaletica stradale.
Un automobilista che era incorso in un incidente stradale impegnando un incrocio senza rispettare il segnale di dare precedenza,
se poi il tribunale ha accertato la mancanza di segnaletica orizzontale e verticale.
 

griz

Membro Storico
Professionista
immagino che anche in caso di incidente in un incrocio in piena campagna dove la segnaletica non esiste, si debba dare precedenza a chi proviene da destra :)
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
io invece immagino un incidente in una rotatoria.
Da quando ha preso piede la circolazione alla "francese" all'interno delle rotatorie chi entra nella medesima deve dare la precedenza a chi è già all'interno. Tuttavia questo è sancito dal fatto che in prossimità della immissione nella rotatoria c'è il cartello di dare la precedenza.
Se questo manca, chi entra, provenendo alla destra di chi è già dentro alla rotatoria, ha la precedenza.
Questo fatto crea molta confusione.
E' capitato a mia sorella una quindicina di anni fa: entrando in una piazza è stata urtata da un tizio che stava già all'interno; lei sostenne che aveva la precedenza perché veniva da destra, ma l'altro automobilista sostenne "si aggiorni c'è la nuova normativa europea che dice che nelle rotatorie la precedenza va data a chi c'é già dentro; meno male che io ho riportato dei danni irrilevanti; le risparmio di fare la denuncia alla assicurazione." così se ne è andato, senza scambiarsi dati e numero di targa. Peccato che la via da dove proveniva mia sorella non aveva il cartello di dare la precedenza e la sua auto aveva riportato più danni.
 

griz

Membro Storico
Professionista
le rotatorie normali che conosco hanno tutte il segnale di dare precedenza all'ingresso sia verticale che orizzontale in quanto appunto si deve dare precedenza a chi sta nella rotatoria e proviene da sinistra, in caso di assenza di segnaletica il problema ci sarebbe e non mi risulta che il C.d.S dice che si deve dare precdenza a chi sta nella rotatoria. Mi è capitato di veere rotatorie con diritti di prededenza ad una immissione per ragioni di gesctione diversa del flusso di traffico e il segnale di dare precedenza è nella rotatoria
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
le rotatorie normali
vuoi dire le rotatorie degli ultimi vent'anni. Prima di quel tempo chi entrava in una rotatoria aveva la precedenza se non c'era il cartello di dare la precedenza, ed al 90 % il cartello non c'era. Questo era motivo di intasamento della rotatoria stessa. Con il nuovo sistema la coda si forma nella via di accesso.
 

griz

Membro Storico
Professionista
vuoi dire le rotatorie degli ultimi vent'anni. Prima di quel tempo chi entrava in una rotatoria aveva la precedenza se non c'era il cartello di dare la precedenza, ed al 90 % il cartello non c'era. Questo era motivo di intasamento della rotatoria stessa. Con il nuovo sistema la coda si forma nella via di accesso.
esatto
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ingegnere - Settore Edile
Salve, mio marito ed io siamo in separazione dei beni e risediamo nella casa di proprietà di mio marito. Abbiamo deciso di trasferirci in un'altra abitazione(situata nello stesso comune) per la quale io sola ho richiesto il mutuo, facendo mio marito da garante, e che verrà intestata a me. Quesito: ai fini fiscali, spostando la residenza di entrambi nella nuova casa in acquisto, la casa di mio marito come risulterà?
Alto